Uno spazio di confronto sulla medicina con notizie, opinioni e commenti

Notiziario dell'Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri di Brescia – aut. Tribunale di Brescia n. 195/1962

Di loro possiamo parlare solo al passato

18 marzo 2022 Giornata nazionale in memoria delle vittime della pandemia

La mia generazione, quella che si aggira intorno ai settanta, ha avuto una grande fortuna.

Siamo stati testimoni delle “magnifiche sorti e progressive” della nostra pratica degli ultimi 50 anni. Uno sviluppo di conoscenze senza precedenti nella storia della medicina.  Qualità di vita e prognosi dei nostri pazienti sono drammaticamente migliorate.

Illusi, non di aver vinto tutte le malattie, ma che il progresso inarrestabile avrebbe reso possibile ogni traguardo. Le malattie infettive ritenute quasi retaggio del passato, tanto da sottovalutare un’altra grande “pandemia” come l’antibiotico resistenza, sempre più minacciosa.

E non ci siamo resi conto, noi tutti, compreso chi scrive, che la globalizzazione senza limiti, la crisi climatica ed ecologica, lo sfregio di santuari microbici incontaminati, avrebbero rotto l’equilibrio su cui si regge la nostra convivenza. E così lo “sterminator Vesevo” di Leopardi ha avuto, come sempre la natura nella storia umana, il sopravvento.

Abbiamo scoperto la vulnerabilità universale e noi medici, improvvisamente, la nostra impotenza di fronte al virus. La pandemia “catastrofica” si è svelata con la morte diffusa.

Il morire, che avevamo relegato ad evenienza imprevista e segno di sconfitta, diventato improvvisamente protagonista del nostro stare insieme. In un anno a Brescia il COVID ha fatto più vittime della Seconda guerra mondiale.

Ma la nostra gente, medici, infermieri, tecnici, operatori socioassistenziali, volontari e tanti altri hanno lavorato e resistito dinanzi allo “thauma” ovvero all’orrore della morte.

Non c’ è nessuno di noi che non abbia un amico, un collega che conosceva da decenni, che è mancato per il COVID.  Tanti si sono ammalati e molti ancora oggi ne portano le conseguenze.

Abbiamo sempre rifuggito dalle celebrazioni eroiche. No, non sono eroi, ma gente per bene che ha interpretato il senso profondo della nostra professione, insomma che non si è tirata indietro nonostante le incolpevoli mani nude. E la storia è ricca di non eroi, di gente normale come la nostra gente, che scopre il coraggio di non fermarsi davanti al rischio immane.

E proprio per questo oggi li ricordiamo con ancor più grande onore.

Ma in questi mesi quella scienza, che sembrava sconfitta dalla natura e dai nostri disastri di homo sapiens, ci ha ridato la speranza: vaccini, nuovi farmaci e forse… forse il controllo della pandemia.

Dovremo riscoprire tutti la fiducia, e non la fede, nella scienza. La scienza che si basa sull’umiltà delle sue provvisorie verità.

Dobbiamo rinverdire la fiducia nel nostro Sistema Sanitario Nazionale, bene prezioso, inestimabile, che va rivitalizzato, radicalmente riformato, ma mantenuto saldo nei principi ispiratori.

Lo dobbiamo a quelli con il fonendo e le mani nude che non si sono fermati davanti alla paura del morire.

Lo dobbiamo al dolore immenso delle mogli, dei mariti, dei figli, che ora possono parlare di loro solo al passato.

5 1 voto
Valutazione articolo
Iscriviti
Notificami
inserisci il tuo indirizzo e-mail

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti

Altri Articoli

Primo Piano

Si può morire di vecchiaia?

Sulla base del certificato ufficiale di morte, la Regina Elisabetta II sarebbe morta di vecchiaia. Ma esiste la morte per “vecchiaia”? E l’età è di per sé una malattia?

Continua a leggere »
Primo Piano

La figlia di Forlì

Casi clinici/ Una coppia anziana, una figlia lontana e una vicina, il delicato lavoro di composizione del medico. Perché per dare “buoni consigli” bisogna guadagnare i titoli sul campo della quotidianità.

Continua a leggere »
Recensione

Libri/ Racconti psichiatrici

Dei folli, gli psicotici, i matti non si parla più molto. L’esordio letterario di due psichiatri prova a raccontare questo mondo, affidandosi all’intensità degli epigrammi e ad un medical thriller.

Continua a leggere »
Primo Piano

Le “altre” pandemie

Sars-CoV-2 e non solo: le altre pandemie non infettive contribuiscono a distogliere lo sguardo. La guerra, il cambiamento climatico, la crisi di governo. Come sarà l’autunno con tante incertezze all’orizzonte?

Continua a leggere »
Editoriale

Il ruolo sociale del medico

Nonostante i progressi terapeutici e le straordinarie conquiste in campo medico, l’insoddisfazione dei pazienti (ma anche dei medici) è molto aumentata. Analizzarla è il primo passo verso possibili soluzioni.

Continua a leggere »
Primo Piano

Tempi difficili

L’editoriale del direttore Balestrieri analizza il periodo attuale segnato da pandemia, guerra e cambiamenti climatici, alla riscoperta di un senso più autentico della professione medica.

Continua a leggere »
Intervista

La parola è un farmaco

Fausto Manara, psichiatra e psicoterapeuta, innovatore nelle cure per i disturbi del comportamento alimentare, analizza il malessere di un presente inquieto. «Il punto vero è la difficoltà ad avere consapevolezza di chi siamo e quanto valiamo».

Continua a leggere »
Casi clinici

I luoghi della memoria

Casi clinici/ Un incontro inatteso nel silenzio del cimitero riporta alla luce un passato lontano. Alla ricerca di un senso, anche quando i ricordi sembrano svanire.

Continua a leggere »
Primo Piano

Il tempo triste di un mestiere bellissimo

Un sabato mattina d’estate, aspettando di andare al mare. Un improvviso malore e la corsa in Pronto soccorso, scenario di momenti relazionali su cui si misura la vera qualità del medico. Con un ringraziamento postumo, affidato a una cartolina da Rimini.

Continua a leggere »
Casi clinici

Preghiera a Gesù

Casi clinici/ Un lungo matrimonio, una storia esemplare di amore coniugale, che non arretra di fronte alla fatica di vivere. E una preghiera da recitare insieme, tutte le sere.

Continua a leggere »
Casi clinici

La morte della signora Norma

Casi clinici/ Un’anziana sola raccontata dallo sguardo dei sanitari che devono decidere per lei la migliore destinazione, provando a immaginarne la storia e i desideri.

Continua a leggere »
Primo Piano

Il lago dei cigni

Guerra e pandemia, i due cigni neri che hanno messo in crisi le nostre certezze. Per mettere a fuoco le coordinate del futuro l’Ordine lancia un sondaggio on line riservato ai medici bresciani.

Continua a leggere »
Casi clinici

Cibo e demenza

Casi clinici/ Dal cotechino ai cavoli, dal cuscus allo zenzero: il valore dell’alimentazione e il giro del mondo in tavola di un’anziana nell’avvicendamento delle badanti

Continua a leggere »
bambola di pezza
Casi clinici

La suora e la bambola

L’ho incontrata per la prima volta sei mesi fa; mi è stata portata dalle consorelle per un’anormale inquietudine, un comportamento “sopra le righe”. Ottant’anni, è in convento dall’età di dodici.

Continua a leggere »
la città in guerra brucia colpita da un attacco nucleare
Primo Piano

L’ultima epidemia

La guerra nel cuore dell’Europa riporta l’attenzione sulla minaccia nucleare, che potrebbe mettere in pericolo la civiltà umana: l’appello dei medici russi e ucraini aderenti a IPPNW

Continua a leggere »
Casi clinici

Abbandoni

Casi clinici/ “Per una donna ci sono alcuni punti fermi irrinunciabili”. Quegli abbandoni che diventano fattori di rischio della vecchiaia.

Continua a leggere »
0
Lascia un commentox