Uno spazio di confronto sulla medicina con notizie, opinioni e commenti

Notiziario dell'Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri di Brescia – aut. Tribunale di Brescia n. 195/1962

Non mi paga l’occhio…

Seduto dietro la piccola scrivania con le gambe distese guardava l’orologio. Un quarto alle sette. Ancora 45 minuti poi a casa. Per essere un venerdì notte non era stata poi così dura. Certo sentiva già un inizio di cefalea e il desiderio dell’ennesimo caffè era incontenibile.

Bussano e si apre la porta. “C’è un signore di quarant’anni che dice di essere svenuto”, annuncia l’OSS (eravamo in epoca pre triage). Si alzò spostandosi per far posto alla barella ed invece si trovò di fronte un quarantenne in buone condizioni con in parte la moglie con in braccio un bambino assonnato. “Alle sette del sabato di Pasqua viene in PS ed ha un aspetto certamente migliore del mio”. Lo fece stendere sul lettino ed iniziò le solite domande. Cosa era successo, precedenti, anamnesi famigliare per sincope, cardiopatie, morti improvvise…… ”No….No dottore non ho avuto altri episodi simili e non ne ricordo nei miei famigliari. Ero in piedi in bagno e stavo per fare la barba..”. “Si fermi, ha certamente fatto un movimento brusco del collo…”. ”No, dottore, ero lì fermo in piedi e poi mi sono ritrovato per terra, infatti, mi fa male la spalla…qui…”. ”Non riesce a ricostruire quanto è rimasto privo di sensi?”. Intervenne la moglie: “Ho sentito il tonfo e sono corsa, ma era già in piedi, questione davvero di secondi..”.

ECG, Pressione anche in orto, esame obiettivo negativo. “Sincope senza precedenti e non famigliarità, obiettività negativa: dimissibile. Ma….. non mi paga l’occhio… chiamo il cardiologo”.

Le occhiaie tradivano una notte completamente insonne. “Cosa c’è? sono stravolta”. Lui e la cardiologa si conoscevano da anni.

Rapida storia. “Ma è tutto negativo, sta meglio di me e di te, da come la racconti, perché mi hai chiamato”. “Perché non mi paga l’occhio”. ”Ah.. non ti paga l’occhio”. L’espressione era incredula, ma rassegnata. “Beh ormai sono qui, lo vedo”. Dopo dieci minuti, ritorna: “Lo porto in reparto, gli faccio il massaggio sotto monitor”.

“Perché se è tutto normale?”. “Perché non mi paga l’occhio”.

Fine turno. Stava dando le consegne al collega… il telefono. “Sono io, il ragazzo del – non mi paga l’occhio – devi ricoverarlo, gli mettiamo un pacemaker temporaneo e poi farà studio elettrofisiologico. Ciao”.

In macchina pensando alla doccia ed al caffè. La radio: “Stanotte centinaia di donne e bambini..”. Non aveva capito in quale regione dell’Africa si era verificata la strage. E pensare che fino ad un minuto prima era tutto contento per non aver sottovalutato la sincope. Sapeva di aver avuto anche fortuna, ma ora ero solo triste. Si rallegrava per una vita, mentre se ne andavano in una notte centinaia. Per niente.

Stava per addormentarsi. “Ti porto il telefono è tuo padre. Sa che sei tornato dalla notte, ma deve parlarti un minuto”. “Oggi è il Sabato Santo, ricordati di bagnare gli occhi ai bambini, stasera, quando sciolgono le campane perché Lui è risorto”. “Ma papà..”. ”E’ importante perché lui risorge anche per te che forse non ci credi. Intanto fai gli auguri a tutti. Ciao”.

Auguri di una serena Pasqua a tutti

5 1 voto
Valutazione articolo
Iscriviti
Notificami
inserisci il tuo indirizzo e-mail

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti

Altri Articoli

Primo Piano

Si può morire di vecchiaia?

Sulla base del certificato ufficiale di morte, la Regina Elisabetta II sarebbe morta di vecchiaia. Ma esiste la morte per “vecchiaia”? E l’età è di per sé una malattia?

Continua a leggere »
Primo Piano

La figlia di Forlì

Casi clinici/ Una coppia anziana, una figlia lontana e una vicina, il delicato lavoro di composizione del medico. Perché per dare “buoni consigli” bisogna guadagnare i titoli sul campo della quotidianità.

Continua a leggere »
Recensione

Libri/ Racconti psichiatrici

Dei folli, gli psicotici, i matti non si parla più molto. L’esordio letterario di due psichiatri prova a raccontare questo mondo, affidandosi all’intensità degli epigrammi e ad un medical thriller.

Continua a leggere »
Primo Piano

Le “altre” pandemie

Sars-CoV-2 e non solo: le altre pandemie non infettive contribuiscono a distogliere lo sguardo. La guerra, il cambiamento climatico, la crisi di governo. Come sarà l’autunno con tante incertezze all’orizzonte?

Continua a leggere »
Editoriale

Il ruolo sociale del medico

Nonostante i progressi terapeutici e le straordinarie conquiste in campo medico, l’insoddisfazione dei pazienti (ma anche dei medici) è molto aumentata. Analizzarla è il primo passo verso possibili soluzioni.

Continua a leggere »
Primo Piano

Tempi difficili

L’editoriale del direttore Balestrieri analizza il periodo attuale segnato da pandemia, guerra e cambiamenti climatici, alla riscoperta di un senso più autentico della professione medica.

Continua a leggere »
Intervista

La parola è un farmaco

Fausto Manara, psichiatra e psicoterapeuta, innovatore nelle cure per i disturbi del comportamento alimentare, analizza il malessere di un presente inquieto. «Il punto vero è la difficoltà ad avere consapevolezza di chi siamo e quanto valiamo».

Continua a leggere »
Casi clinici

I luoghi della memoria

Casi clinici/ Un incontro inatteso nel silenzio del cimitero riporta alla luce un passato lontano. Alla ricerca di un senso, anche quando i ricordi sembrano svanire.

Continua a leggere »
Primo Piano

Il tempo triste di un mestiere bellissimo

Un sabato mattina d’estate, aspettando di andare al mare. Un improvviso malore e la corsa in Pronto soccorso, scenario di momenti relazionali su cui si misura la vera qualità del medico. Con un ringraziamento postumo, affidato a una cartolina da Rimini.

Continua a leggere »
Casi clinici

Preghiera a Gesù

Casi clinici/ Un lungo matrimonio, una storia esemplare di amore coniugale, che non arretra di fronte alla fatica di vivere. E una preghiera da recitare insieme, tutte le sere.

Continua a leggere »
Casi clinici

La morte della signora Norma

Casi clinici/ Un’anziana sola raccontata dallo sguardo dei sanitari che devono decidere per lei la migliore destinazione, provando a immaginarne la storia e i desideri.

Continua a leggere »
Primo Piano

Il lago dei cigni

Guerra e pandemia, i due cigni neri che hanno messo in crisi le nostre certezze. Per mettere a fuoco le coordinate del futuro l’Ordine lancia un sondaggio on line riservato ai medici bresciani.

Continua a leggere »
Casi clinici

Cibo e demenza

Casi clinici/ Dal cotechino ai cavoli, dal cuscus allo zenzero: il valore dell’alimentazione e il giro del mondo in tavola di un’anziana nell’avvicendamento delle badanti

Continua a leggere »
bambola di pezza
Casi clinici

La suora e la bambola

L’ho incontrata per la prima volta sei mesi fa; mi è stata portata dalle consorelle per un’anormale inquietudine, un comportamento “sopra le righe”. Ottant’anni, è in convento dall’età di dodici.

Continua a leggere »
la città in guerra brucia colpita da un attacco nucleare
Primo Piano

L’ultima epidemia

La guerra nel cuore dell’Europa riporta l’attenzione sulla minaccia nucleare, che potrebbe mettere in pericolo la civiltà umana: l’appello dei medici russi e ucraini aderenti a IPPNW

Continua a leggere »
Casi clinici

Abbandoni

Casi clinici/ “Per una donna ci sono alcuni punti fermi irrinunciabili”. Quegli abbandoni che diventano fattori di rischio della vecchiaia.

Continua a leggere »
0
Lascia un commentox