Uno spazio di confronto sulla medicina con notizie, opinioni e commenti

Notiziario dell'Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri di Brescia – aut. Tribunale di Brescia n. 195/1962

Dottoressa Gaia Simonetta Panina

Una donna, un medico, una scienziata

Così Gaia amava definirsi, nelle numerose interviste rilasciate nel corso della sua lunga e brillante carriera professionale.

Tutti noi lo sapevamo, che lei aveva una marcia in più. Fin dai banchi del liceo scientifico Luzzago, alle aule della nostra Università di Brescia, e ai team group che ha guidato in tutto il mondo. Con i suoi splendidi occhi azzurri e una determinazione rara, si è sempre aperta ad ogni sfida umana e professionale, per farne una opportunità per la medicina, la salute, la ricerca, la scienza.

Dopo la laurea in medicina e chirurgia e la specializzazione in cardiologia a Brescia, muove i primi passi professionali alla Domus Salutis e a Villa Gemma. Il trasferimento a Roma le apre nuovi mondi, prima con l’IRCCS San Raffaele Pisana, poi con l’industria e la ricerca farmaceutica che la vedono sempre più protagonista sulla scena italiana ed internazionale. Bristol Myers Squibb prima, e poi Novartis che diventa la sua famiglia professionale, in cui ricoprirà numerose posizioni di responsabilità, interrompendo prematuramente la sua carriera nel ruolo di Chief Scientific Officer di Novartis Farma.

Per Gaia la salute era anche un tema di bene e responsabilità sociale, e nelle sue interviste parla di “promuovere una cultura della scienza basata sulle competenze, ma allo stesso tempo diffusa ed accessibile. Una vera cultura della scienza si crea solo se si lavora insieme e si condividono obbiettivi”. Tra le numerose iniziative in cui è stata protagonista, ricordiamo che Gaia è stata tra le promotrici di una iniziativa, presentata al G20, per la creazione di un’Alleanza globale per l’alfabetizzazione scientifica sotto il cappello ONU, per consentire l’accesso al sapere scientifico e una cultura della scienza più democratica. I suoi campi di interesse e ricerca scientifica più recenti riguardavano la cardiologia, l’immunologia, e una grandissima attenzione in generale verso l’innovazione.

Fa dei social network il suo mezzo per diffondere i consigli per la salute ed il benessere; alzi la mano chi la seguiva su Facebook per leggere le sue “pillole di salute”.

Ricordo le nostre discussioni intense e appassionate sui nostri mondi professionali, la cardiologia e la medicina riabilitativa, e le tante fantasie e progetti che discutevamo, per avviare attività mediche insieme, rivolte a promuovere la salute della donna e la medicina di genere.

Intensa ed appassionata, mai banale, era sempre alla ricerca di stimoli per crescere e per nutrire il mondo intorno. Uno dei primi libri che mi regalò fu “Sei cappelli per pensare” di Edward de Bono, per stimolare me, bresciana doc, a guardare oltre la siepe stimolando il pensiero laterale.

L’attività di volontariato con i frati del Franciscanum, alla mensa del sabato sera con frate Francesco ha contribuito a riempire ulteriormente di Bene la sua vita e quella delle persone che l’hanno amata.

La malattia ha fatto di lei, se possibile, una persona migliore. Ha vissuto i lunghi anni delle cure fiduciosa nella scienza, credente nella Fede e nel percorso spirituale da cui non si è mai sottratta. Ha ricevuto amore, tanto amore, da suo marito Giangiacomo, dalla sua famiglia e da tutti gli amici sparsi per il mondo.

Il 15 marzo 2022 Gaia ci ha lasciati in questa vita terrena. Ma non è andata via. E’ stata e continua ad essere un modello per tutti noi che l’abbiamo amata e che abbiamo vissuto con lei le gioie e i dolori di questa nostra strana, bellissima vita. Grazie Gaia.

Silvia Galeri

Altri ricordi

Dottor Gianpietro Ramponi

Il nostro amato Piero se n’è andato una calda sera di giugno dopo aver lottato coraggiosamente per due anni contro una malattia che purtroppo non gli ha lasciato scampo. Era una persona che viveva il suo lavoro di medico con

Continua a leggere »

Dottor Renzo Mastroeni

Ciao Renzo, ti scriviamo questa lettera che tu, materialmente, non potrai più leggere dopo che ci hai improvvisamente lasciato una mattina di giugno, ma, almeno così ci piace pensare, la sua eco ti raggiungerà ovunque tu sia. Abbiamo condiviso con

Continua a leggere »

Dottor Genesio Balestrieri

Il dottor Genesio Balestrieri, per me, è stato il maestro. Da lui ho imparato la maggior parte di quello che so di Immunologia Clinica e di Reumatologia ma, soprattutto, ho imparato ad essere medico, nell’accezione più completa che questo comporta.

Continua a leggere »

Dottor Armando Lumini

Palazzolo S/O  30 settembre 1933 _ 10 marzo 2022 ARMANDO Si laurea in Medicina e Chirurgia a Pavia nel 1959 Si specializza a Pavia nel 1963 12 anni da ospedaliero poi la scelta di Medicina Generale ……..POTER CONDIVIDERE UN GRANDE

Continua a leggere »

Dottor Antonio Losio

Antonio Losio, amico e collega (12/6/57-8/1/21) Scrivere di Antonio mi coinvolge emotivamente perché con lui c’è stato un percorso professionale comune che nasce negli anni 80 del secolo scorso. Stesso impegno sindacale nello Snami e impegno culturale con la Snamid

Continua a leggere »

Dottor Federico Pe

Il sorriso del Dottor Federico Pe… L’11 settembre gioca spesso brutti scherzi. In quello del 2021 il dottor e paziente Federico Pe ha completato il suo viaggio terreno all’età di 48 anni. Nel primo, felice, ruolo – quello di medico

Continua a leggere »

Dottor Roberto Pagliaini

Alberto Arrighini (collega e amico) e Gabriella Basagni (collega e moglie) Roberto Pagliaini era giunto a Brescia nel 1975, chiamato dal Prof. Maurizio Bestagno a collaborare con lui nel Servizio di Medicina Nucleare, che proprio Bestagno dirigeva dall’anno della sua

Continua a leggere »

Dottor Giulio Navoni

Dott. Giuseppe Navoni  Giulio Navoni, nasce il 24/02/1922 dal Geom. Cav. Giuseppe Navoni e dalla N.D. Lucia Rodolfi che lo chiamarono così per ricordare l’antenato Giulio Rodolfi illustre medico bresciano ed uno dei fondatori dell’ospedale cittadino e padre di Rodolfo

Continua a leggere »

Dottor Giovanni Monesi

di Ferdinando Brandi È un dolore molto grande per tutti noi che lo abbiamo conosciuto, per me il bisogno e anche il dovere di parlare di lui.  Giovanni è stato un amico. Mi aveva detto qualcosa due anni fa, e

Continua a leggere »

Professor Maurizio Bestagno

Maurizio Bestagno nacque a Sanremo il 6 marzo 1930; dopo la maturità classica al liceo Saccheri di Sanremo, si laureò in medicina e chirurgia presso l’Università di Genova nel 1956. Il periodo storico della sua formazione, tra le due guerre

Continua a leggere »

Dottor Vito Minissale

di Laura Minissale Il mio strepitoso papà si è spento il 27 agosto. Un chirurgo stimato, un uomo, un papà e un nonno amatissimo. La sua scomparsa ha colpito nel profondo tutta la comunità di Palazzolo sull’Oglio dove era stato

Continua a leggere »

Dottor Giovanni Lazzaroni

Chiamiamo Giovanni… Siamo in due o tre intorno al malato e, come spesso accade, in medicina siamo perplessi e confusi. “È un addome acuto, ci vuole il chirurgo”. ”Ma…non ha segni certi di peritonismo”. “Sentite chiamiamo Giovanni”. Giovanni arriva…con il

Continua a leggere »

Dottor Paolo Brunelli

In inglese si dice “I care” cioè mi sta a cuore, mi interessa o meglio ancora MI STAI A CUORE, MI INTERESSI quindi MI PRENDO CURA DI TE. Pensando a Paolo, amico carissimo, il pensiero si indirizza automaticamente a quest’idea

Continua a leggere »