Uno spazio di confronto sulla medicina con notizie, opinioni e commenti

Notiziario dell'Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri di Brescia – aut. Tribunale di Brescia n. 195/1962

Una storia olandese

Conosco Colleghi/e che non partono tranquilli per viaggi o vacanze se non portano con se la borsa da medico corredata da una scorta di farmaci atta ad affrontare qualsiasi evenienza. Prudenti e previdenti. Io no. Sarò incosciente (ci metterei però anche una certa dose di scaramanzia), ma di solito non mi porto appresso neppure un’aspirina, favorito in questo dal fatto che finora non ne ho avuto mai bisogno. Purtroppo c’è sempre una prima volta, e la mia prima volta sarà l’oggetto di questo breve racconto.

Siamo (io e mia moglie) in Olanda, ad Amsterdam. Viaggio di piacere ed affettivo, a trovare un figlio che qui lavora da pochi giorni, trasferitosi da Utrecht. Il problema si presenta al secondo giorno di permanenza: mia moglie comincia ad accusare mal di denti. Si gonfia la gengiva. Un ascesso odontogeno.  Problema per certi versi “banale”, se non fosse che compromette la qualità di vita di chi ne è affetto, sia che debba lavorare, sia che debba vivere una vacanza.

Urge antibiotico. Ci rechiamo in farmacia, chiedendo una confezione di compresse di claritromicina da 500 mg (è allergica ai betalattamici). La farmacista ci fa capire chiaramente che senza ricetta medica il farmaco non può essere dispensato. Le mostro la mia carta d’identità (ancora in formato cartaceo) dove alla voce professione sta scritto “medico”. Evidentemente non basta. Non basta neppure mostrare il tesserino d’iscrizione all’ordine dei medici di Brescia, che mia moglie ha sempre nel portafoglio. Con un po’ di faccia tosta tentiamo la sorte in altre due farmacie. Senza successo. A questo punto bisogna procurarsi una ricetta. Mio figlio, trasferitosi da pochi giorni, non ha ancora fatto la scelta del medico, per cui non abbiamo riferimenti diretti.

Cercando in internet scopriamo che esiste una sorta di ambulatorio per turisti, aperto 8-20, su appuntamento, collocato nei pressi del centro. Prendiamo appuntamento, che ci viene dato a distanza di un paio d’ore, e raggiungiamo l’ambulatorio. Ci sono una segretaria ed il medico. L’ambiente è confortevole, pulito, ben attrezzato. Ci viene chiesta la tessera sanitaria europea (quella si l’abbiamo sempre con noi), che ci da diritto alla gratuità della prestazione. La diagnosi non presenta difficoltà, nessuna problema per la ricetta di 14 compresse di claritromicina da 500 mg. Esperienza positiva.

Ci rechiamo subito in farmacia, dove assistiamo ad una procedura curiosa: la farmacista, presa visione della ricetta, estrae da un cassetto una confezione di 14 compresse di claritromicina di una nota casa farmaceutica di farmaci generici e con le forbici taglia il blister compressa per compressa, riponendole in un sacchettino che ci consegna. Curioso, si fa per dire, anche il costo: 59,80 euro, quando in Italia, se si acquista la stessa confezione senza ricetta del SSN, il costo è 8,01 euro. Forse la differenza la fa la mano d’opera per tagliare il blister. Comunque, battute a parte, questo spiega perché ogni tanto capita che in Italia non si trovino alcuni farmaci, che prendono la via dell’estero, dove il costo è più remunerativo per le case farmaceutiche.

Ne approfitto per un breve cenno sull’organizzazione del sistema sanitario olandese, che adotta un modello universalistico, ma allo stesso tempo applica un modello mutualistico basato sulla concorrenza fra soggetti erogatori privati, con un forte ruolo di regolatore da parte dello stato. Il carattere universalistico del sistema finanzia, tramite la fiscalità generale, l’assistenza a lungo termine, l’assistenza domiciliare e residenziale agli anziani non autosufficienti e ai disabili fisici e psichici.

Per quanto riguarda invece l’aspetto mutualistico, ogni cittadino è obbligato ad iscriversi ad una assicurazione privata (il costo medio è di circa 100 euro mensili), che garantisce l’assistenza primaria, l’assistenza ospedaliera, l’assistenza farmaceutica e l’assistenza paramedica. Per accedere all’assistenza specialistica ed ospedaliera (a parte casi di urgenza) è necessaria la prescrizione del medico di base, che è un libero professionista convenzionato con le assicurazioni private, retribuito con una remunerazione di tipo misto: una quota capitaria ed una quota a prestazione, con tariffe prestabilite a livello centrale.

5 1 voto
Valutazione articolo
Iscriviti
Notificami
inserisci il tuo indirizzo e-mail

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti

Altri Articoli

Primo Piano

Si può morire di vecchiaia?

Sulla base del certificato ufficiale di morte, la Regina Elisabetta II sarebbe morta di vecchiaia. Ma esiste la morte per “vecchiaia”? E l’età è di per sé una malattia?

Continua a leggere »
Primo Piano

La figlia di Forlì

Casi clinici/ Una coppia anziana, una figlia lontana e una vicina, il delicato lavoro di composizione del medico. Perché per dare “buoni consigli” bisogna guadagnare i titoli sul campo della quotidianità.

Continua a leggere »
Recensione

Libri/ Racconti psichiatrici

Dei folli, gli psicotici, i matti non si parla più molto. L’esordio letterario di due psichiatri prova a raccontare questo mondo, affidandosi all’intensità degli epigrammi e ad un medical thriller.

Continua a leggere »
Primo Piano

Le “altre” pandemie

Sars-CoV-2 e non solo: le altre pandemie non infettive contribuiscono a distogliere lo sguardo. La guerra, il cambiamento climatico, la crisi di governo. Come sarà l’autunno con tante incertezze all’orizzonte?

Continua a leggere »
Editoriale

Il ruolo sociale del medico

Nonostante i progressi terapeutici e le straordinarie conquiste in campo medico, l’insoddisfazione dei pazienti (ma anche dei medici) è molto aumentata. Analizzarla è il primo passo verso possibili soluzioni.

Continua a leggere »
Primo Piano

Tempi difficili

L’editoriale del direttore Balestrieri analizza il periodo attuale segnato da pandemia, guerra e cambiamenti climatici, alla riscoperta di un senso più autentico della professione medica.

Continua a leggere »
Intervista

La parola è un farmaco

Fausto Manara, psichiatra e psicoterapeuta, innovatore nelle cure per i disturbi del comportamento alimentare, analizza il malessere di un presente inquieto. «Il punto vero è la difficoltà ad avere consapevolezza di chi siamo e quanto valiamo».

Continua a leggere »
Casi clinici

I luoghi della memoria

Casi clinici/ Un incontro inatteso nel silenzio del cimitero riporta alla luce un passato lontano. Alla ricerca di un senso, anche quando i ricordi sembrano svanire.

Continua a leggere »
Primo Piano

Il tempo triste di un mestiere bellissimo

Un sabato mattina d’estate, aspettando di andare al mare. Un improvviso malore e la corsa in Pronto soccorso, scenario di momenti relazionali su cui si misura la vera qualità del medico. Con un ringraziamento postumo, affidato a una cartolina da Rimini.

Continua a leggere »
Casi clinici

Preghiera a Gesù

Casi clinici/ Un lungo matrimonio, una storia esemplare di amore coniugale, che non arretra di fronte alla fatica di vivere. E una preghiera da recitare insieme, tutte le sere.

Continua a leggere »
Casi clinici

La morte della signora Norma

Casi clinici/ Un’anziana sola raccontata dallo sguardo dei sanitari che devono decidere per lei la migliore destinazione, provando a immaginarne la storia e i desideri.

Continua a leggere »
Primo Piano

Il lago dei cigni

Guerra e pandemia, i due cigni neri che hanno messo in crisi le nostre certezze. Per mettere a fuoco le coordinate del futuro l’Ordine lancia un sondaggio on line riservato ai medici bresciani.

Continua a leggere »
Casi clinici

Cibo e demenza

Casi clinici/ Dal cotechino ai cavoli, dal cuscus allo zenzero: il valore dell’alimentazione e il giro del mondo in tavola di un’anziana nell’avvicendamento delle badanti

Continua a leggere »
bambola di pezza
Casi clinici

La suora e la bambola

L’ho incontrata per la prima volta sei mesi fa; mi è stata portata dalle consorelle per un’anormale inquietudine, un comportamento “sopra le righe”. Ottant’anni, è in convento dall’età di dodici.

Continua a leggere »
la città in guerra brucia colpita da un attacco nucleare
Primo Piano

L’ultima epidemia

La guerra nel cuore dell’Europa riporta l’attenzione sulla minaccia nucleare, che potrebbe mettere in pericolo la civiltà umana: l’appello dei medici russi e ucraini aderenti a IPPNW

Continua a leggere »
Casi clinici

Abbandoni

Casi clinici/ “Per una donna ci sono alcuni punti fermi irrinunciabili”. Quegli abbandoni che diventano fattori di rischio della vecchiaia.

Continua a leggere »
0
Lascia un commentox