Uno spazio di confronto sulla medicina con notizie, opinioni e commenti

Notiziario dell'Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri di Brescia – aut. Tribunale di Brescia n. 195/1962

La morte della signora Norma

E’ stata rinvenuta sulle scale del condominio dal vicino di casa, non si sa quanto tempo sia stata a terra.

Ha 88 anni e da cinque vive negli alloggi protetti del comune; l’assistente sociale riferisce che la paziente prima dell’accaduto soffriva di lieve decadimento cognitivo e camminava con un deambulatore; usufruiva di pasti e di supporto del personale dell’assistenza domiciliare.

In pronto soccorso arriva con compromissione della coscienza. Dopo gli accertamenti viene portata in corsia con diagnosi di trauma cranico con ematoma sottodurale dx e focolai lacero-contusivi intraparenchimali; ferita lacero-contusa frontale dx e fratture multiple dei corpi vertebrali cervicali da caduta a terra. Si dovrà controllare l’evoluzione.

È chiaro che condizioni di salute impediranno il rientro al domicilio ed è necessario prevedere altre possibili destinazioni.

La paziente non si è mai sposata, non ha alcun parente, nessuno da consultare per conoscere storia, desideri, aspettative. L’unico possibile riferimento è una vicina di casa, pure molto anziana, che ha accesso al suo misero conto corrente.

Nei primi giorni di degenza si osserva un lento peggioramento della coscienza nonostante la stabilità del quadro tomografico del capo.

Un ulteriore peggioramento lo si registra dopo una settimana, la prognosi è ragionevolmente sfavorevole nel breve termine.

Si programma il trasferimento presso un centro di post-acuzie della città che potrà accogliere la paziente non prima di 5 giorni.

Il giorno successivo una telefonata dall’hospice della provincia informa della morte inattesa di un paziente e della disponibilità immediata di un posto letto.

Breve consulto tra i medici, la capo infermiera e l’assistente sanitaria che hanno gestito il caso e si concorda di occupare il posto letto in città con un paziente con familiari che gli potranno essere vicini e di inviare là, in provincia, la paziente che non ha nessuno (in dieci giorni nessuno è venuto a trovarla, a chiedere informazioni); e nel pomeriggio la “salutiamo” sulla barella dell’ambulanza per la nuova destinazione: l’attende un viaggio di 40 kilometri verso il luogo dove andrà a morire, sola.

Sola com’è vissuta sino ad ora.

5 2 voti
Valutazione articolo
Iscriviti
Notificami
inserisci il tuo indirizzo e-mail

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti

Altri Articoli

Primo Piano

Si può morire di vecchiaia?

Sulla base del certificato ufficiale di morte, la Regina Elisabetta II sarebbe morta di vecchiaia. Ma esiste la morte per “vecchiaia”? E l’età è di per sé una malattia?

Continua a leggere »
Primo Piano

La figlia di Forlì

Casi clinici/ Una coppia anziana, una figlia lontana e una vicina, il delicato lavoro di composizione del medico. Perché per dare “buoni consigli” bisogna guadagnare i titoli sul campo della quotidianità.

Continua a leggere »
Recensione

Libri/ Racconti psichiatrici

Dei folli, gli psicotici, i matti non si parla più molto. L’esordio letterario di due psichiatri prova a raccontare questo mondo, affidandosi all’intensità degli epigrammi e ad un medical thriller.

Continua a leggere »
Primo Piano

Le “altre” pandemie

Sars-CoV-2 e non solo: le altre pandemie non infettive contribuiscono a distogliere lo sguardo. La guerra, il cambiamento climatico, la crisi di governo. Come sarà l’autunno con tante incertezze all’orizzonte?

Continua a leggere »
Editoriale

Il ruolo sociale del medico

Nonostante i progressi terapeutici e le straordinarie conquiste in campo medico, l’insoddisfazione dei pazienti (ma anche dei medici) è molto aumentata. Analizzarla è il primo passo verso possibili soluzioni.

Continua a leggere »
Primo Piano

Tempi difficili

L’editoriale del direttore Balestrieri analizza il periodo attuale segnato da pandemia, guerra e cambiamenti climatici, alla riscoperta di un senso più autentico della professione medica.

Continua a leggere »
Intervista

La parola è un farmaco

Fausto Manara, psichiatra e psicoterapeuta, innovatore nelle cure per i disturbi del comportamento alimentare, analizza il malessere di un presente inquieto. «Il punto vero è la difficoltà ad avere consapevolezza di chi siamo e quanto valiamo».

Continua a leggere »
Casi clinici

I luoghi della memoria

Casi clinici/ Un incontro inatteso nel silenzio del cimitero riporta alla luce un passato lontano. Alla ricerca di un senso, anche quando i ricordi sembrano svanire.

Continua a leggere »
Primo Piano

Il tempo triste di un mestiere bellissimo

Un sabato mattina d’estate, aspettando di andare al mare. Un improvviso malore e la corsa in Pronto soccorso, scenario di momenti relazionali su cui si misura la vera qualità del medico. Con un ringraziamento postumo, affidato a una cartolina da Rimini.

Continua a leggere »
Casi clinici

Preghiera a Gesù

Casi clinici/ Un lungo matrimonio, una storia esemplare di amore coniugale, che non arretra di fronte alla fatica di vivere. E una preghiera da recitare insieme, tutte le sere.

Continua a leggere »
Primo Piano

Il lago dei cigni

Guerra e pandemia, i due cigni neri che hanno messo in crisi le nostre certezze. Per mettere a fuoco le coordinate del futuro l’Ordine lancia un sondaggio on line riservato ai medici bresciani.

Continua a leggere »
Casi clinici

Cibo e demenza

Casi clinici/ Dal cotechino ai cavoli, dal cuscus allo zenzero: il valore dell’alimentazione e il giro del mondo in tavola di un’anziana nell’avvicendamento delle badanti

Continua a leggere »
bambola di pezza
Casi clinici

La suora e la bambola

L’ho incontrata per la prima volta sei mesi fa; mi è stata portata dalle consorelle per un’anormale inquietudine, un comportamento “sopra le righe”. Ottant’anni, è in convento dall’età di dodici.

Continua a leggere »
la città in guerra brucia colpita da un attacco nucleare
Primo Piano

L’ultima epidemia

La guerra nel cuore dell’Europa riporta l’attenzione sulla minaccia nucleare, che potrebbe mettere in pericolo la civiltà umana: l’appello dei medici russi e ucraini aderenti a IPPNW

Continua a leggere »
Casi clinici

Abbandoni

Casi clinici/ “Per una donna ci sono alcuni punti fermi irrinunciabili”. Quegli abbandoni che diventano fattori di rischio della vecchiaia.

Continua a leggere »
0
Lascia un commentox