Uno spazio di confronto sulla medicina con notizie, opinioni e commenti

Notiziario dell'Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri di Brescia – aut. Tribunale di Brescia n. 195/1962

Il tempo triste di un mestiere bellissimo

Un sabato mattina d’estate. In bermuda e maglietta sta ripitturando il timone della sua caravan. Moglie e figli caricano le ultime cose. La vacanza è già cominciata. Aspettano il fresco per “andare al mare”.

Il dolore, la sudorazione profusa, la sensazione di mancamento. “Sto male, mi fa male qui”.  La mano sul torace e poi la corsa in ambulanza. Corre anche il barelliere verso l’ambulatorio del PS, l’ammalato è “brutto”. Siamo in epoca pre codici, pre triage.

La pressione, la vena, l’ecg: infarto acuto anteriore. Colloquio via interfono con il cardiologo e invio in UTIC.

Aspettando l’ascensore. “Oggi dovevamo partire pe il mare”, dice al medico, l’infermiera gli prende la mano. “Certo adesso dobbiamo curarla, ma sono sicuro che fra qualche giorno porterà sua e moglie e suoi figli al mare”. Il medico gli parla, lo guarda. È lì con lui.

Quante volte ci è capitato di partecipare ad improvvise cesure della vita. Il referto TAC portato con trepidazione al medico di famiglia. Guardare l’espressione del dottore mentre legge per capire se proseguirà nella sua quotidianità o se tutto cambierà.

Ed è su questi momenti relazionali che si misura la qualità vera del medico.

Ma siamo sempre più attratti, e ancora di più i giovani per questioni generazionali di dimestichezza digitale, dalle “meravigliose sorti e progressive” dell’intelligenza artificiale che si affaccia sempre più in termini operativi nella clinica.

John Noseworthy, già direttore della Mayo Clinic, scriveva nel 2019 (NEJM): “Questa relazione, al centro dell’assistenza sanitaria, è stata una costante attraverso culture e secoli, e credo che debba rimanere centrale nella pratica medica anche se la medicina si evolve”.

Il contrasto a COVID-19, anche nei momenti più aggressivi, si è in larga parte basato sulla qualità di questa relazione, divenuta, spesso, l’unica vicinanza al paziente, soprattutto quando non avevamo strumenti efficaci di fronte ad un morbo sconosciuto.

Ma la competenza è un altro prerequisito per fare il dottore. E in questi due anni e più di pandemia tutti ci siamo affidati all’umiltà del metodo scientifico, sempre in progress, ed allo studio.

Si sono resi disponibili, in tempi rapidi ed impensabili, vaccini efficaci.

“Sulla base del nostro modello di adattamento ai decessi per COVID-19 ufficialmente riportati, abbiamo stimato che 18.1 milioni (intervallo credibile 95% [CrI] 17·4–19·7) di decessi dovuti a COVID-19 si sarebbero verificati senza vaccinazioni in tutto il mondo durante il primo anno del programma di vaccinazione COVID-19 (8 dicembre 2020, 8 dicembre 2021). Global impact of the first year of COVID-19 vaccination: a mathematical modelling study. The Lancet Infectious Diseases 23 giugno 2022.”

La campagna vaccinale nel mondo, come era del tutto prevedibile, ha privilegiato i paesi più ricchi.  

In Italia e nella nostra provincia è stata di grande successo ed impatto. Per una volta è merito di tutti, e le continue sollecitazioni dell’Ordine a lavorare insieme, come per altro COVID-19 ci ha insegnato nelle fasi più acute, non sono rimaste inascoltate. Ebbene dobbiamo mantenere quello spirito e riflettere (nessuno ha la pallottola d’argento) su come affrontare i prossimi mesi. Solleciteremo in tal senso le istituzioni.

Il virus nelle varianti più recenti di Omicron circola ed è altamente infettivo, se pur, dai dati di letteratura, con una minore morbilità. Sappiamo tutti che la protezione vaccinale contro l’infezione è modesta e scema nel tempo. Siamo tutti stanchi, noi compresi, di restrizioni e tutti speravamo in una convivenza accettabile con la pandemia e che si scivolasse verso l’endemia. Rimangono tanti dubbi. Ci sarà un nuovo vaccino in tempi brevi attivo sulle varianti? Chi dovremo vaccinare? Aspettiamo i risultati delle sperimentazioni in corso.

Ma intanto usiamo la mascherina (FFP2) nei luoghi chiusi o in caso di assembramento.

Il nostro sondaggio, in pubblicazione, tratteggia bene questo tempo triste di pandemia. La comunità medica bresciana ha sofferto, pagando un prezzo alto in termini di disagio fisico e psichico, ma ha risposto con sacrificio e dedizione che qui vanno testimoniati.

Finirà la pandemia, finirà la guerra alle porte, finirà questo tempo della insicurezza e dell’ansia collettiva.

Si apriranno scenari complessi di nuove strabilianti conquiste tecnologiche centrate, come dicevo prima, sull’intelligenza artificiale che faranno un gran bene ai futuri malati.

Ma c’è un elemento costituente, scolpito nella pietra, del nostro lavoro: l’incontro, unico, insostituibile con il malato. Senza questo nessuna innovazione potrà realizzare a pieno tutte le sue potenzialità.

Non ne poteva più.. quanti malati aveva visto. Guardava l’orologio…20 minuti poi finito per oggi.

Un bussare lieve. “E’ la suora..”. “Guardi, è arrivata una cartolina da Rimini indirizzata ai dottori e personale del PS”. “Cari dottori, cari infermieri e personale tutto siamo al mare. Grazie. Il malato con l’infarto di sabato mattina di un mese fa”.

Il nostro è un mestiere bellissimo.

5 2 voti
Valutazione articolo
Iscriviti
Notificami
inserisci il tuo indirizzo e-mail

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti

Altri Articoli

Primo Piano

Si può morire di vecchiaia?

Sulla base del certificato ufficiale di morte, la Regina Elisabetta II sarebbe morta di vecchiaia. Ma esiste la morte per “vecchiaia”? E l’età è di per sé una malattia?

Continua a leggere »
Primo Piano

La figlia di Forlì

Casi clinici/ Una coppia anziana, una figlia lontana e una vicina, il delicato lavoro di composizione del medico. Perché per dare “buoni consigli” bisogna guadagnare i titoli sul campo della quotidianità.

Continua a leggere »
Recensione

Libri/ Racconti psichiatrici

Dei folli, gli psicotici, i matti non si parla più molto. L’esordio letterario di due psichiatri prova a raccontare questo mondo, affidandosi all’intensità degli epigrammi e ad un medical thriller.

Continua a leggere »
Primo Piano

Le “altre” pandemie

Sars-CoV-2 e non solo: le altre pandemie non infettive contribuiscono a distogliere lo sguardo. La guerra, il cambiamento climatico, la crisi di governo. Come sarà l’autunno con tante incertezze all’orizzonte?

Continua a leggere »
Editoriale

Il ruolo sociale del medico

Nonostante i progressi terapeutici e le straordinarie conquiste in campo medico, l’insoddisfazione dei pazienti (ma anche dei medici) è molto aumentata. Analizzarla è il primo passo verso possibili soluzioni.

Continua a leggere »
Primo Piano

Tempi difficili

L’editoriale del direttore Balestrieri analizza il periodo attuale segnato da pandemia, guerra e cambiamenti climatici, alla riscoperta di un senso più autentico della professione medica.

Continua a leggere »
Intervista

La parola è un farmaco

Fausto Manara, psichiatra e psicoterapeuta, innovatore nelle cure per i disturbi del comportamento alimentare, analizza il malessere di un presente inquieto. «Il punto vero è la difficoltà ad avere consapevolezza di chi siamo e quanto valiamo».

Continua a leggere »
Casi clinici

I luoghi della memoria

Casi clinici/ Un incontro inatteso nel silenzio del cimitero riporta alla luce un passato lontano. Alla ricerca di un senso, anche quando i ricordi sembrano svanire.

Continua a leggere »
Casi clinici

Preghiera a Gesù

Casi clinici/ Un lungo matrimonio, una storia esemplare di amore coniugale, che non arretra di fronte alla fatica di vivere. E una preghiera da recitare insieme, tutte le sere.

Continua a leggere »
Casi clinici

La morte della signora Norma

Casi clinici/ Un’anziana sola raccontata dallo sguardo dei sanitari che devono decidere per lei la migliore destinazione, provando a immaginarne la storia e i desideri.

Continua a leggere »
Primo Piano

Il lago dei cigni

Guerra e pandemia, i due cigni neri che hanno messo in crisi le nostre certezze. Per mettere a fuoco le coordinate del futuro l’Ordine lancia un sondaggio on line riservato ai medici bresciani.

Continua a leggere »
Casi clinici

Cibo e demenza

Casi clinici/ Dal cotechino ai cavoli, dal cuscus allo zenzero: il valore dell’alimentazione e il giro del mondo in tavola di un’anziana nell’avvicendamento delle badanti

Continua a leggere »
bambola di pezza
Casi clinici

La suora e la bambola

L’ho incontrata per la prima volta sei mesi fa; mi è stata portata dalle consorelle per un’anormale inquietudine, un comportamento “sopra le righe”. Ottant’anni, è in convento dall’età di dodici.

Continua a leggere »
la città in guerra brucia colpita da un attacco nucleare
Primo Piano

L’ultima epidemia

La guerra nel cuore dell’Europa riporta l’attenzione sulla minaccia nucleare, che potrebbe mettere in pericolo la civiltà umana: l’appello dei medici russi e ucraini aderenti a IPPNW

Continua a leggere »
Casi clinici

Abbandoni

Casi clinici/ “Per una donna ci sono alcuni punti fermi irrinunciabili”. Quegli abbandoni che diventano fattori di rischio della vecchiaia.

Continua a leggere »
0
Lascia un commentox