Uno spazio di confronto sulla medicina con notizie, opinioni e commenti

Notiziario dell'Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri di Brescia – aut. Tribunale di Brescia n. 195/1962

Le visite notturne

La “badante” ha telefonato perché stavolta andassi a visitare anche il fratello. Per quanto ne sapevo non aveva problemi rilevanti, se non una grave riduzione della vista. Quando casualmente lo incontravo era gentile, mi accompagnava al cancello del cortile chiedendo del fratello malato e ringraziando. Sentivo per lui una naturale simpatia, credo reciproca. Il problema doveva essere di nuova insorgenza.

Novant’anni, ex carpentiere e proprietario di una piccola impresa edile ceduta a un nipote. Religiosissimo, la sua vita extra lavorativa aveva ruotato sempre attorno alle attività parrocchiali. Promotore di raccolte fondi parrocchiali per opere di carità, per il restauro dell’organo o di un dipinto della chiesa, organizzatore di pellegrinaggi. La sua fede religiosa era facilmente intuibile dalle immagini sacre alle pareti della sua camera, più simile a un santuario mariano che a una stanza da letto.

Due mesi prima era stato ricoverato in ospedale e dimesso con diagnosi di demenza. In un eccesso di sventurata confidenza aveva raccontato al curante di incontrare frequentemente, di notte, la Madonna. Gli appariva ai piedi del letto. In ospedale era stato trattato con antipsicotici e le “allucinazioni” erano scomparse.

Quando lo incontro ha lo sguardo inespressivo, amimico, ha evidenti segni di parkinsonismo da farmaci. Prima del ricovero era completamente autosufficiente. Sensibile ai frequentissimi difetti sensoriali degli anziani, della documentazione clinica del recente ricovero mi colpisce, oltre alla diagnosi di demenza, anche quella di maculopatia degenerativa (appena laureato avevo diagnosticato e descritto tre casi di allucinazioni visive benigne -illusioni- in ultranovantenni con problemi di vista).

Provo a tentare qualche interpretazione diagnostica, ma ancor più immaginare quello che deve aver provato in questi due mesi: la delusione del tradimento (il medico non solo non aveva apprezzato la confessione, ma l’aveva fatto ricoverare), la perdita dell’autosufficienza (non è più in grado di alzarsi dal letto) e soprattutto la delusione di non poter più godere della gioia di incontrare la Madonna che aveva pregato tutta la vita.

È rallentato, ma non cognitivamente compromesso. Lo visito e, fatta uscire la badante dalla stanza, gli chiedo se può raccontare. Il mio affettuoso interesse lo aiuta a rompere gli indugi e in dettaglio descrive gli incontri con “Maria, madre di Dio”. Nel racconto gli occhi si riempiono di gioia.

Provo a modificare la terapia. Lo rivedo dopo due settimane. È in miglioramento, ora si alza anche autonomamente dal letto. Mi ringrazia, e appena siamo soli con giri di parole fa capire che sono tornate le visite notturne, è felice.

Lo saluto con una complice stretta di mano: stavolta il segreto deve rimanere tale.

4 4 voti
Valutazione articolo
Iscriviti
Notificami
inserisci il tuo indirizzo e-mail

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti

Altri Articoli

Intervista

Al ritmo del cervello

Alberto Benussi, neurologo e ricercatore UniBs, studia nuove metodiche non invasive per sfidare Alzheimer e demenze

Continua a leggere »
Editoriale

Out of pocket

Per mantenere un Servizio Sanitario Nazionale all’altezza della sua tradizione è necessario mettersi in ascolto degli uomini e delle donne che vi lavorano

Continua a leggere »
Casi clinici

Il valore della memoria

Casi clinici/ E’ stato testimone delle tappe più importanti della comunità: la storia di Giuseppe che ricorda la Spoon River di chi non c’è più

Continua a leggere »
Primo Piano

Nodi da sciogliere

La revoca della sospensione dei medici non vaccinati impone una riflessione deontologica importante. Insieme ad un’analisi dei nodi da sciogliere per il futuro.

Continua a leggere »
Editoriale

Si può morire di vecchiaia?

Sulla base del certificato ufficiale di morte, la Regina Elisabetta II sarebbe morta di vecchiaia. Ma esiste la morte per “vecchiaia”? E l’età è di per sé una malattia?

Continua a leggere »
Casi clinici

La figlia di Forlì

Casi clinici/ Una coppia anziana, una figlia lontana e una vicina, il delicato lavoro di composizione del medico. Perché per dare “buoni consigli” bisogna guadagnare i titoli sul campo della quotidianità.

Continua a leggere »
Recensione

Libri/ Racconti psichiatrici

Dei folli, gli psicotici, i matti non si parla più molto. L’esordio letterario di due psichiatri prova a raccontare questo mondo, affidandosi all’intensità degli epigrammi e ad un medical thriller.

Continua a leggere »
Primo Piano

Le “altre” pandemie

Sars-CoV-2 e non solo: le altre pandemie non infettive contribuiscono a distogliere lo sguardo. La guerra, il cambiamento climatico, la crisi di governo. Come sarà l’autunno con tante incertezze all’orizzonte?

Continua a leggere »
Editoriale

Il ruolo sociale del medico

Nonostante i progressi terapeutici e le straordinarie conquiste in campo medico, l’insoddisfazione dei pazienti (ma anche dei medici) è molto aumentata. Analizzarla è il primo passo verso possibili soluzioni.

Continua a leggere »
Primo Piano

Tempi difficili

L’editoriale del direttore Balestrieri analizza il periodo attuale segnato da pandemia, guerra e cambiamenti climatici, alla riscoperta di un senso più autentico della professione medica.

Continua a leggere »
Intervista

La parola è un farmaco

Fausto Manara, psichiatra e psicoterapeuta, innovatore nelle cure per i disturbi del comportamento alimentare, analizza il malessere di un presente inquieto. «Il punto vero è la difficoltà ad avere consapevolezza di chi siamo e quanto valiamo».

Continua a leggere »
Casi clinici

I luoghi della memoria

Casi clinici/ Un incontro inatteso nel silenzio del cimitero riporta alla luce un passato lontano. Alla ricerca di un senso, anche quando i ricordi sembrano svanire.

Continua a leggere »
Primo Piano

Il tempo triste di un mestiere bellissimo

Un sabato mattina d’estate, aspettando di andare al mare. Un improvviso malore e la corsa in Pronto soccorso, scenario di momenti relazionali su cui si misura la vera qualità del medico. Con un ringraziamento postumo, affidato a una cartolina da Rimini.

Continua a leggere »
Casi clinici

Preghiera a Gesù

Casi clinici/ Un lungo matrimonio, una storia esemplare di amore coniugale, che non arretra di fronte alla fatica di vivere. E una preghiera da recitare insieme, tutte le sere.

Continua a leggere »
Casi clinici

La morte della signora Norma

Casi clinici/ Un’anziana sola raccontata dallo sguardo dei sanitari che devono decidere per lei la migliore destinazione, provando a immaginarne la storia e i desideri.

Continua a leggere »
Primo Piano

Il lago dei cigni

Guerra e pandemia, i due cigni neri che hanno messo in crisi le nostre certezze. Per mettere a fuoco le coordinate del futuro l’Ordine lancia un sondaggio on line riservato ai medici bresciani.

Continua a leggere »
Casi clinici

Cibo e demenza

Casi clinici/ Dal cotechino ai cavoli, dal cuscus allo zenzero: il valore dell’alimentazione e il giro del mondo in tavola di un’anziana nell’avvicendamento delle badanti

Continua a leggere »
bambola di pezza
Casi clinici

La suora e la bambola

L’ho incontrata per la prima volta sei mesi fa; mi è stata portata dalle consorelle per un’anormale inquietudine, un comportamento “sopra le righe”. Ottant’anni, è in convento dall’età di dodici.

Continua a leggere »
la città in guerra brucia colpita da un attacco nucleare
Primo Piano

L’ultima epidemia

La guerra nel cuore dell’Europa riporta l’attenzione sulla minaccia nucleare, che potrebbe mettere in pericolo la civiltà umana: l’appello dei medici russi e ucraini aderenti a IPPNW

Continua a leggere »
Casi clinici

Abbandoni

Casi clinici/ “Per una donna ci sono alcuni punti fermi irrinunciabili”. Quegli abbandoni che diventano fattori di rischio della vecchiaia.

Continua a leggere »
0
Lascia un commentox