Cerca

Uno spazio di confronto sulla medicina con notizie, opinioni e commenti

Notiziario dell'Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri di Brescia – aut. Tribunale di Brescia n. 195/1962

Menù green – amico del clima

Pillole Green

Le Pillole Green sono approfondimenti periodici che riguardano i “micro” interventi in ambito sanitario per contribuire a salvaguardare l’ambiente e il clima. Le Pillole sono a cura dell’Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia di Bergamo, con cui volentieri avviamo questa collaborazione.

Pillola n.14/ Menù green – amico del clima

a cura di Antonio Bonaldi

Un’iniziativa che offre spunti di interesse generale, inserita nelle progettualità promosse dall’Ordine dei Medici di Bergamo per rendere i servizi sanitari più sostenibili.

Lo scorso 6 maggio, il comune di Bergamo ha presentato alla stampa il progetto Menù green – amico del clima. Un’iniziativa importante che si propone di migliorare la salute dell’uomo e dell’ambiente adottando a casa, nelle scuole, al ristorante e nelle mense aziendali, un’alimentazione sana e sostenibile, cioè con più alimenti di origine vegetale.

La ricerca scientifica ha dimostrato, infatti, che una dieta ricca di cereali integrali, legumi, verdura e frutta e con meno proteine di origine animale (carni rosse in particolare), riduce l’incidenza dell’obesità, del diabete, delle malattie cardiovascolari e dei tumori, ma diminuisce anche le emissioni di gas serra e di conseguenza il riscaldamento terrestre.

Ricordiamoci che il sistema alimentare è responsabile da solo di circa un terzo della produzione globale di CO2 e che, in particolare, gli allevamenti intensivi sono i principali produttori di due potenti gas serra: il metano e l’ossido nitroso. Per avere un’idea del diverso impatto sull’ambiente delle diete a base di proteine animali o vegetali, basti pensare che per produrre un kg di manzo immettiamo nell’ambiente l’equivalente in CO2 di un’automobile che percorre 700 km, mentre per produrre 1 kg di mais quell’auto si fermerebbe dopo aver percorso solo 10 km.

Gli esercizi commerciali e le mense scolastiche e aziendali che aderiranno al progetto saranno riconoscibili dall’apposito logo Menu green che verrà esposto all’ingresso dei locali. In questo modo i ristoratori s’impegnano a garantire la presenza nel proprio menù di almeno un pasto di soli ingredienti vegetali per ciascuna portata (antipasto, primo, secondo e contorno), curando la provenienza degli ingredienti, la preparazione, il gusto e la presentazione dei piatti.

Oltre a ciò, gli esercizi commerciali o le mense potranno aggiungere altre azioni qualificanti tra quelle previste dalle linee guida, come ad esempio: utilizzare esclusivamente olio extravergine di oliva per il condimento, offrire l’opzione della frutta fresca di stagione, proporre piatti sia in porzione normale che ridotta, valorizzare i prodotti locali, rendere disponibili i contenitori per portare a casa il cibo avanzato e soprattutto rendere esplicitamente disponibile l’acqua di rete, in alternativa all’acqua in bottiglia (specie se di plastica). Un’iniziativa, quest’ultima, che contribuisce non solo a diminuire le emissioni di CO2 ma anche a ridurre l’inquinamento da plastica che, insieme al riscaldamento terrestre, è considerato uno dei problemi ambientali più gravi e più complessi. Ricordo che solo il 9% della plastica viene riciclato, l’11% viene incenerito e il restante 80% si accumula nell’ambiente, contaminando il suolo, l’atmosfera e soprattutto le acque di tutto il mondo con danni enormi per la salute dell’uomo e degli ecosistemi terrestri e marini.

Questa iniziativa si inserisce nel progetto promosso dall’Ordine dei Medici di Bergamo “Servizi sanitari e transizione ecologica: un’alleanza tra le istituzioni”, che si propone di ridurre le emissioni di CO2 generate dai servizi sanitari attraverso la collaborazione tra le istituzioni cittadine, condividendo idee e avviando progetti di comune interesse, come per esempio, quello di adottare i principi del Menù green – amico del clima anche nelle aziende sanitarie, sia per i dipendenti che per i degenti. 

Loading

5 1 voto
Valutazione articolo
Iscriviti
Notificami
inserisci il tuo indirizzo e-mail

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti

Altri Articoli

Casi clinici

Perduto amore

Casi clinici/ Una paziente con disturbo dell’umore, l’ennesimo consulto e le ragioni di un nome improbabile, ricordo di un amore perduto.

Continua a leggere »
Casi clinici

Pregiudizi e prognosi

Casi clinici/ Perché quell’errore prognostico? Cosa l’ha condizionato?
Un caso emblematico che dà voce all’esperienza condivisa da molti medici.

Continua a leggere »
Articolo

Ritorno a Kabul

Dall’Afghanistan ai Paesi teatro di crisi umanitarie, una testimonianza di vita dalla cooperazione internazionale.

Continua a leggere »
Casi clinici

Sentire voci

Casi clinici/ Una tv che parla, anche da spenta. Una riflessione sulla vecchiaia, la povertà e la relazione d’aiuto.

Continua a leggere »
Casi clinici

La famiglia numerosa

Casi clinici/ Qual è la scelta migliore? Un paziente anziano, tanti figli e la difficile mediazione tra bisogni, opinioni e desideri.

Continua a leggere »
Primo Piano

Portaflebo

Casi clinici/ Nell’anticamera di una stanza di ospedale, l’attesa, scandita dal lento passare dei giorni di una settimana.

Continua a leggere »
Primo Piano

A cuore aperto

Innovatore nell’ambito della cardiochirurgia, il prof. Alfieri si racconta in occasione del prestigioso riconoscimento Mitral Conclave Lifetime Achievement Award.

Continua a leggere »
Articolo

Uno sguardo sul futuro

Il discorso tenuto dal presidente CAO, dottor Fusardi, durante l’Assemblea annuale dell’Ordine dei Medici di Brescia, lo scorso 16 aprile 2023.

Continua a leggere »
Primo Piano

La relazione che cura

Il recente episodio di cronaca che ha coinvolto il Centro psicosociale di Orzinuovi offre l’occasione per ragionare su disagio psichico e investimenti in sanità.

Continua a leggere »
Casi clinici

Le sorelle Samantha

Casi clinici/ Una casa popolare in provincia, una pentola che bolle sui fornelli, una donna affetta da demenza, attorniata da una famiglia molto particolare.

Continua a leggere »
Recensione

Il capitale biologico

Recensione del libro "Il capitale biologico – Le conseguenze sulla salute delle diseguaglianze sociali", di Luca Carra e Paolo Vineis.

Continua a leggere »
Primo Piano

Non lasciateci soli

Riceviamo e volentieri pubblichiamo la lettera della dottoressa Sara Palmieri, apparsa sui media e condivisa da moltissimi colleghi.

Continua a leggere »
Casi clinici

Idem sentire

Casi clinici/ A volte, per riconoscersi, bastano uno sguardo e poche parole. Un’affinità immediata che può nascere anche in una stanza di ospedale.

Continua a leggere »
Primo Piano

Il morbo di K

Nel Giorno della Memoria, il ricordo di un’insolita epidemia che salvò molti ebrei dalla deportazione.

Continua a leggere »
Editoriale

Medicina è cultura

Insieme ai farmaci, anche i testi letterari possono diventare una cura. Per sostituire alla moderna frenesia il benessere offerto dalle buone letture.

Continua a leggere »
Casi clinici

Eleganza medica

Casi clinici/ Seduto accanto al letto c’è un uomo elegante, molto elegante. Nessuno vedendolo potrebbe pensarlo se non medico: è l’archetipo del medico.

Continua a leggere »
Intervista

Al ritmo del cervello

Alberto Benussi, neurologo e ricercatore UniBs, studia nuove metodiche non invasive per sfidare Alzheimer e demenze

Continua a leggere »
Editoriale

Out of pocket

Per mantenere un Servizio Sanitario Nazionale all’altezza della sua tradizione è necessario mettersi in ascolto degli uomini e delle donne che vi lavorano

Continua a leggere »
Casi clinici

Il valore della memoria

Casi clinici/ E’ stato testimone delle tappe più importanti della comunità: la storia di Giuseppe che ricorda la Spoon River di chi non c’è più

Continua a leggere »
0
Lascia un commentox