Cerca

Uno spazio di confronto sulla medicina con notizie, opinioni e commenti

Notiziario dell'Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri di Brescia – aut. Tribunale di Brescia n. 195/1962

Richiesta di suicidio assistito

Ieri la visita a un mio vecchio amico, architetto, professore universitario da poco in pensione. Un “barone”.

L’avevo conosciuto più di venti anni fa a casa di una mia paziente ultranovantenne: le aveva completamente rifatto l’abitazione con soluzioni stravaganti, arredi futuristici, facendola divertire, spendere un sacco di denaro, e per questo, facendo imbufalire i nipoti.

Divenni amico quando un giorno bussò alla porta del mio studio, all’improvviso, senza preannunciare il suo arrivo, imponendomi il suo ricovero, immediatamente (“sono esaurito, senza energia, a pezzi”). Voleva far perdere le sue tracce – in fuga da una donna? – voleva sparire.

Da quella volta abbiamo iniziato a vederci con frequenza variabile, per amicizia, per suoi acciacchi immaginari o per malattie vere. Ogni Natale, da vent’anni, mi manda uno scatolone di biscotti tipici della sua terra d’origine, un sacco di noci, un prosciutto.

La scorsa settimana ha telefonato chiedendo di vedermi. Mi avevano detto della ripresa di una malattia tumorale, che stava molto male, avrei dovuto andare a salutarlo ierlaltro, ma pensando di non aver tempo sufficiente per starci un po’ ho rimandato a ieri.

Mi ha accolto con gli occhialini dell’ossigeno, dimagrito di almeno trenta chili rispetto alla volta precedente che l’avevo incontrato (tre mesi fa, a Natale) e con un’alopecia da chemioterapia.

Ci siamo seduti al tavolo da pranzo, ha fatto portare dalla colf degli stuzzichini e una bottiglia di champagne blanc de blanc ghiacciato che mi ha fatto stappare e poi guardandomi in faccia mi ha chiesto di aiutarlo a morire. Gli rimane ancora poco tempo di vita, il suo cancro è uno dei più gravi, non vuole finire in un hospice e vorrebbe evitare di dover andare in Svizzera o in Belgio o in Olanda. Mi ha detto di avere due revolver in casa, ma pur non escludendo di dovervi ricorrere, vorrebbe evitare anche di far troppo clamore creando scandalo.

Ha predisposto tutto per le diverse opzioni, “non c’è fretta”, ma vuole la mia disponibilità ad assisterlo quando deciderà che è giunto il momento. L’ho guardato in faccia e senza tanti tentennamenti gli ho detto che quando sarà necessario potrà contare su di me.

Detto questo (nei lunghi colloqui con un mio amico suicidologo padovano, ho imparato che chi vuole togliersi la vita deve avere la sicurezza di poterlo fare, è il modo con il quale temporaneamente trova la possibilità di sfuggire alla morsa del dolore) ho anche pensato che abita al quarto piano e che se avesse già raggiunto la determinazione di togliersi la vita, a prescindere dalle premesse sopra riportate, potrebbe farlo facilmente quando vuole senza il mio aiuto. Probabilmente c’è davvero ancora un po’ di tempo.

Ho chiesto di dirmi della sua chemioterapia, dei suoi esami, dell’Istituto Universitario che ha lasciato, della qualità dei suoi allievi, della qualità degli studenti di oggi… L’ho portato ai ricordi, alla relazione con suo padre e sua madre, alle sue numerose mogli, alle infinite donne che lui mi ha ripetuto di aver avuto e richiamandogli i colloqui fatti venti anni fa siamo arrivati al senso della sua vita, di allora e di oggi, alla sua incapacità di mantenere relazioni stabili, alla sua solitudine. Ha parlato per almeno un’ora. Ora che si era disvelato avevo la possibilità di tenerlo per mano. Quando me ne sono andato il suo volto era completamente cambiato. Gli occhi vivi e credo anche felici. Gli ho garantito che sarei passato presto per riparlare del suo progetto.

Mi aspetta un compito difficile. Chi vuole levar la mano su di sé giunge invariabilmente a farlo se non trova un’altra mano che lo trattiene.

Loading

5 1 voto
Valutazione articolo
Iscriviti
Notificami
inserisci il tuo indirizzo e-mail

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti

Altri Articoli

Casi clinici

Perduto amore

Casi clinici/ Una paziente con disturbo dell’umore, l’ennesimo consulto e le ragioni di un nome improbabile, ricordo di un amore perduto.

Continua a leggere »
Casi clinici

Pregiudizi e prognosi

Casi clinici/ Perché quell’errore prognostico? Cosa l’ha condizionato?
Un caso emblematico che dà voce all’esperienza condivisa da molti medici.

Continua a leggere »
Articolo

Ritorno a Kabul

Dall’Afghanistan ai Paesi teatro di crisi umanitarie, una testimonianza di vita dalla cooperazione internazionale.

Continua a leggere »
Casi clinici

Sentire voci

Casi clinici/ Una tv che parla, anche da spenta. Una riflessione sulla vecchiaia, la povertà e la relazione d’aiuto.

Continua a leggere »
Casi clinici

La famiglia numerosa

Casi clinici/ Qual è la scelta migliore? Un paziente anziano, tanti figli e la difficile mediazione tra bisogni, opinioni e desideri.

Continua a leggere »
Primo Piano

Portaflebo

Casi clinici/ Nell’anticamera di una stanza di ospedale, l’attesa, scandita dal lento passare dei giorni di una settimana.

Continua a leggere »
Primo Piano

A cuore aperto

Innovatore nell’ambito della cardiochirurgia, il prof. Alfieri si racconta in occasione del prestigioso riconoscimento Mitral Conclave Lifetime Achievement Award.

Continua a leggere »
Articolo

Uno sguardo sul futuro

Il discorso tenuto dal presidente CAO, dottor Fusardi, durante l’Assemblea annuale dell’Ordine dei Medici di Brescia, lo scorso 16 aprile 2023.

Continua a leggere »
Primo Piano

La relazione che cura

Il recente episodio di cronaca che ha coinvolto il Centro psicosociale di Orzinuovi offre l’occasione per ragionare su disagio psichico e investimenti in sanità.

Continua a leggere »
Casi clinici

Le sorelle Samantha

Casi clinici/ Una casa popolare in provincia, una pentola che bolle sui fornelli, una donna affetta da demenza, attorniata da una famiglia molto particolare.

Continua a leggere »
Recensione

Il capitale biologico

Recensione del libro "Il capitale biologico – Le conseguenze sulla salute delle diseguaglianze sociali", di Luca Carra e Paolo Vineis.

Continua a leggere »
Primo Piano

Non lasciateci soli

Riceviamo e volentieri pubblichiamo la lettera della dottoressa Sara Palmieri, apparsa sui media e condivisa da moltissimi colleghi.

Continua a leggere »
Casi clinici

Idem sentire

Casi clinici/ A volte, per riconoscersi, bastano uno sguardo e poche parole. Un’affinità immediata che può nascere anche in una stanza di ospedale.

Continua a leggere »
Primo Piano

Il morbo di K

Nel Giorno della Memoria, il ricordo di un’insolita epidemia che salvò molti ebrei dalla deportazione.

Continua a leggere »
Editoriale

Medicina è cultura

Insieme ai farmaci, anche i testi letterari possono diventare una cura. Per sostituire alla moderna frenesia il benessere offerto dalle buone letture.

Continua a leggere »
Casi clinici

Eleganza medica

Casi clinici/ Seduto accanto al letto c’è un uomo elegante, molto elegante. Nessuno vedendolo potrebbe pensarlo se non medico: è l’archetipo del medico.

Continua a leggere »
Intervista

Al ritmo del cervello

Alberto Benussi, neurologo e ricercatore UniBs, studia nuove metodiche non invasive per sfidare Alzheimer e demenze

Continua a leggere »
Editoriale

Out of pocket

Per mantenere un Servizio Sanitario Nazionale all’altezza della sua tradizione è necessario mettersi in ascolto degli uomini e delle donne che vi lavorano

Continua a leggere »
Casi clinici

Il valore della memoria

Casi clinici/ E’ stato testimone delle tappe più importanti della comunità: la storia di Giuseppe che ricorda la Spoon River di chi non c’è più

Continua a leggere »
0
Lascia un commentox