Cerca

Uno spazio di confronto sulla medicina con notizie, opinioni e commenti

Notiziario dell'Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri di Brescia – aut. Tribunale di Brescia n. 195/1962

Considerazioni a margine dell’invecchiamento

Ho da poco compiuto 70 anni e mi ritrovo spesso a pensare al mio futuro, più spesso di quanto non facessi da giovane o giovane adulto. Ebbene, preso atto che inevitabilmente parliamo di un futuro sempre più prossimo e meno lontano, pur riconoscendo ed apprezzando i vantaggi offerti dall’età e dal pensionamento (poter poltrire qualche mezz’ora in più nel letto al mattino, godere di momenti d’ozio nullafacente e tempi non contingentati da dedicare alla lettura, alla attività fisica, all’andare a spasso…) ammetto che non di rado i miei pensieri assumono un tono meno ottimista e positivo.

E non mi riferisco tanto ai piccoli acciacchi ed al venir meno delle performances fisiche, da mettere in conto, quanto al timore di quella che da molti è definita ormai come un’epidemia collegata all’invecchiamento della popolazione, vale a dire il decadimento cognitivo e la demenza.

Nell’ambito della mia attività professionale di medico di medicina generale ho potuto toccare con mano nel corso degli anni l’incremento costante dell’incidenza di queste problematiche, al punto che ormai poche sono le persone che possono dire di non aver fatto esperienza o comunque di non essere venute a conoscenza delle difficoltà di gestione dei soggetti affetti da decadimento cognitivo.

E confesso che tra le situazioni più difficili e stressanti con cui mi sono confrontato annovero sicuramente il fatto di aver dovuto assistere allo spegnersi della ragione in persone che avevo conosciuto sane di mente ed attive e, accanto a questo, all’ansia ed alla tristezza dei familiari e caregiver. Ansia e tristezza tanto più accentuate quanto più il soggetto in questione assumeva atteggiamenti “ostativi”, poco collaboranti: in altre parole quando era arrabbiato, irritato, nervoso, alterato, condizioni che ho riscontrato in un elevato numero di soggetti con decadimento cognitivo.

Dato per scontato che tali atteggiamenti sono spesso giustificati dal fatto che il paziente demente non riesce ad esprimere le sue esigenze o comunque non viene capito, per cui tali esigenze non soddisfatte generano malcontento e agitazione fino all’aggressività, azzardo un’altra considerazione, un poco fantasiosa, sicuramente non scientifica: i nostri familiari, genitori o nonni, ed i nostri pazienti con demenza sono tutti soggetti vissuti in un’altra epoca, in altre case (più spaziose), in altre famiglie (più numerose) in cui i loro genitori ed i loro nonni, il più delle volte, sia che fossero sani piuttosto che con decadimento cognitivo, restavano in famiglia, accuditi da familiari.

La situazione oggi è decisamente cambiata: le case più piccole, le famiglie meno numerose, in cui il padre e la madre spesso entrambi lavorano, rendono l’assistenza agli anziani problematica all’interno della famiglia. Ed ecco le badanti, i centri diurni, le RSA.

Inevitabile allora che in quel groviglio di emozioni, sentimenti, ragionamenti, residui di ricordi e memorie che è il cervello dei pazienti con demenza si crei un nebuloso confronto tra la situazione dei loro genitori e nonni e quella che essi stessi sono costretti a vivere in prima persona, con la delusione ed il malcontento che ne conseguono.

Ed in base allo stesso meccanismo esperienziale voglio sperare (ma forse mi illudo) che noi, attuali familiari e caregiver, che come tali viviamo lo stress, l’ansia ed i sensi di colpa di assistere familiari e pazienti problematici, scorbutici, aggressivi, una volta raggiunta una certa età e persa la ragione (è un’ipotesi da non escludere a priori), inconsapevolmente memori delle problematiche ansiogene vissute quando eravamo dall’altra parte, saremo più remissivi ed accondiscendenti nei confronti dei nostri caregiver ed assistenti, facilitando loro il compito.

E’ una speranza? Un’illusione? Non so. Ai posteri l’ardua sentenza.

Loading

5 1 voto
Valutazione articolo
Iscriviti
Notificami
inserisci il tuo indirizzo e-mail

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti

Altri Articoli

Casi clinici

Pregiudizi e prognosi

Casi clinici/ Perché quell’errore prognostico? Cosa l’ha condizionato?
Un caso emblematico che dà voce all’esperienza condivisa da molti medici.

Continua a leggere »
Articolo

Ritorno a Kabul

Dall’Afghanistan ai Paesi teatro di crisi umanitarie, una testimonianza di vita dalla cooperazione internazionale.

Continua a leggere »
Casi clinici

Sentire voci

Casi clinici/ Una tv che parla, anche da spenta. Una riflessione sulla vecchiaia, la povertà e la relazione d’aiuto.

Continua a leggere »
Casi clinici

La famiglia numerosa

Casi clinici/ Qual è la scelta migliore? Un paziente anziano, tanti figli e la difficile mediazione tra bisogni, opinioni e desideri.

Continua a leggere »
Primo Piano

Portaflebo

Casi clinici/ Nell’anticamera di una stanza di ospedale, l’attesa, scandita dal lento passare dei giorni di una settimana.

Continua a leggere »
Primo Piano

A cuore aperto

Innovatore nell’ambito della cardiochirurgia, il prof. Alfieri si racconta in occasione del prestigioso riconoscimento Mitral Conclave Lifetime Achievement Award.

Continua a leggere »
Articolo

Uno sguardo sul futuro

Il discorso tenuto dal presidente CAO, dottor Fusardi, durante l’Assemblea annuale dell’Ordine dei Medici di Brescia, lo scorso 16 aprile 2023.

Continua a leggere »
Primo Piano

La relazione che cura

Il recente episodio di cronaca che ha coinvolto il Centro psicosociale di Orzinuovi offre l’occasione per ragionare su disagio psichico e investimenti in sanità.

Continua a leggere »
Casi clinici

Le sorelle Samantha

Casi clinici/ Una casa popolare in provincia, una pentola che bolle sui fornelli, una donna affetta da demenza, attorniata da una famiglia molto particolare.

Continua a leggere »
Recensione

Il capitale biologico

Recensione del libro "Il capitale biologico – Le conseguenze sulla salute delle diseguaglianze sociali", di Luca Carra e Paolo Vineis.

Continua a leggere »
Primo Piano

Non lasciateci soli

Riceviamo e volentieri pubblichiamo la lettera della dottoressa Sara Palmieri, apparsa sui media e condivisa da moltissimi colleghi.

Continua a leggere »
Casi clinici

Idem sentire

Casi clinici/ A volte, per riconoscersi, bastano uno sguardo e poche parole. Un’affinità immediata che può nascere anche in una stanza di ospedale.

Continua a leggere »
Primo Piano

Il morbo di K

Nel Giorno della Memoria, il ricordo di un’insolita epidemia che salvò molti ebrei dalla deportazione.

Continua a leggere »
Editoriale

Medicina è cultura

Insieme ai farmaci, anche i testi letterari possono diventare una cura. Per sostituire alla moderna frenesia il benessere offerto dalle buone letture.

Continua a leggere »
Casi clinici

Eleganza medica

Casi clinici/ Seduto accanto al letto c’è un uomo elegante, molto elegante. Nessuno vedendolo potrebbe pensarlo se non medico: è l’archetipo del medico.

Continua a leggere »
Intervista

Al ritmo del cervello

Alberto Benussi, neurologo e ricercatore UniBs, studia nuove metodiche non invasive per sfidare Alzheimer e demenze

Continua a leggere »
Editoriale

Out of pocket

Per mantenere un Servizio Sanitario Nazionale all’altezza della sua tradizione è necessario mettersi in ascolto degli uomini e delle donne che vi lavorano

Continua a leggere »
Casi clinici

Il valore della memoria

Casi clinici/ E’ stato testimone delle tappe più importanti della comunità: la storia di Giuseppe che ricorda la Spoon River di chi non c’è più

Continua a leggere »
Primo Piano

Nodi da sciogliere

La revoca della sospensione dei medici non vaccinati impone una riflessione deontologica importante. Insieme ad un’analisi dei nodi da sciogliere per il futuro.

Continua a leggere »
Casi clinici

Le visite notturne

Casi clinici/ Un uomo anziano e religiosissimo, una confidenza sventurata, il ricovero in ospedale. La ripresa dell’autonomia che passa dalla riscoperta di una complicità perduta.

Continua a leggere »
Editoriale

Si può morire di vecchiaia?

Sulla base del certificato ufficiale di morte, la Regina Elisabetta II sarebbe morta di vecchiaia. Ma esiste la morte per “vecchiaia”? E l’età è di per sé una malattia?

Continua a leggere »
Casi clinici

La figlia di Forlì

Casi clinici/ Una coppia anziana, una figlia lontana e una vicina, il delicato lavoro di composizione del medico. Perché per dare “buoni consigli” bisogna guadagnare i titoli sul campo della quotidianità.

Continua a leggere »
Recensione

Libri/ Racconti psichiatrici

Dei folli, gli psicotici, i matti non si parla più molto. L’esordio letterario di due psichiatri prova a raccontare questo mondo, affidandosi all’intensità degli epigrammi e ad un medical thriller.

Continua a leggere »
Primo Piano

Le “altre” pandemie

Sars-CoV-2 e non solo: le altre pandemie non infettive contribuiscono a distogliere lo sguardo. La guerra, il cambiamento climatico, la crisi di governo. Come sarà l’autunno con tante incertezze all’orizzonte?

Continua a leggere »
Editoriale

Il ruolo sociale del medico

Nonostante i progressi terapeutici e le straordinarie conquiste in campo medico, l’insoddisfazione dei pazienti (ma anche dei medici) è molto aumentata. Analizzarla è il primo passo verso possibili soluzioni.

Continua a leggere »
Primo Piano

Tempi difficili

L’editoriale del direttore Balestrieri analizza il periodo attuale segnato da pandemia, guerra e cambiamenti climatici, alla riscoperta di un senso più autentico della professione medica.

Continua a leggere »
0
Lascia un commentox