Cerca

Uno spazio di confronto sulla medicina con notizie, opinioni e commenti

Notiziario dell'Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri di Brescia – aut. Tribunale di Brescia n. 195/1962

Le sorelle Samantha

Abitava al quarto piano di un appartamento in una casa popolare di un comune della provincia. La richiesta di visita era stata sollecitata dalle assistenti sociali: “disturbi del comportamento con prevalente vocalizzazione in paziente con malattia di Alzheimer” (cioè: paziente ingovernabile, urla in continuazione, notte e giorno, esasperando i familiari e disturbando di vicini).

Arrivo in tarda mattinata, è inverno. Il figlio che mi riceve ha un’evidente disabilità intellettiva; mi accoglie in cucina, sul fornello una pentola di broccoli (già alla prima rampa di scale era facile intuire cosa bollisse in quella pentola). La stanza è un bagno turco, sui vetri delle finestre la condensa impedisce di guardare fuori e il tasso di umidità è talmente elevato da impregnare gli abiti in poco tempo.

La paziente, seduta al tavolo, ha più di 85 anni, è vestita di nero, capelli fini e grigi, unti e non pettinati, la pelle olivastra, è magra, il viso ha rughe profonde. Alle sue spalle una signora, certamente la badante. Come prima impressione dà l’idea di capire poco e non solo perché analfabeta, parla in dialetto stretto ed è sorda. Accanto a lei una figlia, Samantha.

È Samantha che mi racconta della madre. Nata in Sardegna, è venuta nel continente seguendo il primo marito, un balordo, dal quale ha avuto una figlia. Dal secondo marito, non meglio del primo, ha avuto due figli, femmina e maschio.

Vivono della pensione sociale e dell’indennità di accompagnamento di lei, della pensione sociale del figlio e dei supporti domiciliari dei servizi sociali del comune.

Samantha dice che la mamma soffre di “demenza senile” da almeno cinque anni, iniziata con stravaganze, inquietudine, ostilità e irascibilità; racconta che sin dall’inizio la gestione familiare è risultata difficile, tant’è che “Samantha ha dovuto chiedere il part-time per poter stare con la mamma”.

Lei, che abita al piano inferiore, assiste la madre al mattino e nel pomeriggio aiuta in un bar, mentre “Samantha, che vive col compagno a pochi chilometri, sta con la madre il resto della giornata”.

Non riesco a seguire, forse intorpidito dall’odore nauseabondo dei broccoli. Samantha racconta di sé e contemporaneamente di Samantha come fosse un’altra persona.

Non voglio fare figuracce, la lascio proseguire, ma ugualmente non comprendo (Samantha parla di Samantha in terza persona?).

Devo chiedere il perché, di aiutarmi a capire, non penso sia folle. Infatti non lo è e mi spiega che alla madre piaceva a tal punto il nome “Samantha” da darlo a entrambe le figlie, tanto, di padri diversi, avrebbero avuto diverso il cognome.

Loading

4.8 4 voti
Valutazione articolo
Iscriviti
Notificami
inserisci il tuo indirizzo e-mail

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

1 Commento
Il più vecchio
Il più recente Più votato
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Rosa
31 Marzo 2023 16:35

Caso interessante: mi ha fatto pensare all’ipotesi che le strutture di personalità abbandoniche siano particolarmente a rischio di DS e tendano alla ripetizione per sentirsi al sicuro…

Altri Articoli

Casi clinici

Perduto amore

Casi clinici/ Una paziente con disturbo dell’umore, l’ennesimo consulto e le ragioni di un nome improbabile, ricordo di un amore perduto.

Continua a leggere »
Casi clinici

Pregiudizi e prognosi

Casi clinici/ Perché quell’errore prognostico? Cosa l’ha condizionato?
Un caso emblematico che dà voce all’esperienza condivisa da molti medici.

Continua a leggere »
Articolo

Ritorno a Kabul

Dall’Afghanistan ai Paesi teatro di crisi umanitarie, una testimonianza di vita dalla cooperazione internazionale.

Continua a leggere »
Casi clinici

Sentire voci

Casi clinici/ Una tv che parla, anche da spenta. Una riflessione sulla vecchiaia, la povertà e la relazione d’aiuto.

Continua a leggere »
Casi clinici

La famiglia numerosa

Casi clinici/ Qual è la scelta migliore? Un paziente anziano, tanti figli e la difficile mediazione tra bisogni, opinioni e desideri.

Continua a leggere »
Primo Piano

Portaflebo

Casi clinici/ Nell’anticamera di una stanza di ospedale, l’attesa, scandita dal lento passare dei giorni di una settimana.

Continua a leggere »
Primo Piano

A cuore aperto

Innovatore nell’ambito della cardiochirurgia, il prof. Alfieri si racconta in occasione del prestigioso riconoscimento Mitral Conclave Lifetime Achievement Award.

Continua a leggere »
Articolo

Uno sguardo sul futuro

Il discorso tenuto dal presidente CAO, dottor Fusardi, durante l’Assemblea annuale dell’Ordine dei Medici di Brescia, lo scorso 16 aprile 2023.

Continua a leggere »
Primo Piano

La relazione che cura

Il recente episodio di cronaca che ha coinvolto il Centro psicosociale di Orzinuovi offre l’occasione per ragionare su disagio psichico e investimenti in sanità.

Continua a leggere »
Recensione

Il capitale biologico

Recensione del libro "Il capitale biologico – Le conseguenze sulla salute delle diseguaglianze sociali", di Luca Carra e Paolo Vineis.

Continua a leggere »
Primo Piano

Non lasciateci soli

Riceviamo e volentieri pubblichiamo la lettera della dottoressa Sara Palmieri, apparsa sui media e condivisa da moltissimi colleghi.

Continua a leggere »
Casi clinici

Idem sentire

Casi clinici/ A volte, per riconoscersi, bastano uno sguardo e poche parole. Un’affinità immediata che può nascere anche in una stanza di ospedale.

Continua a leggere »
Primo Piano

Il morbo di K

Nel Giorno della Memoria, il ricordo di un’insolita epidemia che salvò molti ebrei dalla deportazione.

Continua a leggere »
Editoriale

Medicina è cultura

Insieme ai farmaci, anche i testi letterari possono diventare una cura. Per sostituire alla moderna frenesia il benessere offerto dalle buone letture.

Continua a leggere »
Casi clinici

Eleganza medica

Casi clinici/ Seduto accanto al letto c’è un uomo elegante, molto elegante. Nessuno vedendolo potrebbe pensarlo se non medico: è l’archetipo del medico.

Continua a leggere »
Intervista

Al ritmo del cervello

Alberto Benussi, neurologo e ricercatore UniBs, studia nuove metodiche non invasive per sfidare Alzheimer e demenze

Continua a leggere »
Editoriale

Out of pocket

Per mantenere un Servizio Sanitario Nazionale all’altezza della sua tradizione è necessario mettersi in ascolto degli uomini e delle donne che vi lavorano

Continua a leggere »
Casi clinici

Il valore della memoria

Casi clinici/ E’ stato testimone delle tappe più importanti della comunità: la storia di Giuseppe che ricorda la Spoon River di chi non c’è più

Continua a leggere »
Primo Piano

Nodi da sciogliere

La revoca della sospensione dei medici non vaccinati impone una riflessione deontologica importante. Insieme ad un’analisi dei nodi da sciogliere per il futuro.

Continua a leggere »
Casi clinici

Le visite notturne

Casi clinici/ Un uomo anziano e religiosissimo, una confidenza sventurata, il ricovero in ospedale. La ripresa dell’autonomia che passa dalla riscoperta di una complicità perduta.

Continua a leggere »
Editoriale

Si può morire di vecchiaia?

Sulla base del certificato ufficiale di morte, la Regina Elisabetta II sarebbe morta di vecchiaia. Ma esiste la morte per “vecchiaia”? E l’età è di per sé una malattia?

Continua a leggere »
Casi clinici

La figlia di Forlì

Casi clinici/ Una coppia anziana, una figlia lontana e una vicina, il delicato lavoro di composizione del medico. Perché per dare “buoni consigli” bisogna guadagnare i titoli sul campo della quotidianità.

Continua a leggere »
1
0
Lascia un commentox