Cerca

Uno spazio di confronto sulla medicina con notizie, opinioni e commenti

Notiziario dell'Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri di Brescia – aut. Tribunale di Brescia n. 195/1962

Intelligenza artificiale in medicina… siamo di fronte a una rivoluzione?

Prende il via una nuova sezione dedicata all’Intelligenza Artificiale in medicina, per iniziare un percorso di approfondimento rivolto alla comunità medica. Verranno proposti contributi periodici di esperti del settore, accompagnati da un Glossario che illustra il lessico delle nuove tecnologie.

Il tema delle applicazioni in campo medico dei sistemi basati sull’intelligenza artificiale (IA) non è nuovo. I primi strumenti di intelligenza artificiale in medicina sono stati sviluppati per creare sistemi di assistenza decisionale nel campo della diagnostica radiologica e risalgono agli anni ’80 e ’90.

Sono stati sviluppati sistemi di supporto decisionale basati su algoritmi di apprendimento automatico per identificare potenziali anomalie e assistere i radiologi in varie condizioni (neoplasie, anomalie cerebrali, polmonari).[1] Nel tempo vari sistemi basati sull’IA sono stati sviluppati per assistere i medici nella diagnosi, attraverso l’analisi di immagini (in oftalmologia e dermatologia, in cardiologia, in neurologia), di dati di laboratorio, di sintomi e segni clinici (algoritmi decisionali e di screening in varie branche mediche, supporto alla gestione di malattie croniche).[2]

È indubbio che negli ultimi anni i campi di applicazione dell’IA sono aumentate in modo tumultuoso: la robotica chirurgica, la scoperta di nuovi farmaci, analisi in tempo reale di dati clinici e processi decisionali. Nei tempi più recenti, la diffusione di sistemi di elaborazione del linguaggio naturale (sia scritto che parlato) ha permesso di sviluppare sistemi per l’analisi di articoli e di testi, per creare report clinici, per supportare la ricerca medica e facilitare la comunicazione tra professionisti sanitari.[3] Inoltre, l’elaborazione del linguaggio naturale ha trovato applicazione anche nella gestione dei dati dei pazienti, consentendo la categorizzazione e l’estrazione di informazioni rilevanti dai registri elettronici, facilitando la ricerca e l’accesso a informazioni cruciali per la diagnosi e il trattamento delle malattie. I software (denominati chatbot) che simulano ed elaborano le conversazioni umane (scritte o parlate), che consentono agli utenti di interagire con i dispositivi digitali come se stessero comunicando con una persona reale, sono ormai diffusi e utilizzabili da qualsiasi utente su qualsiasi device (smartphone, PC, tablet…), sempre più spesso collegati direttamente a software di uso come (come word processor o motori di ricerca internet).

Questi progressi nell’analisi del linguaggio naturale stanno rivoluzionando il modo in cui i professionisti sanitari interagiscono con le informazioni e con i pazienti stessi e stanno ponendo enormi problemi di tipo clinico, deontologico, etico e medico legale.[4]

È indubbio che la comunità dei professionisti sanitari, e i medici in primis, dovranno approfondire le loro conoscenze rispetto ai possibili vantaggi e ai rischi dei sistemi basati sull’IA, per essere protagonisti attivi di quella che sembra essere una reale rivoluzione nella pratica della medicina.

Con questa finalità prende il via su Bresciamedica.it una nuova sezione, dedicata all’Intelligenza Artificiale, per iniziare un percorso di approfondimento rivolto alla comunità medica. Una sezione che si arricchirà periodicamente con i contributi di esperti del settore ed un Glossario pensato per rendere più accessibile il lessico delle nuove tecnologie.

Saranno maggiori i vantaggi (precisione, personalizzazione, riduzione dei tempi e dei lavori ripetitivi…) o gli svantaggi (in termini, ad esempio, di posti di lavoro, di spersonalizzazione del rapporto medico paziente) e i rischi (privacy, problemi medico legali)? Ad oggi non lo sappiamo… siamo però sicuri che il fenomeno delle applicazioni dell’IA in ambito medico non si può fermare; meglio esserne consapevoli, informati e protagonisti per governare i cambiamenti.


[1] Lehman CD, Wellman RD, Buist DSM, et al. Diagnostic Accuracy of Digital Screening Mammography With and Without Computer-Aided Detection. JAMA Intern Med. 2015;175(11):1828-1837.

[2] Haug CJ, Drazen JM. Artificial intelligence and machine learning in clinical medicine, 2023. N Engl J Med 2023; 388: 1201-8.

[3] Rajpurkar P, Chen E, Banerjee O, Topol EJ. AI in health and medicine. Nat Med 2022; 28: 31-8.

[4] Duffourc M, Gerke S. Generative AI in Health Care and Liability Risks for Physicians and Safety Concerns for Patients. JAMA. Published online July 06, 2023. doi:10.1001/jama.2023.9630

Loading

5 1 voto
Valutazione articolo
Iscriviti
Notificami
inserisci il tuo indirizzo e-mail

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti

Altri Articoli

Casi clinici

Pregiudizi e prognosi

Casi clinici/ Perché quell’errore prognostico? Cosa l’ha condizionato?
Un caso emblematico che dà voce all’esperienza condivisa da molti medici.

Continua a leggere »
Articolo

Ritorno a Kabul

Dall’Afghanistan ai Paesi teatro di crisi umanitarie, una testimonianza di vita dalla cooperazione internazionale.

Continua a leggere »
Casi clinici

Sentire voci

Casi clinici/ Una tv che parla, anche da spenta. Una riflessione sulla vecchiaia, la povertà e la relazione d’aiuto.

Continua a leggere »
Casi clinici

La famiglia numerosa

Casi clinici/ Qual è la scelta migliore? Un paziente anziano, tanti figli e la difficile mediazione tra bisogni, opinioni e desideri.

Continua a leggere »
Primo Piano

Portaflebo

Casi clinici/ Nell’anticamera di una stanza di ospedale, l’attesa, scandita dal lento passare dei giorni di una settimana.

Continua a leggere »
Primo Piano

A cuore aperto

Innovatore nell’ambito della cardiochirurgia, il prof. Alfieri si racconta in occasione del prestigioso riconoscimento Mitral Conclave Lifetime Achievement Award.

Continua a leggere »
Articolo

Uno sguardo sul futuro

Il discorso tenuto dal presidente CAO, dottor Fusardi, durante l’Assemblea annuale dell’Ordine dei Medici di Brescia, lo scorso 16 aprile 2023.

Continua a leggere »
Primo Piano

La relazione che cura

Il recente episodio di cronaca che ha coinvolto il Centro psicosociale di Orzinuovi offre l’occasione per ragionare su disagio psichico e investimenti in sanità.

Continua a leggere »
Casi clinici

Le sorelle Samantha

Casi clinici/ Una casa popolare in provincia, una pentola che bolle sui fornelli, una donna affetta da demenza, attorniata da una famiglia molto particolare.

Continua a leggere »
Recensione

Il capitale biologico

Recensione del libro "Il capitale biologico – Le conseguenze sulla salute delle diseguaglianze sociali", di Luca Carra e Paolo Vineis.

Continua a leggere »
Primo Piano

Non lasciateci soli

Riceviamo e volentieri pubblichiamo la lettera della dottoressa Sara Palmieri, apparsa sui media e condivisa da moltissimi colleghi.

Continua a leggere »
Casi clinici

Idem sentire

Casi clinici/ A volte, per riconoscersi, bastano uno sguardo e poche parole. Un’affinità immediata che può nascere anche in una stanza di ospedale.

Continua a leggere »
Primo Piano

Il morbo di K

Nel Giorno della Memoria, il ricordo di un’insolita epidemia che salvò molti ebrei dalla deportazione.

Continua a leggere »
Editoriale

Medicina è cultura

Insieme ai farmaci, anche i testi letterari possono diventare una cura. Per sostituire alla moderna frenesia il benessere offerto dalle buone letture.

Continua a leggere »
Casi clinici

Eleganza medica

Casi clinici/ Seduto accanto al letto c’è un uomo elegante, molto elegante. Nessuno vedendolo potrebbe pensarlo se non medico: è l’archetipo del medico.

Continua a leggere »
Intervista

Al ritmo del cervello

Alberto Benussi, neurologo e ricercatore UniBs, studia nuove metodiche non invasive per sfidare Alzheimer e demenze

Continua a leggere »
Editoriale

Out of pocket

Per mantenere un Servizio Sanitario Nazionale all’altezza della sua tradizione è necessario mettersi in ascolto degli uomini e delle donne che vi lavorano

Continua a leggere »
Casi clinici

Il valore della memoria

Casi clinici/ E’ stato testimone delle tappe più importanti della comunità: la storia di Giuseppe che ricorda la Spoon River di chi non c’è più

Continua a leggere »
Primo Piano

Nodi da sciogliere

La revoca della sospensione dei medici non vaccinati impone una riflessione deontologica importante. Insieme ad un’analisi dei nodi da sciogliere per il futuro.

Continua a leggere »
Casi clinici

Le visite notturne

Casi clinici/ Un uomo anziano e religiosissimo, una confidenza sventurata, il ricovero in ospedale. La ripresa dell’autonomia che passa dalla riscoperta di una complicità perduta.

Continua a leggere »
Editoriale

Si può morire di vecchiaia?

Sulla base del certificato ufficiale di morte, la Regina Elisabetta II sarebbe morta di vecchiaia. Ma esiste la morte per “vecchiaia”? E l’età è di per sé una malattia?

Continua a leggere »
Casi clinici

La figlia di Forlì

Casi clinici/ Una coppia anziana, una figlia lontana e una vicina, il delicato lavoro di composizione del medico. Perché per dare “buoni consigli” bisogna guadagnare i titoli sul campo della quotidianità.

Continua a leggere »
Recensione

Libri/ Racconti psichiatrici

Dei folli, gli psicotici, i matti non si parla più molto. L’esordio letterario di due psichiatri prova a raccontare questo mondo, affidandosi all’intensità degli epigrammi e ad un medical thriller.

Continua a leggere »
Primo Piano

Le “altre” pandemie

Sars-CoV-2 e non solo: le altre pandemie non infettive contribuiscono a distogliere lo sguardo. La guerra, il cambiamento climatico, la crisi di governo. Come sarà l’autunno con tante incertezze all’orizzonte?

Continua a leggere »
Editoriale

Il ruolo sociale del medico

Nonostante i progressi terapeutici e le straordinarie conquiste in campo medico, l’insoddisfazione dei pazienti (ma anche dei medici) è molto aumentata. Analizzarla è il primo passo verso possibili soluzioni.

Continua a leggere »
Primo Piano

Tempi difficili

L’editoriale del direttore Balestrieri analizza il periodo attuale segnato da pandemia, guerra e cambiamenti climatici, alla riscoperta di un senso più autentico della professione medica.

Continua a leggere »
Intervista

La parola è un farmaco

Fausto Manara, psichiatra e psicoterapeuta, innovatore nelle cure per i disturbi del comportamento alimentare, analizza il malessere di un presente inquieto. «Il punto vero è la difficoltà ad avere consapevolezza di chi siamo e quanto valiamo».

Continua a leggere »
Casi clinici

I luoghi della memoria

Casi clinici/ Un incontro inatteso nel silenzio del cimitero riporta alla luce un passato lontano. Alla ricerca di un senso, anche quando i ricordi sembrano svanire.

Continua a leggere »
Primo Piano

Il tempo triste di un mestiere bellissimo

Un sabato mattina d’estate, aspettando di andare al mare. Un improvviso malore e la corsa in Pronto soccorso, scenario di momenti relazionali su cui si misura la vera qualità del medico. Con un ringraziamento postumo, affidato a una cartolina da Rimini.

Continua a leggere »
Casi clinici

Preghiera a Gesù

Casi clinici/ Un lungo matrimonio, una storia esemplare di amore coniugale, che non arretra di fronte alla fatica di vivere. E una preghiera da recitare insieme, tutte le sere.

Continua a leggere »
Casi clinici

La morte della signora Norma

Casi clinici/ Un’anziana sola raccontata dallo sguardo dei sanitari che devono decidere per lei la migliore destinazione, provando a immaginarne la storia e i desideri.

Continua a leggere »
Primo Piano

Il lago dei cigni

Guerra e pandemia, i due cigni neri che hanno messo in crisi le nostre certezze. Per mettere a fuoco le coordinate del futuro l’Ordine lancia un sondaggio on line riservato ai medici bresciani.

Continua a leggere »
Casi clinici

Cibo e demenza

Casi clinici/ Dal cotechino ai cavoli, dal cuscus allo zenzero: il valore dell’alimentazione e il giro del mondo in tavola di un’anziana nell’avvicendamento delle badanti

Continua a leggere »
bambola di pezza
Casi clinici

La suora e la bambola

L’ho incontrata per la prima volta sei mesi fa; mi è stata portata dalle consorelle per un’anormale inquietudine, un comportamento “sopra le righe”. Ottant’anni, è in convento dall’età di dodici.

Continua a leggere »
0
Lascia un commentox