Cerca

Uno spazio di confronto sulla medicina con notizie, opinioni e commenti

Notiziario dell'Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri di Brescia – aut. Tribunale di Brescia n. 195/1962

L’intelligenza Artificiale nella ricerca sui farmaci

E’ sotto gli occhi di tutti, l’intelligenza artificiale (IA) sta rivoluzionando le nostre vite, ma la rivoluzione più grande è proprio quella che si sta realizzando nelle tecnologie applicate alla medicina, in primis nel percorso di ricerca e sviluppo di farmaci. Lo sfruttamento delle potenzialità dell’IA consente di accelerare il processo di identificazione di nuove terapie come non si era mai visto prima, con la previsione di rendere l’intero percorso “dal bancone di laboratorio al letto del paziente” estremamente più rapido, efficiente ed economico. La messa a disposizione del vaccino anti-COVID-19 ne è stata la prova tangibile. Innumerevoli sono i vantaggi, certamente non privi di sfide.  

Fino ad oggi sono stati necessari 12 anni per sviluppare un farmaco, dalla sua prima identificazione fino al mercato. In media 1 molecola su 100.000 potenzialmente attive su un target terapeutico riusciva ad avere successo, con un costo medio stimato per l’intero processo di circa 2 miliardi di dollari (1).

L’IA sta trasformando radicalmente questo panorama a partire dal drug discovery, ovvero la ricerca di molecole candidate al trattamento di specifiche condizioni di malattia. A rendere possibile tutto ciò, il crescente potere computazionale dei nuovi tool informatici e la disponibilità di enormi banche dati relative a target terapeutici provenienti da dati di genomica, epigenomica, proteomica, metabolomica, a composti chimici, strutture 3D delle proteine, immagini e informazioni disponibili in letteratura (2).

Partendo dalla conoscenza di un bersaglio terapeutico, già noto o identificato attraverso sistemi di analisi multiomica, gli algoritmi di apprendimento automatico (machine learning) possono selezionare da librerie di miliardi di composti le molecole con la maggiore probabilità di divenire farmaci, in base ad analisi della relazione struttura-attività. Per questi composti è possibile modellare l’interazione con proteine di cui sono noti i dati di biologia strutturale (docking) e identificare quelle molecole, i “composti hit”, per le quali si prevede la migliore efficacia biologica.  Gli algoritmi di apprendimento profondo (deep learning) sono in grado di anticipare come una molecola interagirà con bersagli specifici nel corpo umano, le sue caratteristiche farmacocinetiche e il profilo tossicologico (ADMET), fornendo informazioni cruciali per la selezione dei migliori candidati. Una previsione, quindi, che contribuisce a ridurre la necessità di numerosi test in vitro e in vivo, risparmiando tempo e risorse preziose. 

Una prima validazione dell’attività biologica viene quindi eseguita in laboratorio attraverso test biochimici high-throughput che forniscono dati di efficacia e affinità per il target. I risultati vengono poi reinseriti nella piattaforma di IA per generare nuove informazioni che, in un ciclo ripetuto, conducono alla selezione e ottimizzazione di una lista di “composti lead” sui quali approfondire la valutazione dell’efficacia in modelli cellulari e animali di malattia. Utilizzare i sistemi di modelling basati su IA in queste fasi precliniche si prevede potrà aumentare enormemente il rate di successo degli studi sui farmaci nelle successive fasi cliniche.  

La sperimentazione sull’uomo rappresenta il tassello cruciale nello sviluppo dei farmaci e l’IA può essere impiegata per ottimizzare la progettazione e l’implementazione dei trial clinici. Gli algoritmi di IA possono analizzare i dati dei pazienti in tempo reale, identificando trend e risposte al farmaco in modo più preciso rispetto a quanto possono fare comunemente gli sperimentatori da soli. Questo può contribuire a minimizzare i rischi per i pazienti e a velocizzare l’approvazione dei farmaci da parte delle autorità regolatorie.    

Un’applicazione rilevante dell’IA è, in particolare, la scoperta di nuove indicazioni per farmaci già esistenti, un approccio noto come “riposizionamento dei farmaci” (3).  Algoritmi basati sull’IA possono esplorare molti dati per individuare tali opportunità, portando in meno di un anno un farmaco dalla sua identificazione alla fase 3 di sperimentazione clinica. E’ accaduto per il Raloxifene, il modulatore dei recettori degli estrogeni in uso per la terapia dell’osteoporosi, identificato attraverso la piattaforma Exscalate di Dompè farmaceutici, che è stato approvato nel 2020 da EMA e AIFA per il trattamento anti COVID-19.

Grandi prospettive all’orizzonte, quindi, ma l’adozione dell’IA nel settore farmaceutico non è priva di ostacoli. La qualità dei dati rappresenta la sfida cruciale poiché l’IA dipende dalla disponibilità di dati accurati e completi per l’addestramento e la validazione degli algoritmi. La raccolta di dati clinici di alta qualità può comportare costi significativi e richiede tempo, e la protezione della privacy dei pazienti è fondamentale. La validazione degli algoritmi e il rispetto delle normative costituiscono aspetti critici che richiederanno sempre una attenzione costante.

  1. Intelligent drug discovery. Deloitte report 2019 https://www2.deloitte.com/content/dam/insights/us/articles/32961_intelligent-drug-discovery/DI_Intelligent-Drug-Discovery.pdf
  2. Artificial Intelligence for Drug Discovery: Are We There Yet?, Hasselgren C, Oprea TI, Annu Rev Pharmacol Toxicol. 2024 Jan 23;64:527-550.
  3. Machine Learning Applications in Drug Repurposing. Yang F, Zhang Q, Ji X, Zhang Y, Li W, Peng S, Xue F, Interdiscip Sci. 2022 Mar;14(1):15-21.

Loading

5 1 voto
Valutazione articolo
Iscriviti
Notificami
inserisci il tuo indirizzo e-mail

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti

Altri Articoli

Casi clinici

Pregiudizi e prognosi

Casi clinici/ Perché quell’errore prognostico? Cosa l’ha condizionato?
Un caso emblematico che dà voce all’esperienza condivisa da molti medici.

Continua a leggere »
Articolo

Ritorno a Kabul

Dall’Afghanistan ai Paesi teatro di crisi umanitarie, una testimonianza di vita dalla cooperazione internazionale.

Continua a leggere »
Casi clinici

Sentire voci

Casi clinici/ Una tv che parla, anche da spenta. Una riflessione sulla vecchiaia, la povertà e la relazione d’aiuto.

Continua a leggere »
Casi clinici

La famiglia numerosa

Casi clinici/ Qual è la scelta migliore? Un paziente anziano, tanti figli e la difficile mediazione tra bisogni, opinioni e desideri.

Continua a leggere »
Primo Piano

Portaflebo

Casi clinici/ Nell’anticamera di una stanza di ospedale, l’attesa, scandita dal lento passare dei giorni di una settimana.

Continua a leggere »
Primo Piano

A cuore aperto

Innovatore nell’ambito della cardiochirurgia, il prof. Alfieri si racconta in occasione del prestigioso riconoscimento Mitral Conclave Lifetime Achievement Award.

Continua a leggere »
Articolo

Uno sguardo sul futuro

Il discorso tenuto dal presidente CAO, dottor Fusardi, durante l’Assemblea annuale dell’Ordine dei Medici di Brescia, lo scorso 16 aprile 2023.

Continua a leggere »
Primo Piano

La relazione che cura

Il recente episodio di cronaca che ha coinvolto il Centro psicosociale di Orzinuovi offre l’occasione per ragionare su disagio psichico e investimenti in sanità.

Continua a leggere »
Casi clinici

Le sorelle Samantha

Casi clinici/ Una casa popolare in provincia, una pentola che bolle sui fornelli, una donna affetta da demenza, attorniata da una famiglia molto particolare.

Continua a leggere »
Recensione

Il capitale biologico

Recensione del libro "Il capitale biologico – Le conseguenze sulla salute delle diseguaglianze sociali", di Luca Carra e Paolo Vineis.

Continua a leggere »
Primo Piano

Non lasciateci soli

Riceviamo e volentieri pubblichiamo la lettera della dottoressa Sara Palmieri, apparsa sui media e condivisa da moltissimi colleghi.

Continua a leggere »
Casi clinici

Idem sentire

Casi clinici/ A volte, per riconoscersi, bastano uno sguardo e poche parole. Un’affinità immediata che può nascere anche in una stanza di ospedale.

Continua a leggere »
Primo Piano

Il morbo di K

Nel Giorno della Memoria, il ricordo di un’insolita epidemia che salvò molti ebrei dalla deportazione.

Continua a leggere »
Editoriale

Medicina è cultura

Insieme ai farmaci, anche i testi letterari possono diventare una cura. Per sostituire alla moderna frenesia il benessere offerto dalle buone letture.

Continua a leggere »
Casi clinici

Eleganza medica

Casi clinici/ Seduto accanto al letto c’è un uomo elegante, molto elegante. Nessuno vedendolo potrebbe pensarlo se non medico: è l’archetipo del medico.

Continua a leggere »
Intervista

Al ritmo del cervello

Alberto Benussi, neurologo e ricercatore UniBs, studia nuove metodiche non invasive per sfidare Alzheimer e demenze

Continua a leggere »
Editoriale

Out of pocket

Per mantenere un Servizio Sanitario Nazionale all’altezza della sua tradizione è necessario mettersi in ascolto degli uomini e delle donne che vi lavorano

Continua a leggere »
Casi clinici

Il valore della memoria

Casi clinici/ E’ stato testimone delle tappe più importanti della comunità: la storia di Giuseppe che ricorda la Spoon River di chi non c’è più

Continua a leggere »
Primo Piano

Nodi da sciogliere

La revoca della sospensione dei medici non vaccinati impone una riflessione deontologica importante. Insieme ad un’analisi dei nodi da sciogliere per il futuro.

Continua a leggere »
Casi clinici

Le visite notturne

Casi clinici/ Un uomo anziano e religiosissimo, una confidenza sventurata, il ricovero in ospedale. La ripresa dell’autonomia che passa dalla riscoperta di una complicità perduta.

Continua a leggere »
Editoriale

Si può morire di vecchiaia?

Sulla base del certificato ufficiale di morte, la Regina Elisabetta II sarebbe morta di vecchiaia. Ma esiste la morte per “vecchiaia”? E l’età è di per sé una malattia?

Continua a leggere »
Casi clinici

La figlia di Forlì

Casi clinici/ Una coppia anziana, una figlia lontana e una vicina, il delicato lavoro di composizione del medico. Perché per dare “buoni consigli” bisogna guadagnare i titoli sul campo della quotidianità.

Continua a leggere »
Recensione

Libri/ Racconti psichiatrici

Dei folli, gli psicotici, i matti non si parla più molto. L’esordio letterario di due psichiatri prova a raccontare questo mondo, affidandosi all’intensità degli epigrammi e ad un medical thriller.

Continua a leggere »
Primo Piano

Le “altre” pandemie

Sars-CoV-2 e non solo: le altre pandemie non infettive contribuiscono a distogliere lo sguardo. La guerra, il cambiamento climatico, la crisi di governo. Come sarà l’autunno con tante incertezze all’orizzonte?

Continua a leggere »
Editoriale

Il ruolo sociale del medico

Nonostante i progressi terapeutici e le straordinarie conquiste in campo medico, l’insoddisfazione dei pazienti (ma anche dei medici) è molto aumentata. Analizzarla è il primo passo verso possibili soluzioni.

Continua a leggere »
Primo Piano

Tempi difficili

L’editoriale del direttore Balestrieri analizza il periodo attuale segnato da pandemia, guerra e cambiamenti climatici, alla riscoperta di un senso più autentico della professione medica.

Continua a leggere »
Intervista

La parola è un farmaco

Fausto Manara, psichiatra e psicoterapeuta, innovatore nelle cure per i disturbi del comportamento alimentare, analizza il malessere di un presente inquieto. «Il punto vero è la difficoltà ad avere consapevolezza di chi siamo e quanto valiamo».

Continua a leggere »
Casi clinici

I luoghi della memoria

Casi clinici/ Un incontro inatteso nel silenzio del cimitero riporta alla luce un passato lontano. Alla ricerca di un senso, anche quando i ricordi sembrano svanire.

Continua a leggere »
Primo Piano

Il tempo triste di un mestiere bellissimo

Un sabato mattina d’estate, aspettando di andare al mare. Un improvviso malore e la corsa in Pronto soccorso, scenario di momenti relazionali su cui si misura la vera qualità del medico. Con un ringraziamento postumo, affidato a una cartolina da Rimini.

Continua a leggere »
Casi clinici

Preghiera a Gesù

Casi clinici/ Un lungo matrimonio, una storia esemplare di amore coniugale, che non arretra di fronte alla fatica di vivere. E una preghiera da recitare insieme, tutte le sere.

Continua a leggere »
Casi clinici

La morte della signora Norma

Casi clinici/ Un’anziana sola raccontata dallo sguardo dei sanitari che devono decidere per lei la migliore destinazione, provando a immaginarne la storia e i desideri.

Continua a leggere »
Primo Piano

Il lago dei cigni

Guerra e pandemia, i due cigni neri che hanno messo in crisi le nostre certezze. Per mettere a fuoco le coordinate del futuro l’Ordine lancia un sondaggio on line riservato ai medici bresciani.

Continua a leggere »
Casi clinici

Cibo e demenza

Casi clinici/ Dal cotechino ai cavoli, dal cuscus allo zenzero: il valore dell’alimentazione e il giro del mondo in tavola di un’anziana nell’avvicendamento delle badanti

Continua a leggere »
bambola di pezza
Casi clinici

La suora e la bambola

L’ho incontrata per la prima volta sei mesi fa; mi è stata portata dalle consorelle per un’anormale inquietudine, un comportamento “sopra le righe”. Ottant’anni, è in convento dall’età di dodici.

Continua a leggere »
0
Lascia un commentox