Cerca

Uno spazio di confronto sulla medicina con notizie, opinioni e commenti

Notiziario dell'Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri di Brescia – aut. Tribunale di Brescia n. 195/1962

La famiglia numerosa

Ha 90 anni, vedovo, ha sei figli, da circa un anno è completamente dipendente e vive al proprio domicilio con una badante e con la supervisione continua dei familiari.

Il paziente è al quarto ricovero ospedaliero in due mesi ed è evidente che l’assistenza fino ad oggi erogata non è più in grado di dargli quello di cui ha bisogno.

I figli sono persone semplici, brava gente, chiedono frequentemente di parlarmi, singolarmente, ma tra loro non comunicano come dovrebbero e potrebbero, sono confusi, non condividono il da farsi.

È necessario chiarire quali siano le loro aspettative sulla salute del papà, se ragionevoli e quale ritengano debba essere il luogo di cura più appropriato una volta dimesso. Li convoco e come atteso all’incontro partecipano in otto: le quattro figlie i due figli… e le mogli di questi.

Mentre le femmine, ogni femmina esprime la propria opinione le osservo e credo di comprendere non solo la difficoltà, la fatica morale, ma anche la complessità della decisione da prendere. Ognuna vuole esprimere le propria convinzione, ma al contempo teme di essere giudicata.

La figlia che ho davanti (probabilmente “sposata bene”, indossa un’elegante camicetta e ha una borsa costosa), vorrebbe che il papà continuasse ad essere assistito a casa e dice che potrebbe essere utile assumere un’altra badante e potenziare l’assistenza infermieristica; anche quella che le sta a fianco, vestita più semplicemente e immagino con reddito inferiore, sostiene che i benefici della casa sono fondamentali, ma dice anche che con uno sforzo maggiore di tutti si potrebbe continuare come si è fatto finora (presumo non disponga di altri 250 euro necessari ogni mese per contribuire alla retta del padre in un istituto o per un’altra badante); una terza dichiara apertamente di non essere in grado di fare più di quanto sta facendo, è separata, ha due figli da far studiare, il suo ex marito non le dà alcun contributo e lei non ha denaro se non per sopravvivere. Una nuora invece sostiene che l’assistenza a casa è stata fallimentare, tant’è che ci si ritrova a parlarne oggi dopo quattro difficili ricoveri, e che bisogna pensare definitivamente ad una Residenza Sanitaria Assistenziale… mentre parlano immagino anche i pensieri inespressi, altrettanto legittimi sebbene più materiali, come il bisogno di vacanze, di domeniche libere, di vita normale.

Provo a trovare una mediazione tra le diverse opinioni e desideri e penso pure al mio paziente che, anche se in modo elementare, percepirà il suo essere d’ingombro in questa fase terminale della vita e che forse, per questo, desidera togliere il disturbo.

Loading

5 2 voti
Valutazione articolo
Iscriviti
Notificami
inserisci il tuo indirizzo e-mail

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti

Altri Articoli

Casi clinici

Pregiudizi e prognosi

Casi clinici/ Perché quell’errore prognostico? Cosa l’ha condizionato?
Un caso emblematico che dà voce all’esperienza condivisa da molti medici.

Continua a leggere »
Articolo

Ritorno a Kabul

Dall’Afghanistan ai Paesi teatro di crisi umanitarie, una testimonianza di vita dalla cooperazione internazionale.

Continua a leggere »
Casi clinici

Sentire voci

Casi clinici/ Una tv che parla, anche da spenta. Una riflessione sulla vecchiaia, la povertà e la relazione d’aiuto.

Continua a leggere »
Primo Piano

Portaflebo

Casi clinici/ Nell’anticamera di una stanza di ospedale, l’attesa, scandita dal lento passare dei giorni di una settimana.

Continua a leggere »
Primo Piano

A cuore aperto

Innovatore nell’ambito della cardiochirurgia, il prof. Alfieri si racconta in occasione del prestigioso riconoscimento Mitral Conclave Lifetime Achievement Award.

Continua a leggere »
Articolo

Uno sguardo sul futuro

Il discorso tenuto dal presidente CAO, dottor Fusardi, durante l’Assemblea annuale dell’Ordine dei Medici di Brescia, lo scorso 16 aprile 2023.

Continua a leggere »
Primo Piano

La relazione che cura

Il recente episodio di cronaca che ha coinvolto il Centro psicosociale di Orzinuovi offre l’occasione per ragionare su disagio psichico e investimenti in sanità.

Continua a leggere »
Casi clinici

Le sorelle Samantha

Casi clinici/ Una casa popolare in provincia, una pentola che bolle sui fornelli, una donna affetta da demenza, attorniata da una famiglia molto particolare.

Continua a leggere »
Recensione

Il capitale biologico

Recensione del libro "Il capitale biologico – Le conseguenze sulla salute delle diseguaglianze sociali", di Luca Carra e Paolo Vineis.

Continua a leggere »
Primo Piano

Non lasciateci soli

Riceviamo e volentieri pubblichiamo la lettera della dottoressa Sara Palmieri, apparsa sui media e condivisa da moltissimi colleghi.

Continua a leggere »
Casi clinici

Idem sentire

Casi clinici/ A volte, per riconoscersi, bastano uno sguardo e poche parole. Un’affinità immediata che può nascere anche in una stanza di ospedale.

Continua a leggere »
Primo Piano

Il morbo di K

Nel Giorno della Memoria, il ricordo di un’insolita epidemia che salvò molti ebrei dalla deportazione.

Continua a leggere »
Editoriale

Medicina è cultura

Insieme ai farmaci, anche i testi letterari possono diventare una cura. Per sostituire alla moderna frenesia il benessere offerto dalle buone letture.

Continua a leggere »
Casi clinici

Eleganza medica

Casi clinici/ Seduto accanto al letto c’è un uomo elegante, molto elegante. Nessuno vedendolo potrebbe pensarlo se non medico: è l’archetipo del medico.

Continua a leggere »
Intervista

Al ritmo del cervello

Alberto Benussi, neurologo e ricercatore UniBs, studia nuove metodiche non invasive per sfidare Alzheimer e demenze

Continua a leggere »
Editoriale

Out of pocket

Per mantenere un Servizio Sanitario Nazionale all’altezza della sua tradizione è necessario mettersi in ascolto degli uomini e delle donne che vi lavorano

Continua a leggere »
Casi clinici

Il valore della memoria

Casi clinici/ E’ stato testimone delle tappe più importanti della comunità: la storia di Giuseppe che ricorda la Spoon River di chi non c’è più

Continua a leggere »
Primo Piano

Nodi da sciogliere

La revoca della sospensione dei medici non vaccinati impone una riflessione deontologica importante. Insieme ad un’analisi dei nodi da sciogliere per il futuro.

Continua a leggere »
Casi clinici

Le visite notturne

Casi clinici/ Un uomo anziano e religiosissimo, una confidenza sventurata, il ricovero in ospedale. La ripresa dell’autonomia che passa dalla riscoperta di una complicità perduta.

Continua a leggere »
Editoriale

Si può morire di vecchiaia?

Sulla base del certificato ufficiale di morte, la Regina Elisabetta II sarebbe morta di vecchiaia. Ma esiste la morte per “vecchiaia”? E l’età è di per sé una malattia?

Continua a leggere »
Casi clinici

La figlia di Forlì

Casi clinici/ Una coppia anziana, una figlia lontana e una vicina, il delicato lavoro di composizione del medico. Perché per dare “buoni consigli” bisogna guadagnare i titoli sul campo della quotidianità.

Continua a leggere »
Recensione

Libri/ Racconti psichiatrici

Dei folli, gli psicotici, i matti non si parla più molto. L’esordio letterario di due psichiatri prova a raccontare questo mondo, affidandosi all’intensità degli epigrammi e ad un medical thriller.

Continua a leggere »
Primo Piano

Le “altre” pandemie

Sars-CoV-2 e non solo: le altre pandemie non infettive contribuiscono a distogliere lo sguardo. La guerra, il cambiamento climatico, la crisi di governo. Come sarà l’autunno con tante incertezze all’orizzonte?

Continua a leggere »
Editoriale

Il ruolo sociale del medico

Nonostante i progressi terapeutici e le straordinarie conquiste in campo medico, l’insoddisfazione dei pazienti (ma anche dei medici) è molto aumentata. Analizzarla è il primo passo verso possibili soluzioni.

Continua a leggere »
0
Lascia un commentox