Uno spazio di confronto sulla medicina con notizie, opinioni e commenti

Notiziario dell'Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri di Brescia – aut. Tribunale di Brescia n. 195/1962

Eleganza medica

Mi ha sempre colpito l’eleganza maschile e ancor più l’eleganza nei medici. Ad una cena ero rimasto affascinato da un commensale per il racconto della cura maniacale con la quale il padre medico-condotto si preparava ogni mattina, alle sei, prima di uscire di casa: il rito iniziava con la barba e terminava con l’abbonante acqua di lavanda e la bianca camicia profumata. Quando vedo un medico elegante la fantasia va alle illustrazioni dei libri di storia della medicina: Augusto Murri con cravatta nera, Cesare Lombroso con cravatta bianca, la catena dell’orologio di Sigmund Freud o le giacche di flanella di Carl Gustav Jung. Un uomo elegante mi dà l’idea che rispetti il prossimo, un medico elegante che rispetti i pazienti.

Stamattina sono entrato in stanza a visitare una paziente ricoverata nottetempo per un capogiro a cui ha fatto seguito una caduta e un trauma cranico. Seduto accanto al letto un vecchio signore che si presenta come marito e medico in pensione. Mi dirà di avere 89 anni. Racconta quello che è successo alla moglie, la dinamica della caduta; non nasconde un senso di colpa per non essere riuscito a prevenirla. Non se l’aspettava, non poteva prevederla in alcun modo, ma la caduta avrebbe potuto essere disastrosa.

Parla in modo calmo, preciso, con terminologia un po’ desueta, che oggi irriterebbe se pronunciata da un giovane medico, ma che in lui aumenta il naturale fascino. È elegante, molto elegante, nessuno vedendolo potrebbe pensarlo se non medico: è l’archetipo del medico.

Mentre mi intrattengo ci raggiunge un giovane collega. Trafelato, senza bussare, interrompe la nostra conversazione dicendo che finalmente è arrivato il referto istologico di una biopsia di un paziente dimesso la settimana prima, negativo (notizia urgente, sic!). Lo guardo, non ha la barba fatta da almeno un paio di giorni, il camice slacciato che lascia vedere una “t-shirt” e un paio di jeans lisi. Ai piedi un paio di “comode” scarpe da ginnastica (sneakers).

Non posso non fare il confronto tra l’eleganza del vecchio medico e la sciatteria e inopportunità del giovane; mi viene in mente il recente dibattito sul venir meno del prestigio e sulla rappresentazione del medico nel mondo d’oggi e sulle motivazioni che hanno portato alla perdita di ruolo sociale. Non credo che l’abito ne sia stato la causa, ma se è stata una conseguenza, si poteva evitare.

Se uno entrasse nella stanza dove ci troviamo per cercare un medico non avrebbe dubbio a chi rivolgersi.

4.2 5 voti
Valutazione articolo
Iscriviti
Notificami
inserisci il tuo indirizzo e-mail

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

1 Commento
Il più vecchio
Il più recente Più votato
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Giorgio Feroldi
2 Gennaio 2023 21:33

Ho 72 anni, mi sono ritirato volontariamente dalla professione nel 2019, ed ho sempre utilizzato camice abbottonato e camicia-cravatta durante le visite ambulatoriali ( in reparto non sempre, essendo dentro e fuori dalla sala operatoria) . Anche quando i miei malati si presentavano con berretto calato , canottiera , bermuda e infradito.
Sono quindi in teoria in completo accordo col Collega Rozzini. Doveroso però è anche stare allineati, almeno parzialmente, coi tempi. Fra i miei colleghi , qui ed all’estero ,ho incontrato grandi professionisti in jeans e sneakers, e altri avviluppati in costosi gessati, beceri ed inconsapevoli dell’argomento scientifico di cui si trattava. Per molti giovani medici il dress-code probabilmente è considerato meno importante della conoscenza e della competenza professionale ( che sono molto presenti nei giovani medici ). Fermo restando che principi elementari di convivenza sociale ( le buone maniere d’antan) e rispetto di gerarchia ed anziani dovrebbero essere un acquisizione scontata. Certo che dove le famiglie hanno fallito, l’Università può fare poco.

Altri Articoli

Primo Piano

Idem sentire

Casi clinici/ A volte, per riconoscersi, bastano uno sguardo e poche parole. Un’affinità immediata che può nascere anche in una stanza di ospedale.

Continua a leggere »
Primo Piano

Il morbo di K

Nel Giorno della Memoria, il ricordo di un’insolita epidemia che salvò molti ebrei dalla deportazione.

Continua a leggere »
Editoriale

Medicina è cultura

Insieme ai farmaci, anche i testi letterari possono diventare una cura. Per sostituire alla moderna frenesia il benessere offerto dalle buone letture.

Continua a leggere »
Intervista

Al ritmo del cervello

Alberto Benussi, neurologo e ricercatore UniBs, studia nuove metodiche non invasive per sfidare Alzheimer e demenze

Continua a leggere »
Editoriale

Out of pocket

Per mantenere un Servizio Sanitario Nazionale all’altezza della sua tradizione è necessario mettersi in ascolto degli uomini e delle donne che vi lavorano

Continua a leggere »
Casi clinici

Il valore della memoria

Casi clinici/ E’ stato testimone delle tappe più importanti della comunità: la storia di Giuseppe che ricorda la Spoon River di chi non c’è più

Continua a leggere »
Primo Piano

Nodi da sciogliere

La revoca della sospensione dei medici non vaccinati impone una riflessione deontologica importante. Insieme ad un’analisi dei nodi da sciogliere per il futuro.

Continua a leggere »
Casi clinici

Le visite notturne

Casi clinici/ Un uomo anziano e religiosissimo, una confidenza sventurata, il ricovero in ospedale. La ripresa dell’autonomia che passa dalla riscoperta di una complicità perduta.

Continua a leggere »
Editoriale

Si può morire di vecchiaia?

Sulla base del certificato ufficiale di morte, la Regina Elisabetta II sarebbe morta di vecchiaia. Ma esiste la morte per “vecchiaia”? E l’età è di per sé una malattia?

Continua a leggere »
Casi clinici

La figlia di Forlì

Casi clinici/ Una coppia anziana, una figlia lontana e una vicina, il delicato lavoro di composizione del medico. Perché per dare “buoni consigli” bisogna guadagnare i titoli sul campo della quotidianità.

Continua a leggere »
Recensione

Libri/ Racconti psichiatrici

Dei folli, gli psicotici, i matti non si parla più molto. L’esordio letterario di due psichiatri prova a raccontare questo mondo, affidandosi all’intensità degli epigrammi e ad un medical thriller.

Continua a leggere »
Primo Piano

Le “altre” pandemie

Sars-CoV-2 e non solo: le altre pandemie non infettive contribuiscono a distogliere lo sguardo. La guerra, il cambiamento climatico, la crisi di governo. Come sarà l’autunno con tante incertezze all’orizzonte?

Continua a leggere »
Editoriale

Il ruolo sociale del medico

Nonostante i progressi terapeutici e le straordinarie conquiste in campo medico, l’insoddisfazione dei pazienti (ma anche dei medici) è molto aumentata. Analizzarla è il primo passo verso possibili soluzioni.

Continua a leggere »
Primo Piano

Tempi difficili

L’editoriale del direttore Balestrieri analizza il periodo attuale segnato da pandemia, guerra e cambiamenti climatici, alla riscoperta di un senso più autentico della professione medica.

Continua a leggere »
Intervista

La parola è un farmaco

Fausto Manara, psichiatra e psicoterapeuta, innovatore nelle cure per i disturbi del comportamento alimentare, analizza il malessere di un presente inquieto. «Il punto vero è la difficoltà ad avere consapevolezza di chi siamo e quanto valiamo».

Continua a leggere »
Casi clinici

I luoghi della memoria

Casi clinici/ Un incontro inatteso nel silenzio del cimitero riporta alla luce un passato lontano. Alla ricerca di un senso, anche quando i ricordi sembrano svanire.

Continua a leggere »
Primo Piano

Il tempo triste di un mestiere bellissimo

Un sabato mattina d’estate, aspettando di andare al mare. Un improvviso malore e la corsa in Pronto soccorso, scenario di momenti relazionali su cui si misura la vera qualità del medico. Con un ringraziamento postumo, affidato a una cartolina da Rimini.

Continua a leggere »
Casi clinici

Preghiera a Gesù

Casi clinici/ Un lungo matrimonio, una storia esemplare di amore coniugale, che non arretra di fronte alla fatica di vivere. E una preghiera da recitare insieme, tutte le sere.

Continua a leggere »
Casi clinici

La morte della signora Norma

Casi clinici/ Un’anziana sola raccontata dallo sguardo dei sanitari che devono decidere per lei la migliore destinazione, provando a immaginarne la storia e i desideri.

Continua a leggere »
Primo Piano

Il lago dei cigni

Guerra e pandemia, i due cigni neri che hanno messo in crisi le nostre certezze. Per mettere a fuoco le coordinate del futuro l’Ordine lancia un sondaggio on line riservato ai medici bresciani.

Continua a leggere »
Casi clinici

Cibo e demenza

Casi clinici/ Dal cotechino ai cavoli, dal cuscus allo zenzero: il valore dell’alimentazione e il giro del mondo in tavola di un’anziana nell’avvicendamento delle badanti

Continua a leggere »
bambola di pezza
Casi clinici

La suora e la bambola

L’ho incontrata per la prima volta sei mesi fa; mi è stata portata dalle consorelle per un’anormale inquietudine, un comportamento “sopra le righe”. Ottant’anni, è in convento dall’età di dodici.

Continua a leggere »
la città in guerra brucia colpita da un attacco nucleare
Primo Piano

L’ultima epidemia

La guerra nel cuore dell’Europa riporta l’attenzione sulla minaccia nucleare, che potrebbe mettere in pericolo la civiltà umana: l’appello dei medici russi e ucraini aderenti a IPPNW

Continua a leggere »
Casi clinici

Abbandoni

Casi clinici/ “Per una donna ci sono alcuni punti fermi irrinunciabili”. Quegli abbandoni che diventano fattori di rischio della vecchiaia.

Continua a leggere »
1
0
Lascia un commentox