Cerca

Uno spazio di confronto sulla medicina con notizie, opinioni e commenti

Notiziario dell'Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri di Brescia – aut. Tribunale di Brescia n. 195/1962

L’emergenza climatica e il ruolo dei medici

Pillole Green

Iniziamo oggi la pubblicazione periodica di Pillole Green che riguardano i “micro” interventi in ambito sanitario per contribuire a salvaguardare l’ambiente e il clima. Le Pillole sono a cura dell’Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia di Bergamo, con cui volentieri avviamo questa collaborazione.

Pillola n.1/ L’emergenza climatica e il ruolo dei medici

di Antonio Bonaldi

Che il clima stia cambiando ne siamo tutti consapevoli, basta guardarsi intorno. Gli inverni sono più miti e le estati più calde, sulle nostre montagne i ghiacciai sono quasi scomparsi e i laghi sono semi-vuoti; le nevicate sono diminuite, semine e fioriture sono anticipate e gli agricoltori sono in costante allarme per la siccità.

Quelli che osserviamo, sono però solo gli aspetti locali di un fenomeno ben più consistente. In effetti, a partire dal XIX secolo, a causa delle attività umane e del massiccio impiego di combustibili fossili, la temperatura media terrestre è aumentata più velocemente che in qualsiasi altro periodo degli ultimi 800.000 anni. Il nostro pianeta sta diventando sempre più caldo e ciò innesca una serie di cambiamenti nell’aria, nella terra, negli oceani e nei ghiacci, che sta compromettendo in modo diffuso e difficilmente reversibile il delicato equilibrio degli ecosistemi terrestri.

A causa di tali cambiamenti eventi metereologici estremi, quali alluvioni, uragani, siccità, ondate di calore e incendi boschivi, con il tragico carico di morte, di dolore e di distruzione che li accompagna, sono destinati a diventare sempre più intensi, più diffusi e più frequenti.

Lo scorso anno, la prestigiosa rivista medica inglese “Lancet”, sulla base dei dati raccolti dall’International Panel on Climate Change (ICPP), il gruppo di lavoro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici, ha dichiarato l’emergenza climatica la più grave minaccia per la salute dell’uomo e per la sopravvivenza della specie. Mentre Antonio Guterres, l’attuale segretario delle Nazioni Unite, esorta i capi di stato e di governo ad intervenire con sollecitudine perché l’umanità si trova oggi di fronte ad un drammatico bivio: un’azione collettiva o un suicidio collettivo. La decisone è nelle nostre mani.

Tuttavia, nonostante il precipitare della situazione e i continui, accorati richiami della scienza, il mondo rimane sostanzialmente indifferente. Pochi sembrano avvedersi della grave minaccia che incombe sul destino dell’umanità e le risposte adottate sono flebili e scoordinate. Ci comportiamo più o meno come i passeggeri del Titanic prima dell’impatto con l’iceberg: spensierati e allegri corriamo verso il baratro.

D’atra parte quello che bisogna fare per contenere entro il 2050 il riscaldamento medio globale nei limiti di 1,5° C rispetto ai valori pre-industriali, come indicato negli accordi di Parigi del 2015, è noto da tempo. Sull’argomento ci sono molti autorevoli documenti internazionali che descrivono in modo minuzioso le azioni che dovremmo intraprendere per mitigare l’impatto delle attività umane sul clima. La catastrofe può essere ancora scongiurata ma il tempo che rimane è molto poco e non ammette ulteriori ritardi. Occorre avviare con urgenza una serie di azioni concrete che devono coinvolgere tutti: dai potenti della terra fino all’ultimo dei comuni cittadini. Ciascuno è chiamato a fare la propria parte, ma bisogna essere consapevoli che le scelte dipendono da noi e che trattandosi della salute i medici hanno una doppia responsabilità.

In effetti, considerate le ricadute sulla salute, i medici dovrebbero essere particolarmente sensibili ai richiami della scienza. Ricordiamo in proposito che il settore sanitario contribuisce con il 4-5% al complesso delle immissioni in atmosfera di CO2. Un valore non trascurabile, pari al doppio delle emissioni attribuite al trasporto aereo mondiale. Un valore che colloca la sanità al primo posto tra i diversi settori afferenti ai servizi.

Le azioni che si possono intraprendere per ridurre l’impronta ecologica connessa con l’erogazione dei servizi sanitari senza compromettere la quantità e la qualità delle cure sono molte e riguardano tutti i professionisti che operano nel campo della salute. Ecco qualche esempio. Migliorare l’efficienza energetica delle strutture dedicate all’erogazione dei servizi sanitari; limitare i trasferimenti dei pazienti attraverso iniziative di telemedicina e sistemi di comunicazione digitale; ridurre i volumi dei rifiuti sanitari, limitando per esempio l’impiego di dispositivi monouso quando non strettamente necessari per la sicurezza dei pazienti e degli operatori; promuovere un’alimentazione sana e sostenibile; contenere l’inquinamento ambientale da farmaci e gas anestetici, scegliendo farmaci e modalità di somministrazione con minor impatto sull’ambiente; migliorare l’appropriatezza delle cure riducendo le prestazioni sanitarie inappropriate che, oltre ad avere un impatto negativo sull’ambiente, consumano da sole il 20% delle risorse dedicate alla sanità. Si pensi a questo riguardo che anche un semplice esame del sangue produce CO2 e contribuisce ad aumentare il riscaldamento terrestre. Per esempio, mille test del sangue (formula, emoglobina, ematocrito) producono l’equivalente in CO2 di 700 chilometri percorsi in automobile, mentre una singola risonanza magnetica produce l’equivalente in CO2 di un auto che percorre 145 km.

Insomma, le cose da fare sono tante e la maggior parte possono essere realizzate fin da subito e con relativa facilità. Occorre, però, essere consapevoli del problema, informarsi, imparare a valutare le conseguenze delle nostre decisioni anche dal punto di vista dell’ambiente, cercando ogni volta di adottare le alternative più opportune. Se ci abituiamo a prestare attenzione a questo problema ci rendiamo conto che le occasioni per intervenire sono innumerevoli e soprattutto che ridurre le emissioni si può e che farlo contribuisce anche a migliorare la qualità delle cure.

Loading

5 1 voto
Valutazione articolo
Iscriviti
Notificami
inserisci il tuo indirizzo e-mail

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti

Altri Articoli

Casi clinici

Perduto amore

Casi clinici/ Una paziente con disturbo dell’umore, l’ennesimo consulto e le ragioni di un nome improbabile, ricordo di un amore perduto.

Continua a leggere »
Casi clinici

Pregiudizi e prognosi

Casi clinici/ Perché quell’errore prognostico? Cosa l’ha condizionato?
Un caso emblematico che dà voce all’esperienza condivisa da molti medici.

Continua a leggere »
Articolo

Ritorno a Kabul

Dall’Afghanistan ai Paesi teatro di crisi umanitarie, una testimonianza di vita dalla cooperazione internazionale.

Continua a leggere »
Casi clinici

Sentire voci

Casi clinici/ Una tv che parla, anche da spenta. Una riflessione sulla vecchiaia, la povertà e la relazione d’aiuto.

Continua a leggere »
Casi clinici

La famiglia numerosa

Casi clinici/ Qual è la scelta migliore? Un paziente anziano, tanti figli e la difficile mediazione tra bisogni, opinioni e desideri.

Continua a leggere »
Primo Piano

Portaflebo

Casi clinici/ Nell’anticamera di una stanza di ospedale, l’attesa, scandita dal lento passare dei giorni di una settimana.

Continua a leggere »
Primo Piano

A cuore aperto

Innovatore nell’ambito della cardiochirurgia, il prof. Alfieri si racconta in occasione del prestigioso riconoscimento Mitral Conclave Lifetime Achievement Award.

Continua a leggere »
Articolo

Uno sguardo sul futuro

Il discorso tenuto dal presidente CAO, dottor Fusardi, durante l’Assemblea annuale dell’Ordine dei Medici di Brescia, lo scorso 16 aprile 2023.

Continua a leggere »
Primo Piano

La relazione che cura

Il recente episodio di cronaca che ha coinvolto il Centro psicosociale di Orzinuovi offre l’occasione per ragionare su disagio psichico e investimenti in sanità.

Continua a leggere »
Casi clinici

Le sorelle Samantha

Casi clinici/ Una casa popolare in provincia, una pentola che bolle sui fornelli, una donna affetta da demenza, attorniata da una famiglia molto particolare.

Continua a leggere »
Recensione

Il capitale biologico

Recensione del libro "Il capitale biologico – Le conseguenze sulla salute delle diseguaglianze sociali", di Luca Carra e Paolo Vineis.

Continua a leggere »
Primo Piano

Non lasciateci soli

Riceviamo e volentieri pubblichiamo la lettera della dottoressa Sara Palmieri, apparsa sui media e condivisa da moltissimi colleghi.

Continua a leggere »
Casi clinici

Idem sentire

Casi clinici/ A volte, per riconoscersi, bastano uno sguardo e poche parole. Un’affinità immediata che può nascere anche in una stanza di ospedale.

Continua a leggere »
Primo Piano

Il morbo di K

Nel Giorno della Memoria, il ricordo di un’insolita epidemia che salvò molti ebrei dalla deportazione.

Continua a leggere »
Editoriale

Medicina è cultura

Insieme ai farmaci, anche i testi letterari possono diventare una cura. Per sostituire alla moderna frenesia il benessere offerto dalle buone letture.

Continua a leggere »
Casi clinici

Eleganza medica

Casi clinici/ Seduto accanto al letto c’è un uomo elegante, molto elegante. Nessuno vedendolo potrebbe pensarlo se non medico: è l’archetipo del medico.

Continua a leggere »
Intervista

Al ritmo del cervello

Alberto Benussi, neurologo e ricercatore UniBs, studia nuove metodiche non invasive per sfidare Alzheimer e demenze

Continua a leggere »
Editoriale

Out of pocket

Per mantenere un Servizio Sanitario Nazionale all’altezza della sua tradizione è necessario mettersi in ascolto degli uomini e delle donne che vi lavorano

Continua a leggere »
Casi clinici

Il valore della memoria

Casi clinici/ E’ stato testimone delle tappe più importanti della comunità: la storia di Giuseppe che ricorda la Spoon River di chi non c’è più

Continua a leggere »
0
Lascia un commentox