Cerca

Uno spazio di confronto sulla medicina con notizie, opinioni e commenti

Notiziario dell'Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri di Brescia – aut. Tribunale di Brescia n. 195/1962

MONOPOLY o… SANOPOLY? (Sanità ancora per tutti?)

MONOPOLY o… SANOPOLY? (Sanità ancora per tutti?) Opera di Raffaele Spiazzi

illustrazioni di Raffaele Spiazzi

Chi non ha mai giocato a Monòpoli (oggi, all’americana, Monopoly) alzi la mano. A raccontarlo in due parole per chi eventualmente non lo conoscesse, Monopoly è quel gioco dove chi ha prende, e chi non ha ben che gli vada sta a guardare, altrimenti paga, finché ne ha. 

La suggestione per l’illustrazione di questo numero di Brescia Medica, tra sostenibilità e sottofinanziamento del SSN e nuove prospettive d’impiego in sanità dell’Intelligenza Artificiale, parte da qui, dallo stridente confronto fra il sentire di molti che la tutela della salute sia UNA COSA SERIA E NON UN GIOCO e l’allarme diffuso che questa tutela – scolpita indelebilmente nella nostra carta costituzionale e declinata in valori “antichi ma universali” come diritto alla salute, equità, libertà, rispetto… – stia venendo  invece “MESSA IN GIOCO” e, quindi, in discussione, tra scelte/non-scelte, deficit di programmazione, conflitti di interesse e miopi rinvii e chi più ne ha più ne metta.

Da qui la provocazione della mia opera: non è che il MONOPOLY al quale tutti abbiamo, da bambini o da adulti, giocato, si stia trasformando in un più intrigante SANOPOLY, dove la posta in palio non sono più i denari accumulati o persi e il rischio di bancarotta, ma piuttosto la possibilità di curarsi quando i casi della vita (i dadi, le carte “imprevisti”, lo scorrere inevitabile dell’età…) ti pongono nella necessità di doverlo fare?

E così, tra ironia e sorrisi amari, ecco che luoghi classici del Monòpoli di un tempo, quali Vicolo Corto e Vicolo Stretto, diventano in questa proposta un raro Intestino Corto e un più improbabile Intestino Stretto, così come, dall’altro lato del tabellone, quello dei ricchi, il Parco della Vittoria e il Viale dei Giardini si trasformano in un ben più concreto Parco del Benessere o in un irriverente Viale dei Ritocchini. E le classiche stazioni del Monòpoli, la via per intraprendere Viaggi della Speranza (e attenzione alle Disequità Regionali, altra casella) o per rincorrere – sempre pagando, s’intende – miracolistiche Cure all’Estero.

Suggestione nella suggestione, ho poi immaginato che in questo gioco di società non saremo soli, e sempre più ci avvarremo di nuovi compagni di viaggio creati dalla Intelligenza Artificiale e dai SUOI algoritmi, che però essendo i “NOSTRI” algoritmi, altro non potranno fare che allargare le braccia e guardarci con comprensione nel constatare la nostra frequente e insana propensione a cacciarci nei guai. Perché i modelli sanitari sono frutto delle scelte di una società, non sono verità indiscusse. Ne esistono tanti a questo mondo, con i loro pregi e i loro difetti, e tutti hanno diritto di cittadinanza. Ma, una volta scelto un modello, questo va sostenuto con le risorse necessarie perché funzioni al meglio e mantenga quel che promette. Altrimenti, vuol dire che, senza esplicitamente dichiararlo, stiamo giocando un’altra partita, che abbiamo deciso di riferirci ad un ALTRO algoritmo e ad altri obiettivi, per i quali non basterà l’intelligenza artificiale a salvarci, o a far tornare ad esser meno iniquo il nostro sistema attuale.

Niente più che un gioco di società, non fosse che si sta parlando della salute nostra e delle generazioni che verranno. Con un’ultima avvertenza. Nel gioco della vita, quando si parla di SALUTE, imprevisti e probabilità si chiudono come in cerchio. E le malattie, piccoli o grandi guai che siano, stanno anche, anzi soprattutto, nel mazzo delle PROBABILITÀ. Di ciò, così come del destino del nostro SSN, che nessuno dica che era… IMPREVISTO.

Loading

5 2 voti
Valutazione articolo
Iscriviti
Notificami
inserisci il tuo indirizzo e-mail

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti

Altri Articoli

Casi clinici

Perduto amore

Casi clinici/ Una paziente con disturbo dell’umore, l’ennesimo consulto e le ragioni di un nome improbabile, ricordo di un amore perduto.

Continua a leggere »
Casi clinici

Pregiudizi e prognosi

Casi clinici/ Perché quell’errore prognostico? Cosa l’ha condizionato?
Un caso emblematico che dà voce all’esperienza condivisa da molti medici.

Continua a leggere »
Articolo

Ritorno a Kabul

Dall’Afghanistan ai Paesi teatro di crisi umanitarie, una testimonianza di vita dalla cooperazione internazionale.

Continua a leggere »
Casi clinici

Sentire voci

Casi clinici/ Una tv che parla, anche da spenta. Una riflessione sulla vecchiaia, la povertà e la relazione d’aiuto.

Continua a leggere »
Casi clinici

La famiglia numerosa

Casi clinici/ Qual è la scelta migliore? Un paziente anziano, tanti figli e la difficile mediazione tra bisogni, opinioni e desideri.

Continua a leggere »
Primo Piano

Portaflebo

Casi clinici/ Nell’anticamera di una stanza di ospedale, l’attesa, scandita dal lento passare dei giorni di una settimana.

Continua a leggere »
Primo Piano

A cuore aperto

Innovatore nell’ambito della cardiochirurgia, il prof. Alfieri si racconta in occasione del prestigioso riconoscimento Mitral Conclave Lifetime Achievement Award.

Continua a leggere »
Articolo

Uno sguardo sul futuro

Il discorso tenuto dal presidente CAO, dottor Fusardi, durante l’Assemblea annuale dell’Ordine dei Medici di Brescia, lo scorso 16 aprile 2023.

Continua a leggere »
Primo Piano

La relazione che cura

Il recente episodio di cronaca che ha coinvolto il Centro psicosociale di Orzinuovi offre l’occasione per ragionare su disagio psichico e investimenti in sanità.

Continua a leggere »
Casi clinici

Le sorelle Samantha

Casi clinici/ Una casa popolare in provincia, una pentola che bolle sui fornelli, una donna affetta da demenza, attorniata da una famiglia molto particolare.

Continua a leggere »
Recensione

Il capitale biologico

Recensione del libro "Il capitale biologico – Le conseguenze sulla salute delle diseguaglianze sociali", di Luca Carra e Paolo Vineis.

Continua a leggere »
Primo Piano

Non lasciateci soli

Riceviamo e volentieri pubblichiamo la lettera della dottoressa Sara Palmieri, apparsa sui media e condivisa da moltissimi colleghi.

Continua a leggere »
Casi clinici

Idem sentire

Casi clinici/ A volte, per riconoscersi, bastano uno sguardo e poche parole. Un’affinità immediata che può nascere anche in una stanza di ospedale.

Continua a leggere »
Primo Piano

Il morbo di K

Nel Giorno della Memoria, il ricordo di un’insolita epidemia che salvò molti ebrei dalla deportazione.

Continua a leggere »
Editoriale

Medicina è cultura

Insieme ai farmaci, anche i testi letterari possono diventare una cura. Per sostituire alla moderna frenesia il benessere offerto dalle buone letture.

Continua a leggere »
Casi clinici

Eleganza medica

Casi clinici/ Seduto accanto al letto c’è un uomo elegante, molto elegante. Nessuno vedendolo potrebbe pensarlo se non medico: è l’archetipo del medico.

Continua a leggere »
Intervista

Al ritmo del cervello

Alberto Benussi, neurologo e ricercatore UniBs, studia nuove metodiche non invasive per sfidare Alzheimer e demenze

Continua a leggere »
Editoriale

Out of pocket

Per mantenere un Servizio Sanitario Nazionale all’altezza della sua tradizione è necessario mettersi in ascolto degli uomini e delle donne che vi lavorano

Continua a leggere »
Casi clinici

Il valore della memoria

Casi clinici/ E’ stato testimone delle tappe più importanti della comunità: la storia di Giuseppe che ricorda la Spoon River di chi non c’è più

Continua a leggere »
0
Lascia un commentox