Cerca

Uno spazio di confronto sulla medicina con notizie, opinioni e commenti

Notiziario dell'Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri di Brescia – aut. Tribunale di Brescia n. 195/1962

Non lasciateci soli

Riceviamo e volentieri pubblichiamo la lettera della dottoressa Sara Palmieri, apparsa sui media e condivisa da moltissimi colleghi.

Questa settimana è iniziato l’evento Bergamo Brescia città della cultura italiana 2023.

C’è un bellissimo video di presentazione che si apre con due immagini emblematiche: la processione dei carri dell’esercito che porta via le salme da Bergamo e l’ospedale civile di Brescia illuminato dal tricolore.

Siamo a marzo 2020.

Inizia probabilmente la pagina più buia della sanità italiana.

L’ospedale civile in pochi giorni verrà stravolto e diventerà il più grande ospedale covid del mondo.

Assisteremo al crollo della medicina territoriale. I medici di base abbandonati a se stessi, senza indicazioni nè presidi. Intere zone prive di riferimenti sanitari, con i cittadini che si riversano sulle strutture centrali già in sofferenza.

Assisteremo al vero volto della sanità privata, che cerca di trincerarsi e non perdere produttività. Ci vorranno 20 giorni e una ricca offerta economica prima che aprano i cancelli ai malati covid.

E assisteremo al crollo del Servizio Sanitario Nazionale. Che trabocca di malati, che non ha posto e ossigeno per tutti, che non è preparato, non ha i mezzi, le strutture e le persone.

Anni di tagli e mortificazioni, di scelte scellerate, che in questa regione hanno lo stesso colore da almeno 30 anni e vedono incredibilmente ancora ben saldi i principali protagonisti degli eventi che sto raccontando.

Se siamo qui oggi, a raccontarcela, se il sistema ha retto, è grazie al personale sanitario, che non ha mollato il colpo, nonostante fosse già in una situazione critica. Per cercare di salvare tutti.

La politica non c’era o faceva danni, questo lo stabilirà la magistratura. Mentre i medici, gli infermieri, i tecnici e gli OSS non arretravano di un passo davanti allo tsunami, lavorando in condizioni paragonabili ad un ospedale di guerra, senza conoscere orari, riposi o la minima sicurezza.

Sono 379 i medici morti di Covid. Fra tutti, ricordo Gino Fasoli, bresciano. Un medico di base in pensione, richiamato in servizio per aiutare a coprire i colleghi malati o che stavano lavorando in ospedale. Gino è morto, il 21 marzo 2020, di Covid.

Ma nonostante tutto questo, abbiamo sacrificato la nostra vita personale, affettiva e familiare, perchè questo è il nostro lavoro. Questa è la nostra etica. Che va bene in una situazione di emergenza, ma non può e non deve essere considerato uno standard.

La risposta della politica è stata quella di consolarci e rabbonirci con la retorica dell’eroe, ma poco o niente è stato fatto per aiutarci realmente nè per porre rimedio alle paurose crepe che abbiamo davanti.

Tra i cocci che ci sono rimasti dopo 3 anni, emergono le spaventose liste d’attesa e il drastico peggioramento delle nostre condizioni lavorative. In tutta Italia.

Ancora oggi i turni di lavoro sono al limite della legalità, mancano le ferie e i riposi, per sopperire alla carenza di personale. A dicembre al pronto soccorso del policlinico universitario di Udine lavoravano con oltre cento pazienti al giorno in attesa. La notte fra l’11 e il 12 dicembre, la dottoressa Lucia Damiano lavora ininterrottamente per 14 ore, con un afflusso enorme, fra una marea di stupidaggini e 3 arresti cardiaci ripresi. Lucia, esausta, torna a dormire a casa finalmente. Dopo qualche ora, la figlia aprirà la porta alla zia chiedendo di non disturbare che “mamma riposa”. Lucia, 49 anni, in realtà è già morta, nel sonno.

Negli ultimi 3 anni, 21 mila medici hanno abbandonato il SSN, si stima che quasi 100 mila lo faranno nei prossimi anni. Vanno a fare i gettonisti, a lavorare nel privato o all’estero. Perché si lavora meglio e si viene pagati di più, non a caso i medici italiani statali sono fra i meno pagati d’Europa. La concorrenza col pubblico è spietata e sembra non interessare nessuno.

La retorica dell’eroe, dicevamo, pulirsi la coscienza con le monete da 2 euro e le statue, sono solo un balsamo effimero per romantici creduloni, ma non possono compensare il pesantissimo prezzo che paghiamo nelle nostre vite. La solitudine, l’isolamento, la frustrazione, la tensione, la stanchezza. Una collega anonima racconta che per 4 giorni di fila non è riuscita a vedere i propri figli da svegli, fino ad un pomeriggio in cui crolla piangendo sul letto. E la figlia di 5 anni la abbraccia, le accarezza la testa e la rincuora “andrà tutto bene”.

Ma questo non è giusto, non è umano. Perché il nostro è un lavoro e non una missione. È una professione che ci pone a contatto continuamente con la sofferenza, il dolore e la morte. Per gestire tutto questo, anche emotivamente, e lavorare meglio, abbiamo bisogno di dedicare tempo alla vita: la nostra.

L’università di Milano Bicocca ha stimato che il 72% dei medici italiani è in una condizione di burn out, ansia o depressione. Non un collega solo è arrivato a compiere il gesto estremo. Ma nessuno ci aiuta. Nessuno ci ascolta. Siamo rimasti da soli.

E mentre si cerca di coprire la falla con medici gettonisti, non specialisti, non controllati e strapagati, agli ospedalieri si chiede sempre di più: turni oltre l’orario di servizio, ambulatori aperti a oltranza, recupero e addirittura aumento della produttività rispetto al pre Covid. Non ve lo devo spiegare io come questo non migliori la qualità e l’efficienza delle nostre prestazioni, anzi. E i medici si licenziano sempre di più, sfiniti, incazzati, frustrati. Aumentando ancora di più il carico su chi resta.

Ed è un loop infinito.

I pazienti non si sentono seguiti, non trovano spazio, si riversano nei pronto soccorso sempre più affollati, crescono l’esasperazione e la tensione, alimentate anche da una assurda e raffazzonata narrazione della stampa. E sono sempre di più le aggressioni al personale sanitario: dalla collega in guardia medica strangolata per aver suggerito un trattamento, al medico di reparto picchiato per aver comunicato un decesso, fino al medico di PS ucciso a colpi di accetta nel parcheggio dell’ospedale.

Riversano su di noi la frustrazione e il disagio che la politica ha creato.

Ed è ora e tempo che la politica si assuma le proprie responsabilità e risolva questo dramma.

Non lo chiedo per me. Fatelo per Gino, per Lucia, per Alessandro, per i medici aggrediti perché svolgono il loro lavoro in scienza e coscienza, per tutti i medici che ancora credono nella sanità pubblica e stanno cercando di sopravvivere. Fatelo per tutti i malati che non riusciamo a curare adeguatamente e per tempo. E in fin dei conti, fatelo per i 45 mila morti di Covid in questa disgraziata regione, che un po’ glielo dovete.

Loading

4.6 7 voti
Valutazione articolo
Iscriviti
Notificami
inserisci il tuo indirizzo e-mail

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti

Altri Articoli

Casi clinici

Pregiudizi e prognosi

Casi clinici/ Perché quell’errore prognostico? Cosa l’ha condizionato?
Un caso emblematico che dà voce all’esperienza condivisa da molti medici.

Continua a leggere »
Articolo

Ritorno a Kabul

Dall’Afghanistan ai Paesi teatro di crisi umanitarie, una testimonianza di vita dalla cooperazione internazionale.

Continua a leggere »
Casi clinici

Sentire voci

Casi clinici/ Una tv che parla, anche da spenta. Una riflessione sulla vecchiaia, la povertà e la relazione d’aiuto.

Continua a leggere »
Casi clinici

La famiglia numerosa

Casi clinici/ Qual è la scelta migliore? Un paziente anziano, tanti figli e la difficile mediazione tra bisogni, opinioni e desideri.

Continua a leggere »
Primo Piano

Portaflebo

Casi clinici/ Nell’anticamera di una stanza di ospedale, l’attesa, scandita dal lento passare dei giorni di una settimana.

Continua a leggere »
Primo Piano

A cuore aperto

Innovatore nell’ambito della cardiochirurgia, il prof. Alfieri si racconta in occasione del prestigioso riconoscimento Mitral Conclave Lifetime Achievement Award.

Continua a leggere »
Articolo

Uno sguardo sul futuro

Il discorso tenuto dal presidente CAO, dottor Fusardi, durante l’Assemblea annuale dell’Ordine dei Medici di Brescia, lo scorso 16 aprile 2023.

Continua a leggere »
Primo Piano

La relazione che cura

Il recente episodio di cronaca che ha coinvolto il Centro psicosociale di Orzinuovi offre l’occasione per ragionare su disagio psichico e investimenti in sanità.

Continua a leggere »
Casi clinici

Le sorelle Samantha

Casi clinici/ Una casa popolare in provincia, una pentola che bolle sui fornelli, una donna affetta da demenza, attorniata da una famiglia molto particolare.

Continua a leggere »
Recensione

Il capitale biologico

Recensione del libro "Il capitale biologico – Le conseguenze sulla salute delle diseguaglianze sociali", di Luca Carra e Paolo Vineis.

Continua a leggere »
Casi clinici

Idem sentire

Casi clinici/ A volte, per riconoscersi, bastano uno sguardo e poche parole. Un’affinità immediata che può nascere anche in una stanza di ospedale.

Continua a leggere »
Primo Piano

Il morbo di K

Nel Giorno della Memoria, il ricordo di un’insolita epidemia che salvò molti ebrei dalla deportazione.

Continua a leggere »
Editoriale

Medicina è cultura

Insieme ai farmaci, anche i testi letterari possono diventare una cura. Per sostituire alla moderna frenesia il benessere offerto dalle buone letture.

Continua a leggere »
Casi clinici

Eleganza medica

Casi clinici/ Seduto accanto al letto c’è un uomo elegante, molto elegante. Nessuno vedendolo potrebbe pensarlo se non medico: è l’archetipo del medico.

Continua a leggere »
Intervista

Al ritmo del cervello

Alberto Benussi, neurologo e ricercatore UniBs, studia nuove metodiche non invasive per sfidare Alzheimer e demenze

Continua a leggere »
Editoriale

Out of pocket

Per mantenere un Servizio Sanitario Nazionale all’altezza della sua tradizione è necessario mettersi in ascolto degli uomini e delle donne che vi lavorano

Continua a leggere »
Casi clinici

Il valore della memoria

Casi clinici/ E’ stato testimone delle tappe più importanti della comunità: la storia di Giuseppe che ricorda la Spoon River di chi non c’è più

Continua a leggere »
Primo Piano

Nodi da sciogliere

La revoca della sospensione dei medici non vaccinati impone una riflessione deontologica importante. Insieme ad un’analisi dei nodi da sciogliere per il futuro.

Continua a leggere »
Casi clinici

Le visite notturne

Casi clinici/ Un uomo anziano e religiosissimo, una confidenza sventurata, il ricovero in ospedale. La ripresa dell’autonomia che passa dalla riscoperta di una complicità perduta.

Continua a leggere »
Editoriale

Si può morire di vecchiaia?

Sulla base del certificato ufficiale di morte, la Regina Elisabetta II sarebbe morta di vecchiaia. Ma esiste la morte per “vecchiaia”? E l’età è di per sé una malattia?

Continua a leggere »
Casi clinici

La figlia di Forlì

Casi clinici/ Una coppia anziana, una figlia lontana e una vicina, il delicato lavoro di composizione del medico. Perché per dare “buoni consigli” bisogna guadagnare i titoli sul campo della quotidianità.

Continua a leggere »
Recensione

Libri/ Racconti psichiatrici

Dei folli, gli psicotici, i matti non si parla più molto. L’esordio letterario di due psichiatri prova a raccontare questo mondo, affidandosi all’intensità degli epigrammi e ad un medical thriller.

Continua a leggere »
Primo Piano

Le “altre” pandemie

Sars-CoV-2 e non solo: le altre pandemie non infettive contribuiscono a distogliere lo sguardo. La guerra, il cambiamento climatico, la crisi di governo. Come sarà l’autunno con tante incertezze all’orizzonte?

Continua a leggere »
Editoriale

Il ruolo sociale del medico

Nonostante i progressi terapeutici e le straordinarie conquiste in campo medico, l’insoddisfazione dei pazienti (ma anche dei medici) è molto aumentata. Analizzarla è il primo passo verso possibili soluzioni.

Continua a leggere »
Primo Piano

Tempi difficili

L’editoriale del direttore Balestrieri analizza il periodo attuale segnato da pandemia, guerra e cambiamenti climatici, alla riscoperta di un senso più autentico della professione medica.

Continua a leggere »
Intervista

La parola è un farmaco

Fausto Manara, psichiatra e psicoterapeuta, innovatore nelle cure per i disturbi del comportamento alimentare, analizza il malessere di un presente inquieto. «Il punto vero è la difficoltà ad avere consapevolezza di chi siamo e quanto valiamo».

Continua a leggere »
Casi clinici

I luoghi della memoria

Casi clinici/ Un incontro inatteso nel silenzio del cimitero riporta alla luce un passato lontano. Alla ricerca di un senso, anche quando i ricordi sembrano svanire.

Continua a leggere »
Primo Piano

Il tempo triste di un mestiere bellissimo

Un sabato mattina d’estate, aspettando di andare al mare. Un improvviso malore e la corsa in Pronto soccorso, scenario di momenti relazionali su cui si misura la vera qualità del medico. Con un ringraziamento postumo, affidato a una cartolina da Rimini.

Continua a leggere »
Casi clinici

Preghiera a Gesù

Casi clinici/ Un lungo matrimonio, una storia esemplare di amore coniugale, che non arretra di fronte alla fatica di vivere. E una preghiera da recitare insieme, tutte le sere.

Continua a leggere »
Casi clinici

La morte della signora Norma

Casi clinici/ Un’anziana sola raccontata dallo sguardo dei sanitari che devono decidere per lei la migliore destinazione, provando a immaginarne la storia e i desideri.

Continua a leggere »
Primo Piano

Il lago dei cigni

Guerra e pandemia, i due cigni neri che hanno messo in crisi le nostre certezze. Per mettere a fuoco le coordinate del futuro l’Ordine lancia un sondaggio on line riservato ai medici bresciani.

Continua a leggere »
Casi clinici

Cibo e demenza

Casi clinici/ Dal cotechino ai cavoli, dal cuscus allo zenzero: il valore dell’alimentazione e il giro del mondo in tavola di un’anziana nell’avvicendamento delle badanti

Continua a leggere »
bambola di pezza
Casi clinici

La suora e la bambola

L’ho incontrata per la prima volta sei mesi fa; mi è stata portata dalle consorelle per un’anormale inquietudine, un comportamento “sopra le righe”. Ottant’anni, è in convento dall’età di dodici.

Continua a leggere »
0
Lascia un commentox