Cerca

Uno spazio di confronto sulla medicina con notizie, opinioni e commenti

Notiziario dell'Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri di Brescia – aut. Tribunale di Brescia n. 195/1962

Emergency: 30 anni di cura, solidarietà e diritti umani

EMERGENCY è una organizzazione umanitaria internazionale fondata nel 1994 da Gino Strada per offrire cure medico-chirurgiche alle vittime della guerra, delle mine antiuomo e della povertà. Sin dall’inizio, uno dei suoi obiettivi è stato promuovere il rispetto dei diritti umani: solidarietà è la parola d’ordine alla guida dei progetti dell’Associazione che a oggi ha lavorato in più di 20 Paesi in tutto il mondo. Attraverso le sue strutture sanitarie e i servizi garantiti, ha curato gratuitamente oltre 12,5 milioni di persone.

Uno dei principi fondanti di EMERGENCY è offrire assistenza completamente gratuita e di qualità, garantendo cure a chiunque ne abbia bisogno senza discriminazioni politiche, ideologiche o religiose, rispettando la Carta Universale dei Diritti dell’Uomo e la Costituzione italiana.

Seguendo i principi di eguaglianza, qualità e responsabilità sociale, EMERGENCY si occupa anche di riabilitazione e reintegrazione sociale, orientamento socio-sanitario, ricerca e soccorso nel Mar Mediterraneo Centrale e promozione di una cultura di pace.

Gli interventi di EMERGENCY nascono molto spesso in situazioni di emergenza ma si protraggono nel tempo attraverso la collaborazione che, già nelle fasi iniziali di un progetto, si instaura con le autorità locali, le istituzioni e le professionalità del posto. L’ideazione e costruzione di ospedali per garantire un livello di cure più alto possibile nei Paesi a basso e medio reddito, per esempio, non è mai fine a sé stessa ma viene vista come il primo passo per la creazione di un progetto condiviso con il Paese ospitante. Come nel caso della rete ANME (Rete sanitaria d’Eccellenza in Africa), progetto di cooperazione sanitaria che ha lo scopo di portare sanità di eccellenza con cure gratuite e di qualità nei Paesi africani in cui EMERGENCY gestisce strutture ospedaliere.

Oggi EMERGENCY è presente in Afghanistan, Iraq, Sudan, Eritrea, Uganda, Sierra Leone e nel Mar Mediterraneo Centrale dove svolge operazioni di ricerca e soccorso (Search and Rescue).

In Italia l’Associazione è attiva da 17 anni con ambulatori fissi e mobili a Milano, Marghera, Rosarno, Castel Volturno, Ragusa, Napoli, Sassari e Brescia. In queste strutture garantisce servizi socio-sanitari volti al sostegno della fascia di popolazione vulnerabile italiana e migrante.

Il progetto Programma Italia di EMERGENCY nasce dalla volontà di rendere concreto, per ogni individuo, il diritto alla cura sancito dalla Costituzione italiana fornendo servizi di medicina generale e infermieristici, supporto psicologico, mediazione culturale e orientamento socio-sanitario. Il fine è curare e riconnettere le persone alla rete del Servizio Sanitario Nazionale. Dal 2006 a oggi, Programma Italia ha fornito oltre 533.000 prestazioni.

EMERGENCY è presente nella città di Brescia con uno sportello di orientamento socio-sanitario aperto dal 2016 in accordo con l’ASST Spedali Civili di Brescia. Attualmente lo sportello è aperto in via Antiche Mura 3 tutti i giorni infrasettimanali, ad eccezione del mercoledì quando gli operatori ricevono il pubblico in via Milano 59 presso “La casa del Quartiere”.

Brescia e la provincia sono da anni attraversate e vissute da un buon numero di cittadini stranieri e/o persone ai margini: l’intervento in città è nato per creare un ponte tra queste fasce, spesso fragili, di popolazione e i servizi socio-sanitari già presenti sul territorio. Si è infatti visto come le persone, a volte anche in Italia da anni, non sappiano come iniziare o continuare i percorsi di cura per problemi legati a barriere linguistiche, amministrative, economiche, logistiche o per la mancanza di consapevolezza dei propri diritti. Il lavoro di EMERGENCY consiste nel supportare gli assistiti nel superamento delle diverse difficoltà incontrate, sulla base di quanto previsto per diritto per lo specifico profilo amministrativo, attraverso l’inserimento in corretti percorsi di cura e/o favorendo la presa in carico da parte dei servizi socio-sanitari preposti.          

Nel concreto lo staff – composto da mediatori culturali e volontari con formazione sanitaria, e non –  si occupa di fornire informazioni e riferimenti normativi, orientare e accompagnare presso amministrazioni e ospedali, creare le condizioni per interventi di mediazione culturale e linguistica.

I bisogni più frequentemente riscontrati riguardano la comprensione dell’iter di cura e la corretta assunzione della terapia, i costi delle cure (che molte volte si possono superare attraverso il conseguimento di esenzioni), la prenotazione di visite e accertamenti, mediazione linguistica, preparazione dei documenti utili per l’iscrizione al SSN o per l’iscrizione anagrafica, verifica della sussistenza dei requisiti per la richiesta di alcuni tipi di permessi di soggiorno (es. cure mediche e/o gravidanza), orientamento ai servizi sociali e in generale ai servizi del terzo settore (es. dormitori, mense, distribuzione abiti, altri sportelli amministrativi).

Su richiesta EMERGENCY organizza inoltre momenti informativi individuali o collettivi su tematiche inerenti salute e prevenzione (a cura di sanitari volontari) e sul diritto di cura in Italia, rivolti a personale socio-sanitario e assistiti (ospiti di centri di accoglienza, dormitori, centri diurni etc.). Si lavora in rete con le istituzioni e associazioni presenti, sempre nell’ottica di rendere le persone il più autonome possibile. Da quando sono state avviate le attività, sono state offerte più di 15.000 prestazioni.

Loading

5 1 voto
Valutazione articolo
Iscriviti
Notificami
inserisci il tuo indirizzo e-mail

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti

Altri Articoli

Casi clinici

Pregiudizi e prognosi

Casi clinici/ Perché quell’errore prognostico? Cosa l’ha condizionato?
Un caso emblematico che dà voce all’esperienza condivisa da molti medici.

Continua a leggere »
Articolo

Ritorno a Kabul

Dall’Afghanistan ai Paesi teatro di crisi umanitarie, una testimonianza di vita dalla cooperazione internazionale.

Continua a leggere »
Casi clinici

Sentire voci

Casi clinici/ Una tv che parla, anche da spenta. Una riflessione sulla vecchiaia, la povertà e la relazione d’aiuto.

Continua a leggere »
Casi clinici

La famiglia numerosa

Casi clinici/ Qual è la scelta migliore? Un paziente anziano, tanti figli e la difficile mediazione tra bisogni, opinioni e desideri.

Continua a leggere »
Primo Piano

Portaflebo

Casi clinici/ Nell’anticamera di una stanza di ospedale, l’attesa, scandita dal lento passare dei giorni di una settimana.

Continua a leggere »
Primo Piano

A cuore aperto

Innovatore nell’ambito della cardiochirurgia, il prof. Alfieri si racconta in occasione del prestigioso riconoscimento Mitral Conclave Lifetime Achievement Award.

Continua a leggere »
Articolo

Uno sguardo sul futuro

Il discorso tenuto dal presidente CAO, dottor Fusardi, durante l’Assemblea annuale dell’Ordine dei Medici di Brescia, lo scorso 16 aprile 2023.

Continua a leggere »
Primo Piano

La relazione che cura

Il recente episodio di cronaca che ha coinvolto il Centro psicosociale di Orzinuovi offre l’occasione per ragionare su disagio psichico e investimenti in sanità.

Continua a leggere »
Casi clinici

Le sorelle Samantha

Casi clinici/ Una casa popolare in provincia, una pentola che bolle sui fornelli, una donna affetta da demenza, attorniata da una famiglia molto particolare.

Continua a leggere »
Recensione

Il capitale biologico

Recensione del libro "Il capitale biologico – Le conseguenze sulla salute delle diseguaglianze sociali", di Luca Carra e Paolo Vineis.

Continua a leggere »
Primo Piano

Non lasciateci soli

Riceviamo e volentieri pubblichiamo la lettera della dottoressa Sara Palmieri, apparsa sui media e condivisa da moltissimi colleghi.

Continua a leggere »
Casi clinici

Idem sentire

Casi clinici/ A volte, per riconoscersi, bastano uno sguardo e poche parole. Un’affinità immediata che può nascere anche in una stanza di ospedale.

Continua a leggere »
Primo Piano

Il morbo di K

Nel Giorno della Memoria, il ricordo di un’insolita epidemia che salvò molti ebrei dalla deportazione.

Continua a leggere »
Editoriale

Medicina è cultura

Insieme ai farmaci, anche i testi letterari possono diventare una cura. Per sostituire alla moderna frenesia il benessere offerto dalle buone letture.

Continua a leggere »
Casi clinici

Eleganza medica

Casi clinici/ Seduto accanto al letto c’è un uomo elegante, molto elegante. Nessuno vedendolo potrebbe pensarlo se non medico: è l’archetipo del medico.

Continua a leggere »
Intervista

Al ritmo del cervello

Alberto Benussi, neurologo e ricercatore UniBs, studia nuove metodiche non invasive per sfidare Alzheimer e demenze

Continua a leggere »
Editoriale

Out of pocket

Per mantenere un Servizio Sanitario Nazionale all’altezza della sua tradizione è necessario mettersi in ascolto degli uomini e delle donne che vi lavorano

Continua a leggere »
Casi clinici

Il valore della memoria

Casi clinici/ E’ stato testimone delle tappe più importanti della comunità: la storia di Giuseppe che ricorda la Spoon River di chi non c’è più

Continua a leggere »
Primo Piano

Nodi da sciogliere

La revoca della sospensione dei medici non vaccinati impone una riflessione deontologica importante. Insieme ad un’analisi dei nodi da sciogliere per il futuro.

Continua a leggere »
Casi clinici

Le visite notturne

Casi clinici/ Un uomo anziano e religiosissimo, una confidenza sventurata, il ricovero in ospedale. La ripresa dell’autonomia che passa dalla riscoperta di una complicità perduta.

Continua a leggere »
Editoriale

Si può morire di vecchiaia?

Sulla base del certificato ufficiale di morte, la Regina Elisabetta II sarebbe morta di vecchiaia. Ma esiste la morte per “vecchiaia”? E l’età è di per sé una malattia?

Continua a leggere »
Casi clinici

La figlia di Forlì

Casi clinici/ Una coppia anziana, una figlia lontana e una vicina, il delicato lavoro di composizione del medico. Perché per dare “buoni consigli” bisogna guadagnare i titoli sul campo della quotidianità.

Continua a leggere »
Recensione

Libri/ Racconti psichiatrici

Dei folli, gli psicotici, i matti non si parla più molto. L’esordio letterario di due psichiatri prova a raccontare questo mondo, affidandosi all’intensità degli epigrammi e ad un medical thriller.

Continua a leggere »
Primo Piano

Le “altre” pandemie

Sars-CoV-2 e non solo: le altre pandemie non infettive contribuiscono a distogliere lo sguardo. La guerra, il cambiamento climatico, la crisi di governo. Come sarà l’autunno con tante incertezze all’orizzonte?

Continua a leggere »
Editoriale

Il ruolo sociale del medico

Nonostante i progressi terapeutici e le straordinarie conquiste in campo medico, l’insoddisfazione dei pazienti (ma anche dei medici) è molto aumentata. Analizzarla è il primo passo verso possibili soluzioni.

Continua a leggere »
Primo Piano

Tempi difficili

L’editoriale del direttore Balestrieri analizza il periodo attuale segnato da pandemia, guerra e cambiamenti climatici, alla riscoperta di un senso più autentico della professione medica.

Continua a leggere »
Intervista

La parola è un farmaco

Fausto Manara, psichiatra e psicoterapeuta, innovatore nelle cure per i disturbi del comportamento alimentare, analizza il malessere di un presente inquieto. «Il punto vero è la difficoltà ad avere consapevolezza di chi siamo e quanto valiamo».

Continua a leggere »
Casi clinici

I luoghi della memoria

Casi clinici/ Un incontro inatteso nel silenzio del cimitero riporta alla luce un passato lontano. Alla ricerca di un senso, anche quando i ricordi sembrano svanire.

Continua a leggere »
Primo Piano

Il tempo triste di un mestiere bellissimo

Un sabato mattina d’estate, aspettando di andare al mare. Un improvviso malore e la corsa in Pronto soccorso, scenario di momenti relazionali su cui si misura la vera qualità del medico. Con un ringraziamento postumo, affidato a una cartolina da Rimini.

Continua a leggere »
Casi clinici

Preghiera a Gesù

Casi clinici/ Un lungo matrimonio, una storia esemplare di amore coniugale, che non arretra di fronte alla fatica di vivere. E una preghiera da recitare insieme, tutte le sere.

Continua a leggere »
0
Lascia un commentox