Cerca

Uno spazio di confronto sulla medicina con notizie, opinioni e commenti

Notiziario dell'Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri di Brescia – aut. Tribunale di Brescia n. 195/1962

La relazione che cura

È uno di quei posti dove si cura la Gente. Si cura perché lui o lei sta male.

Il paziente indica lo zainetto con i due ordigni da lui stesso confezionati. Vuol fare saltare il campo da calcio dove, da ragazzo, non lo facevano giocare nella squadra.

Lei, la dottoressa del centro psicosociale pubblico di Orzinuovi, lo conosce e lo sa ascoltare.

Ha scelto di fare questo lavoro, di venire a contatto con chi tutti i giorni sperimenta il disagio del vivere.

Ma lì in quel posto aperto a chi sta male lo conoscono tutti. Non è mai stato aggressivo. Gli parla e lui consegna il suo zainetto e tutto finisce.

Paura per gli operatori e gli altri pazienti che scema rapidamente con l’intervento tempestivo della sicurezza.

Un episodio.

Lei, la psichiatra, non ha fatto altro che il suo lavoro, potrebbe essere il commento scontato e superficiale.

Viviamo un tempo di crisi del nostro Servizio Sanitario Nazionale resa drammaticamente evidente dalla pandemia. È in discussione l’esistenza stessa dei suoi valori istitutivi: il diritto fondamentale alla salute che, come tale, viene prima di tutti gli altri. Tutti noi, nel nostro particolare, lo diamo per scontato finché… finché non viene meno.

Siamo tutti coscienti della ristrettezza di risorse, con situazioni di drammatica carenza di professionisti che condizionano le stesse possibilità di nuove progettualità.

Il mondo del disagio psichico, insieme a tanti altri settori della sanità, vive da anni una realtà non più proporzionata alla richiesta di salute.

La dottoressa non ha pensato al suo carico di lavoro, alla sua retribuzione, al sacrificio spesso della vita famigliare e sociale. Ha semplicemente pensato a lui, e l’ha curato.

Quanto allora è monetizzabile, e quanto è possibile ridimensionare il diritto costituzionale alla salute?

Certo dobbiamo fare i conti, proprio i conti, ma il diritto alla cura è una priorità che riguarda tutti, nessuno escluso.

Ed anche noi dobbiamo guardarci dentro per le nostre inefficienze e inappropriatezze.

Per la salute di tutti noi è il momento delle scelte, certamente realistiche, ma che dovrebbero continuare a preservare il diritto di quel ragazzo, che non riusciva a giocare a calcio, a trovare qualcuno che a lui si avvicina, lo ascolta, lo capisce e se ne prende cura… solo perché sta male.

Noi comunità medica possiamo fare solo una cosa.

Ringraziare la dottoressa e gli altri operatori perché lo “spirito di servizio”, nonostante tutto, resiste.

Loading

5 1 voto
Valutazione articolo
Iscriviti
Notificami
inserisci il tuo indirizzo e-mail

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti

Altri Articoli

Casi clinici

Perduto amore

Casi clinici/ Una paziente con disturbo dell’umore, l’ennesimo consulto e le ragioni di un nome improbabile, ricordo di un amore perduto.

Continua a leggere »
Casi clinici

Pregiudizi e prognosi

Casi clinici/ Perché quell’errore prognostico? Cosa l’ha condizionato?
Un caso emblematico che dà voce all’esperienza condivisa da molti medici.

Continua a leggere »
Articolo

Ritorno a Kabul

Dall’Afghanistan ai Paesi teatro di crisi umanitarie, una testimonianza di vita dalla cooperazione internazionale.

Continua a leggere »
Casi clinici

Sentire voci

Casi clinici/ Una tv che parla, anche da spenta. Una riflessione sulla vecchiaia, la povertà e la relazione d’aiuto.

Continua a leggere »
Casi clinici

La famiglia numerosa

Casi clinici/ Qual è la scelta migliore? Un paziente anziano, tanti figli e la difficile mediazione tra bisogni, opinioni e desideri.

Continua a leggere »
Primo Piano

Portaflebo

Casi clinici/ Nell’anticamera di una stanza di ospedale, l’attesa, scandita dal lento passare dei giorni di una settimana.

Continua a leggere »
Primo Piano

A cuore aperto

Innovatore nell’ambito della cardiochirurgia, il prof. Alfieri si racconta in occasione del prestigioso riconoscimento Mitral Conclave Lifetime Achievement Award.

Continua a leggere »
Articolo

Uno sguardo sul futuro

Il discorso tenuto dal presidente CAO, dottor Fusardi, durante l’Assemblea annuale dell’Ordine dei Medici di Brescia, lo scorso 16 aprile 2023.

Continua a leggere »
Casi clinici

Le sorelle Samantha

Casi clinici/ Una casa popolare in provincia, una pentola che bolle sui fornelli, una donna affetta da demenza, attorniata da una famiglia molto particolare.

Continua a leggere »
Recensione

Il capitale biologico

Recensione del libro "Il capitale biologico – Le conseguenze sulla salute delle diseguaglianze sociali", di Luca Carra e Paolo Vineis.

Continua a leggere »
Primo Piano

Non lasciateci soli

Riceviamo e volentieri pubblichiamo la lettera della dottoressa Sara Palmieri, apparsa sui media e condivisa da moltissimi colleghi.

Continua a leggere »
Casi clinici

Idem sentire

Casi clinici/ A volte, per riconoscersi, bastano uno sguardo e poche parole. Un’affinità immediata che può nascere anche in una stanza di ospedale.

Continua a leggere »
Primo Piano

Il morbo di K

Nel Giorno della Memoria, il ricordo di un’insolita epidemia che salvò molti ebrei dalla deportazione.

Continua a leggere »
Editoriale

Medicina è cultura

Insieme ai farmaci, anche i testi letterari possono diventare una cura. Per sostituire alla moderna frenesia il benessere offerto dalle buone letture.

Continua a leggere »
Casi clinici

Eleganza medica

Casi clinici/ Seduto accanto al letto c’è un uomo elegante, molto elegante. Nessuno vedendolo potrebbe pensarlo se non medico: è l’archetipo del medico.

Continua a leggere »
Intervista

Al ritmo del cervello

Alberto Benussi, neurologo e ricercatore UniBs, studia nuove metodiche non invasive per sfidare Alzheimer e demenze

Continua a leggere »
Editoriale

Out of pocket

Per mantenere un Servizio Sanitario Nazionale all’altezza della sua tradizione è necessario mettersi in ascolto degli uomini e delle donne che vi lavorano

Continua a leggere »
Casi clinici

Il valore della memoria

Casi clinici/ E’ stato testimone delle tappe più importanti della comunità: la storia di Giuseppe che ricorda la Spoon River di chi non c’è più

Continua a leggere »
0
Lascia un commentox