Cerca

Uno spazio di confronto sulla medicina con notizie, opinioni e commenti

Notiziario dell'Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri di Brescia – aut. Tribunale di Brescia n. 195/1962

Farmaci, ambiente e salute: alcune raccomandazioni green

Pillole Green

Le Pillole Green sono approfondimenti periodici che riguardano i “micro” interventi in ambito sanitario per contribuire a salvaguardare l’ambiente e il clima. Le Pillole sono a cura dell’Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia di Bergamo, con cui volentieri avviamo questa collaborazione.

Pillola n.10/ Farmaci, ambiente e salute: alcune raccomandazioni green

a cura di Antonio Bonaldi con la collaborazione di Vitalia Murgia, pediatra Isde

I farmaci sono una delle più importanti conquiste della medicina, ma vanno utilizzati in modo corretto, perché possono avere effetti collaterali e nuocere all’ambiente in due modi: attraverso la contaminazione del suolo e delle acque e con l’emissione di gas serra.

Mediante le acque reflue delle fognature i farmaci presenti nelle urine e nelle feci dei pazienti, si disperdono nelle diverse matrici ambientali dove possono restare bioattivi per anni e raggiungere l’uomo attraverso la catena alimentare. Oggi, vi sono prove consistenti che l’esposizione prolungata a queste sostanze, anche a bassi dosaggi, provochi alterazioni endocrine nei pesci, nelle rane, negli uccelli e nella vegetazione acquatica, mentre i residui di antibiotici possono favorire lo sviluppo di germi multiresistenti.

La produzione, il trasporto, l’uso e lo smaltimento dei farmaci sono inoltre responsabili di circa il 20% delle emissioni di gas serra generate dai servizi sanitari. Il settore farmaceutico, rappresenta quindi una grossa opportunità per ridurre le emissioni di CO2.

Insomma, si tratta di un problema emergente a cui prestare molta attenzione, anche perché, a causa dell’invecchiamento della popolazione e dei progressi scientifici, il consumo di famaci e il numero di nuove molecole rilasciate nell’ambiente è inevitabilmente destinato a crescere.

Ecco, quindi, alcune raccomandazioni pratiche.

Utilizzare i farmaci in modo appropriato

Secondo l’OMS, circa la metà dei medicinali sono prescritti o venduti in modo inappropriato e la metà dei pazienti non li assume correttamente (1). Il modo più efficace per ridurre l’impatto dei farmaci sulla salute e sull’ambiente è pertanto quello di intervenire sull’appropriatezza. Un problema che riguarda molti farmaci di uso corrente nella pratica clinica.

Particolare attenzione merita, inoltre, la cosiddetta politerapia: un fenomeno preoccupante e in rapida ascesa che interessa un’ampia porzione di anziani. Basti pensare che circa un terzo della popolazione di età uguale o maggiore di 65 anni assume contemporaneamente, spesso in modo inappropriato, 10 o più farmaci (2). Molti studi hanno dimostrato, peraltro, che l’eccesso di prescrizioni può essere migliorato avviando un processo sistematico di deprescrizione che implica la revisione periodica della terapia in atto, allo scopo di ridurre o sospendere i farmaci non necessari (3).

Scegliere i principi attivi meno dannosi per l’ambiente

Scegliere i farmaci tenendo conto anche del loro impatto sull’ambiente non è facile dato che le informazioni disponibili sono scarse. Esiste una banca dati svedese che può essere d’aiuto (4) ma la Commissione Europea sta rivedendo la legislazione, affinché le Case farmaceutiche, prima dell’immissione in commercio di un nuovo farmaco, forniscano dati completi relativi alla valutazione del rischio ambientale (ERA), compresa l’impronta carbonica (5).

Comunque, quando possibile è importante optare per le alternative terapeutiche più sostenibili. Per esempio, per la cura dell’asma e delle bronco-patie croniche, anziché inalatori che usano propellenti gassosi si può ricorrere agli inalatori in polvere, che a parità di efficacia, hanno un’impronta carbonica fino a 40 volte inferiore (6).

Utilizzare, quando possibile, la somministrazione orale

L’impronta carbonica e i costi associati alla produzione, l’utilizzo e lo smaltimento dei farmaci prescritti per via endovenosa sono di gran lunga maggiori di quelli attribuibili ai farmaci assunti per via orale. Quando possibile è quindi preferibile utilizzare quest’ultima via di somministrazione, che risulta spesso altrettanto efficace e più sicura per il paziente (7).

Smaltire i medicinali in modo corretto

I farmaci non utilizzati o scaduti non vanno gettati negli scarichi domestici o nella pattumiera ma riposti, con le loro confezioni, nei contenitori disponibili presso le farmacie.

__________

1. The world medicines situation. © World Health Organization 2004.

2. Osservatorio Nazionale sull’impiego dei Medicinali. L’uso dei farmaci nella popolazione anziana in Italia. Rapporto Nazionale 2019. Roma: Agenzia Italiana del Farmaco, 2021.

3. Grezzana M: Deprescrizione: come, quando e perché. I luoghi della cura. Rivista on-line – Marzo 2023.

4. Pharmaceuticals and Environment – Janusinfo: Health and Medical Care Administration, Region Stockholm, Sweden.

5. European Health Union: Commission proposes pharmaceuticals reform for more accessible, affordable and innovative medicines. Link

6. Wilkinson AJK et al: Costs of switching to low global warming potential inhalers. An economic and carbon footprint analysis of NHS prescription data in England. BMJ Open 2019;9:e028763.

7. Min Na Eii et al: Sustainable practice: Prescribing oral over intravenous medications BMJ 2023;383:e075297.

Loading

5 1 voto
Valutazione articolo
Iscriviti
Notificami
inserisci il tuo indirizzo e-mail

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti

Altri Articoli

Casi clinici

Pregiudizi e prognosi

Casi clinici/ Perché quell’errore prognostico? Cosa l’ha condizionato?
Un caso emblematico che dà voce all’esperienza condivisa da molti medici.

Continua a leggere »
Articolo

Ritorno a Kabul

Dall’Afghanistan ai Paesi teatro di crisi umanitarie, una testimonianza di vita dalla cooperazione internazionale.

Continua a leggere »
Casi clinici

Sentire voci

Casi clinici/ Una tv che parla, anche da spenta. Una riflessione sulla vecchiaia, la povertà e la relazione d’aiuto.

Continua a leggere »
Casi clinici

La famiglia numerosa

Casi clinici/ Qual è la scelta migliore? Un paziente anziano, tanti figli e la difficile mediazione tra bisogni, opinioni e desideri.

Continua a leggere »
Primo Piano

Portaflebo

Casi clinici/ Nell’anticamera di una stanza di ospedale, l’attesa, scandita dal lento passare dei giorni di una settimana.

Continua a leggere »
Primo Piano

A cuore aperto

Innovatore nell’ambito della cardiochirurgia, il prof. Alfieri si racconta in occasione del prestigioso riconoscimento Mitral Conclave Lifetime Achievement Award.

Continua a leggere »
Articolo

Uno sguardo sul futuro

Il discorso tenuto dal presidente CAO, dottor Fusardi, durante l’Assemblea annuale dell’Ordine dei Medici di Brescia, lo scorso 16 aprile 2023.

Continua a leggere »
Primo Piano

La relazione che cura

Il recente episodio di cronaca che ha coinvolto il Centro psicosociale di Orzinuovi offre l’occasione per ragionare su disagio psichico e investimenti in sanità.

Continua a leggere »
Casi clinici

Le sorelle Samantha

Casi clinici/ Una casa popolare in provincia, una pentola che bolle sui fornelli, una donna affetta da demenza, attorniata da una famiglia molto particolare.

Continua a leggere »
Recensione

Il capitale biologico

Recensione del libro "Il capitale biologico – Le conseguenze sulla salute delle diseguaglianze sociali", di Luca Carra e Paolo Vineis.

Continua a leggere »
Primo Piano

Non lasciateci soli

Riceviamo e volentieri pubblichiamo la lettera della dottoressa Sara Palmieri, apparsa sui media e condivisa da moltissimi colleghi.

Continua a leggere »
Casi clinici

Idem sentire

Casi clinici/ A volte, per riconoscersi, bastano uno sguardo e poche parole. Un’affinità immediata che può nascere anche in una stanza di ospedale.

Continua a leggere »
Primo Piano

Il morbo di K

Nel Giorno della Memoria, il ricordo di un’insolita epidemia che salvò molti ebrei dalla deportazione.

Continua a leggere »
Editoriale

Medicina è cultura

Insieme ai farmaci, anche i testi letterari possono diventare una cura. Per sostituire alla moderna frenesia il benessere offerto dalle buone letture.

Continua a leggere »
Casi clinici

Eleganza medica

Casi clinici/ Seduto accanto al letto c’è un uomo elegante, molto elegante. Nessuno vedendolo potrebbe pensarlo se non medico: è l’archetipo del medico.

Continua a leggere »
Intervista

Al ritmo del cervello

Alberto Benussi, neurologo e ricercatore UniBs, studia nuove metodiche non invasive per sfidare Alzheimer e demenze

Continua a leggere »
Editoriale

Out of pocket

Per mantenere un Servizio Sanitario Nazionale all’altezza della sua tradizione è necessario mettersi in ascolto degli uomini e delle donne che vi lavorano

Continua a leggere »
Casi clinici

Il valore della memoria

Casi clinici/ E’ stato testimone delle tappe più importanti della comunità: la storia di Giuseppe che ricorda la Spoon River di chi non c’è più

Continua a leggere »
Primo Piano

Nodi da sciogliere

La revoca della sospensione dei medici non vaccinati impone una riflessione deontologica importante. Insieme ad un’analisi dei nodi da sciogliere per il futuro.

Continua a leggere »
Casi clinici

Le visite notturne

Casi clinici/ Un uomo anziano e religiosissimo, una confidenza sventurata, il ricovero in ospedale. La ripresa dell’autonomia che passa dalla riscoperta di una complicità perduta.

Continua a leggere »
Editoriale

Si può morire di vecchiaia?

Sulla base del certificato ufficiale di morte, la Regina Elisabetta II sarebbe morta di vecchiaia. Ma esiste la morte per “vecchiaia”? E l’età è di per sé una malattia?

Continua a leggere »
Casi clinici

La figlia di Forlì

Casi clinici/ Una coppia anziana, una figlia lontana e una vicina, il delicato lavoro di composizione del medico. Perché per dare “buoni consigli” bisogna guadagnare i titoli sul campo della quotidianità.

Continua a leggere »
Recensione

Libri/ Racconti psichiatrici

Dei folli, gli psicotici, i matti non si parla più molto. L’esordio letterario di due psichiatri prova a raccontare questo mondo, affidandosi all’intensità degli epigrammi e ad un medical thriller.

Continua a leggere »
Primo Piano

Le “altre” pandemie

Sars-CoV-2 e non solo: le altre pandemie non infettive contribuiscono a distogliere lo sguardo. La guerra, il cambiamento climatico, la crisi di governo. Come sarà l’autunno con tante incertezze all’orizzonte?

Continua a leggere »
Editoriale

Il ruolo sociale del medico

Nonostante i progressi terapeutici e le straordinarie conquiste in campo medico, l’insoddisfazione dei pazienti (ma anche dei medici) è molto aumentata. Analizzarla è il primo passo verso possibili soluzioni.

Continua a leggere »
Primo Piano

Tempi difficili

L’editoriale del direttore Balestrieri analizza il periodo attuale segnato da pandemia, guerra e cambiamenti climatici, alla riscoperta di un senso più autentico della professione medica.

Continua a leggere »
0
Lascia un commentox