Cerca

Uno spazio di confronto sulla medicina con notizie, opinioni e commenti

Notiziario dell'Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri di Brescia – aut. Tribunale di Brescia n. 195/1962

Dire la verità o “fare” la verità

«La verità non si contempla: si fa».

Perché prendere a prestito le parole di un filosofo parlando di sanità?

Dobbiamo ritornare alla pandemia.

Quali “verità” ha definitivamente rivelato e quali le azioni conseguenti?

Nei momenti drammatici di esordio l’ignoranza sulla malattia si traduceva nella consapevolezza amara della nostra impotenza, dopo anni di presunte “magnifiche sorti e progressive” della nostra scienza o, più correttamente, della nostra pratica.  Dopo la grande illusione di una solidarietà diffusa, della responsabilità collettiva del prendersi cura gli uni degli altri, anche gli altri a noi non vicini, e la convinzione che COVID 19 ci avrebbe cambiato dentro: la realtà. Contenuta la “morte diffusa”, grazie ai vaccini, e con l’attenuarsi della paura siamo ritornati al nostro “particulare”. È un atteggiamento comprensibile, quasi naturale, antropologico. Superata l’emergenza è rinato il desiderio di una vita “normale” fatta delle nostre singole emozioni, gioie e sofferenze, non più condizionata da un fattore esterno totalizzante che sembrava incontrollabile. E questo riguarda anche noi. Noi, però, abbiamo messo in campo nei momenti bui, e questa è una certezza, un nuovo spirito ippocratico. Ci siamo parlati, ci siamo aiutati e abbiamo cercato di non lasciare indietro alcuno.

Ma le verità del COVID, che poi sono quelle del nostro tempo attuale e futuro, sono lì evidenti, vive.

La nostra salute è intrinsecamente legata alla salute dell’ambiente e degli animali. Sappiamo con certezza “che il cambiamento climatico, l’inquinamento, lo sfruttamento indebito delle risorse naturali incidono sulla nostra salute”. (1) Il concetto di One health è definitivamente acquisito e dovrebbe guidare tutte le scelte di politica sanitaria («health in all policies»).

Tutti siamo consapevoli di quanto i determinanti socioeconomici incidano sulla salute.

La letteratura ha documentato come, nei Paesi in cui non esiste un sistema sanitario solidale ed universale, le diseguaglianze socioeconomiche si sono accentuate disvelando ancora di più il loro effetto deleterio sugli ultimi.

Con tutti i limiti emersi nella pandemia il nostro sistema ha invece retto ed ha limitato le discriminazioni.

Ma le verità “rivelate” da COVID dovrebbero farci pensare o ripensare. Abbiamo toccato con mano le nostre fragilità. Dalla prevenzione trascurata e quasi dimenticata, alla medicina territoriale, ai vari livelli indispensabili di integrazione fra i vari setting di cura ed il sociale, all’organizzazione, all’informatica, alla telemedicina, all’intelligenza artificiale e alla lotta agli sprechi. «Una visione globale è ormai irrinunciabile: è necessario passare dal condizionale «dovrebbero» al «dobbiamo»….» (1).

Evidenze certe, quasi ovvie che, quindi, non dovremmo, ma dobbiamo affrontare. Ed allora perché percepisco una sensazione di disagio profondo e diffuso.

Chi ha qualche anno di mestiere alle spalle (decenni!) ha condiviso, praticato e vissuto i principi fondativi del Servizio Sanitario Nazionale dettati dalla Costituzione.

Se decliniamo “la tutela della salute quale diritto fondamentale”, in termini meno aulici, diventa diritto alla cura. Cura che non finisce anche quando la malattia ha vinto.

È ancora garantito il diritto alla cura nel nostro Paese? Fiumi di dati dimostrano che, se ancora riusciamo a tutelare chi soffre di emergenze o di patologie severe, pur con cronici ritardi, su molti altri versanti l’accesso alle cure non trova risposta nel Servizio Sanitario Nazionale (SSN).

È un declino inarrestabile? Da qui lo sconforto di molti di noi, che spesso si traduce in abbandono.

Mancano i soldi, tanti soldi. Soldi sottratti al sistema ormai da decenni.

Ma prima di accennare a soluzioni possibili parliamo di noi.

La qualità della nostra professione è ancora adeguata al nostro tempo?

Quali competenze, quali nuove competenze del medico oggi?

Lavorare in team allargati multidisciplinari, multiprofessionali ed aperti al sociale, è un must che ci ripetiamo ad ogni convegno. Ma non basta enunciare un principio giusto, “dobbiamo” imparare come si lavora insieme, strutturando le interazioni con le altre professioni sanitarie. “Dobbiamo” possedere la digitalizzazione, la telemedicina, capire potenzialità e rischi dell’intelligenza artificiale. È un lavoro culturale improbo che “deve” vedere in prima fila la migliore intellighenzia della professione, dagli Ordini, all’accademia, ai sindacati, alle società scientifiche, ai pazienti.

Le attuali modalità di aggiornamento sono coerenti con questa prospettiva?

Questo è quello che “dobbiamo” fare noi. Questo Ordine con grande fatica, ma impegno strenuo sta progettando, su queste basi, un percorso di aggiornamento.

Mancano i soldi. Ed è del tutto giusto che nelle piazze italiane si facciano sentire i medici, sottopagati e con una qualità della vita che allontana sempre di più i giovani dal mestiere che per molti di noi è stato un sogno realizzato. Un medico competente, moderno, che sia messo in condizioni di riscoprire il valore fondante della relazione di cura e con una vita famigliare e sociale non condizionata dalla continua frustrazione di un’organizzazione obsoleta e da carenze strutturali ed umane drammatiche, ritrova sé stesso, ma ciò che più conta cura meglio i malati.

Mancano i soldi. Il sistema non è più sostenibile: è diventato il refrain di un tormentone estivo.

Certo chi si è affacciato alla professione tanti anni fa sull’onda della 833 fondata sull’articolo 32 della Costituzione ha creduto (ingenuamente?) che il diritto “fondamentale” alla salute, o meglio, alla cura, si realizzasse in sanità con “il tutto a tutti”.

E la realtà?

Mancano i soldi e da tanto tempo. Il sistema è profondamente cambiato. Accanto al pubblico ampi spazi oggi sono gestiti dal privato accreditato e la quota out of pocket e intermediata costituisce una frazione rilevante dell’intera spesa sanitaria.

Si legge quasi quotidianamente che in Italia è in atto una privatizzazione sotterranea della sanità in continua evoluzione. Gli argomenti a favore di questa tesi appiano suggestivi.

Eppure, non ricordo alcuna dichiarazione ufficiale della politica, delle agenzie culturali, dei corpi intermedi che auspichi un cambiamento di sistema: da un SSN basato sul contributo di tutti, per cui chi sta male, e vive il dolore e il non senso della malattia, trova risposte consone, indipendentemente dalla sua condizione sociale ed economica, a modalità diverse di finanziamento, presenti in molti Paesi, non basate sulla fiscalità generale (leggi: solidarietà).

Mancano i soldi. Ma se queste premesse sono vere il diritto alla cura (insieme alla scuola) è una priorità.

La priorità! Già questo principio dovrebbe, “deve”, essere determinante per l’impegno delle risorse.

Se si affronta la questione con spirito laico, superando la nostalgia personale per l’idealità anacronistica (forse) del “tutto a tutti”, facendo i conti con la realtà e prendendo per buone le affermazioni univoche sulla indispensabilità del nostro SSN, nel suo assetto solidale ed equanime, ha ancora senso parlare di sostenibilità?

Due azioni appaiono imprescindibili: un diverso rapporto sinergico e non competitivo con il privato accreditato basato su regole condivise, sulla programmazione degli ambiti di intervento a seconda delle necessità di sistema, privilegiando l’appropriatezza delle prestazioni rispetto alla produttività (leggi remunerabilità); un’analisi critica dei sistemi assicurativi, integrativi e sostituivi, considerandone l’impatto sulla spesa sanitaria globale davvero rilevante e in crescita degli ultimi anni,  che potrebbe davvero spostare l’asse della salute in relazione alle condizioni economiche individuali, rispetto al diritto costituzionale di accesso universale alle cure.

Questi gli elementi di fondo, che insieme alla “questione medica” ed alle innovazioni organizzative e tecnologiche favorite dal PNRR, dovrebbero essere alla base di una proposta tempestiva della Politica che nasca dal coinvolgimento di Ordini, Sindacati, Accademia e Pazienti.

Ogni scelta politica, democraticamente determinata, è legittima, ma se ancora non possiamo pretendere che “la verità non si contempla: si fa”, è un diritto conoscere il destino del nostro SSN, per noi professionisti della salute, medici e no, ma, ciò che più conta, per i nostri pazienti.

(1) Laura Palazzani, Un cambio di paradigma per la salute, Corriere Salute, 22 maggio 2023.

Loading

5 1 voto
Valutazione articolo
Iscriviti
Notificami
inserisci il tuo indirizzo e-mail

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti

Altri Articoli

Casi clinici

Pregiudizi e prognosi

Casi clinici/ Perché quell’errore prognostico? Cosa l’ha condizionato?
Un caso emblematico che dà voce all’esperienza condivisa da molti medici.

Continua a leggere »
Articolo

Ritorno a Kabul

Dall’Afghanistan ai Paesi teatro di crisi umanitarie, una testimonianza di vita dalla cooperazione internazionale.

Continua a leggere »
Casi clinici

Sentire voci

Casi clinici/ Una tv che parla, anche da spenta. Una riflessione sulla vecchiaia, la povertà e la relazione d’aiuto.

Continua a leggere »
Casi clinici

La famiglia numerosa

Casi clinici/ Qual è la scelta migliore? Un paziente anziano, tanti figli e la difficile mediazione tra bisogni, opinioni e desideri.

Continua a leggere »
Primo Piano

Portaflebo

Casi clinici/ Nell’anticamera di una stanza di ospedale, l’attesa, scandita dal lento passare dei giorni di una settimana.

Continua a leggere »
Primo Piano

A cuore aperto

Innovatore nell’ambito della cardiochirurgia, il prof. Alfieri si racconta in occasione del prestigioso riconoscimento Mitral Conclave Lifetime Achievement Award.

Continua a leggere »
Articolo

Uno sguardo sul futuro

Il discorso tenuto dal presidente CAO, dottor Fusardi, durante l’Assemblea annuale dell’Ordine dei Medici di Brescia, lo scorso 16 aprile 2023.

Continua a leggere »
Primo Piano

La relazione che cura

Il recente episodio di cronaca che ha coinvolto il Centro psicosociale di Orzinuovi offre l’occasione per ragionare su disagio psichico e investimenti in sanità.

Continua a leggere »
Casi clinici

Le sorelle Samantha

Casi clinici/ Una casa popolare in provincia, una pentola che bolle sui fornelli, una donna affetta da demenza, attorniata da una famiglia molto particolare.

Continua a leggere »
Recensione

Il capitale biologico

Recensione del libro "Il capitale biologico – Le conseguenze sulla salute delle diseguaglianze sociali", di Luca Carra e Paolo Vineis.

Continua a leggere »
Primo Piano

Non lasciateci soli

Riceviamo e volentieri pubblichiamo la lettera della dottoressa Sara Palmieri, apparsa sui media e condivisa da moltissimi colleghi.

Continua a leggere »
Casi clinici

Idem sentire

Casi clinici/ A volte, per riconoscersi, bastano uno sguardo e poche parole. Un’affinità immediata che può nascere anche in una stanza di ospedale.

Continua a leggere »
Primo Piano

Il morbo di K

Nel Giorno della Memoria, il ricordo di un’insolita epidemia che salvò molti ebrei dalla deportazione.

Continua a leggere »
Editoriale

Medicina è cultura

Insieme ai farmaci, anche i testi letterari possono diventare una cura. Per sostituire alla moderna frenesia il benessere offerto dalle buone letture.

Continua a leggere »
Casi clinici

Eleganza medica

Casi clinici/ Seduto accanto al letto c’è un uomo elegante, molto elegante. Nessuno vedendolo potrebbe pensarlo se non medico: è l’archetipo del medico.

Continua a leggere »
Intervista

Al ritmo del cervello

Alberto Benussi, neurologo e ricercatore UniBs, studia nuove metodiche non invasive per sfidare Alzheimer e demenze

Continua a leggere »
Editoriale

Out of pocket

Per mantenere un Servizio Sanitario Nazionale all’altezza della sua tradizione è necessario mettersi in ascolto degli uomini e delle donne che vi lavorano

Continua a leggere »
Casi clinici

Il valore della memoria

Casi clinici/ E’ stato testimone delle tappe più importanti della comunità: la storia di Giuseppe che ricorda la Spoon River di chi non c’è più

Continua a leggere »
Primo Piano

Nodi da sciogliere

La revoca della sospensione dei medici non vaccinati impone una riflessione deontologica importante. Insieme ad un’analisi dei nodi da sciogliere per il futuro.

Continua a leggere »
Casi clinici

Le visite notturne

Casi clinici/ Un uomo anziano e religiosissimo, una confidenza sventurata, il ricovero in ospedale. La ripresa dell’autonomia che passa dalla riscoperta di una complicità perduta.

Continua a leggere »
Editoriale

Si può morire di vecchiaia?

Sulla base del certificato ufficiale di morte, la Regina Elisabetta II sarebbe morta di vecchiaia. Ma esiste la morte per “vecchiaia”? E l’età è di per sé una malattia?

Continua a leggere »
Casi clinici

La figlia di Forlì

Casi clinici/ Una coppia anziana, una figlia lontana e una vicina, il delicato lavoro di composizione del medico. Perché per dare “buoni consigli” bisogna guadagnare i titoli sul campo della quotidianità.

Continua a leggere »
Recensione

Libri/ Racconti psichiatrici

Dei folli, gli psicotici, i matti non si parla più molto. L’esordio letterario di due psichiatri prova a raccontare questo mondo, affidandosi all’intensità degli epigrammi e ad un medical thriller.

Continua a leggere »
Primo Piano

Le “altre” pandemie

Sars-CoV-2 e non solo: le altre pandemie non infettive contribuiscono a distogliere lo sguardo. La guerra, il cambiamento climatico, la crisi di governo. Come sarà l’autunno con tante incertezze all’orizzonte?

Continua a leggere »
Editoriale

Il ruolo sociale del medico

Nonostante i progressi terapeutici e le straordinarie conquiste in campo medico, l’insoddisfazione dei pazienti (ma anche dei medici) è molto aumentata. Analizzarla è il primo passo verso possibili soluzioni.

Continua a leggere »
Primo Piano

Tempi difficili

L’editoriale del direttore Balestrieri analizza il periodo attuale segnato da pandemia, guerra e cambiamenti climatici, alla riscoperta di un senso più autentico della professione medica.

Continua a leggere »
0
Lascia un commentox