Uno spazio di confronto sulla medicina con notizie, opinioni e commenti

Notiziario dell'Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri di Brescia – aut. Tribunale di Brescia n. 195/1962

In ascolto dei giovani medici

Il commento del prof. Padovani, Prorettore con Delega alla Ricerca di UniBs, all’indagine rivolta dall’Ordine ai giovani medici per approfondire motivazioni, problemi e prospettive del loro percorso professionale.

E’ con molto piacere che ho accolto l’invito di scrivere questo commento a seguito dell’inchiesta promossa dall’Ordine dei Medici e degli Odontoiatri di Brescia. Inchiesta quanto mai tempestiva e attuale per diverse ragioni.

La recente pandemia, la riforma del Servizio Sanitario Nazionale e la applicazione del DM 77, il PNRR alla luce dell’impegno degli Stati Membri al Progetto Next Generation, hanno portato alla luce i punti di forza della Sanità italiana, ma anche le crescenti criticità e le ormai storiche inefficienze. Noi tutti, medici e operatori del settore, viviamo con forte preoccupazione la crisi economica e sociale che ha inevitabili ripercussioni sulla nostra professione e sulla tenuta del tanto acclamato SSN come evidente alle notizie che riempiono anche in questi giorni giornali e televisioni.

Per queste ragioni, è quanto mai informativo e degno di attenzione quale sia lo stato d’animo e il pensiero di chi ha cominciato a percorrere i primi passi verso la professione medica. Le domande poste non hanno risposte facili. Tutte pongono la necessità di una riflessione profonda e di un processo di introspezione non facile.

Perché si sceglie di fare il medico oggi? Vocazione missionaria, interesse scientifico, ruolo sociale, emulazione familiare, insicurezza personale, bisogno affettivo, una serie televisiva. Spesso, un insieme inconsapevole di ciascuna di queste ma in ogni caso un agito personale, ovvero una libera scelta.

Ecco, il primo nodo o il primo elemento di riflessione. Cosa è una libera scelta? Essa dovrebbe essere un atto volontario, razionale, anche impulsivo, che avviene nel momento in cui si presentano più alternative delle quali se ne assume una, se ne conosce la conseguenza. Secondo Aristotele, la scelta è libera quando nasce dall’individuo sempre che vi sia nel soggetto una conoscenza di tutte le circostanze particolari associate alla scelta. Ma è così? Quali strumenti ha oggi un giovane che sceglie? Quale il processo che orienta la scelta?

In realtà, come evidente da alcune risposte, poche sono le occasioni che permettono di conoscere quale sia la professione medica, quali le reali opportunità, quali i percorsi e quali gli ostacoli. Questo aspetto non è banale, se si pensa ad un aspetto non del tutto noto anche in relazione alle polemiche, spesso strumentali, dell’opportunità di mantenere o meno il numero chiuso. Infatti, il numero di adesioni al concorso è molto alto, seppure stabilmente, tra 60.000 e 70.000, ma il numero di quesiti superati per accedere al corso di laurea sono poco sopra la metà. Ovvero, la maggior parte di coloro che rimangono esclusi non sono in grado di rispondere correttamente a 1 quesito su due.

E’ un dato, riduttivo quanto si vuole, ma esemplificativo della scarsa preparazione che accompagna una popolazione di giovani sinceramente appassionati e romanticamente attratti da una professione percepita come unicamente umanistica.

Considerazioni analoghe possono essere espresse anche a proposito della seconda domanda relativa alla scelta dell’area di interesse e specializzazione. Infatti, le risposte fornite esprimono ancora una volta un agito personale, una decisione spesso casuale e occasionale, determinata da eventi esperienziali e relazionali a conferma di un percorso, quello universitario, ancora oggi eccessivamente frammentato e raramente ispirato ad una progettualità formativa integrata e orientata ai reali bisogni di salute.

Sarebbe invece necessaria una forte riflessione sul ruolo del medico e una costante condivisione degli scenari sociali e assistenziali che permetta agli studenti di medicina di avere strumenti conoscitivi più precisi per affrontare la scelta post laurea. Ma oggi non ci sono mappe e bussole per orientare i futuri medici e gli abbandoni da alcune scuole di specializzazione sono un campanello d’allarme da tenere in considerazione, così come la fuga di molti all’estero.

A tal riguardo, non può sorprendere il tenore delle risposte alla domanda relativa alle criticità relative ai rapporti con colleghi, con le strutture sanitarie, e con i pazienti. Le risposte confermano che non vi è una adeguata attenzione da parte del Corso di Laurea agli aspetti relazionali, alle cosiddette soft skills, alla componente formativa della cura intesa come prendersi carico del malato e dei suoi familiari. Si riporta una certa improvvisazione nell’essere esposti al Sistema Sanitario senza essere preparati e accompagnati. Non sorprende che molte risposte si riferiscano alla classe medica, cioè in fondo al medico di reparto, il cosiddetto tutor, spesso sentito come lontano, come distratto, come indaffarato tra burocrazia e burn out, vittima sacrificale di un sistema vissuto come non appagante ed eccessivamente competitivo, esplicitamente condizionato da una parte dai budget, dalla produttività, dalla appropriatezza e dall’altra dalle crescenti responsabilità, dalle carenze di organico e di organizzazione.

A conferma di quanto detto, è del tutto comprensibile da parte degli intervistati il richiamo ad una formazione che coniughi teoria e pratica, che regoli e renda realmente formativi i tempi del tirocinio; in altre parole una formazione che garantisca la graduale acquisizione di responsabilità e di autonomia insieme ad un tutoraggio che non si limiti ad un esercizio formale ma che offra la possibilità di acquisire competenze tecniche e professionali, anche in tema di comunicazione con il paziente, informatizzazione e parte normativa.

Vado a concludere cercando di trarre dalle risposte all’ultima domanda un commento generale. Emerge infatti dall’insieme di questa inchiesta rivolta ai giovani medici una forte richiesta di professionalità e di rispetto del proprio ruolo di medico. Non è più tempo di nascondere le inefficienze e le disorganizzazioni dei sistemi formativi e sanitari nel nome di una presunta missione, per cui va tutto bene. I giovani medici rivendicano di essere preparati adeguatamente, di essere aiutati e orientati nelle loro scelte, di fare il proprio lavoro senza dover rinunciare alla qualità della propria vita. Vi è in tutto questo un senso di maturità, di consapevolezza, di autorevolezza, di fierezza, che è ammirevole e che deve essere fatto proprio da tutti coloro che vogliono essere medici.

4 6 voti
Valutazione articolo
Iscriviti
Notificami
inserisci il tuo indirizzo e-mail

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti

Altri Articoli

Primo Piano

Idem sentire

Casi clinici/ A volte, per riconoscersi, bastano uno sguardo e poche parole. Un’affinità immediata che può nascere anche in una stanza di ospedale.

Continua a leggere »
Primo Piano

Il morbo di K

Nel Giorno della Memoria, il ricordo di un’insolita epidemia che salvò molti ebrei dalla deportazione.

Continua a leggere »
Editoriale

Medicina è cultura

Insieme ai farmaci, anche i testi letterari possono diventare una cura. Per sostituire alla moderna frenesia il benessere offerto dalle buone letture.

Continua a leggere »
Casi clinici

Eleganza medica

Casi clinici/ Seduto accanto al letto c’è un uomo elegante, molto elegante. Nessuno vedendolo potrebbe pensarlo se non medico: è l’archetipo del medico.

Continua a leggere »
Intervista

Al ritmo del cervello

Alberto Benussi, neurologo e ricercatore UniBs, studia nuove metodiche non invasive per sfidare Alzheimer e demenze

Continua a leggere »
Editoriale

Out of pocket

Per mantenere un Servizio Sanitario Nazionale all’altezza della sua tradizione è necessario mettersi in ascolto degli uomini e delle donne che vi lavorano

Continua a leggere »
Casi clinici

Il valore della memoria

Casi clinici/ E’ stato testimone delle tappe più importanti della comunità: la storia di Giuseppe che ricorda la Spoon River di chi non c’è più

Continua a leggere »
Primo Piano

Nodi da sciogliere

La revoca della sospensione dei medici non vaccinati impone una riflessione deontologica importante. Insieme ad un’analisi dei nodi da sciogliere per il futuro.

Continua a leggere »
Casi clinici

Le visite notturne

Casi clinici/ Un uomo anziano e religiosissimo, una confidenza sventurata, il ricovero in ospedale. La ripresa dell’autonomia che passa dalla riscoperta di una complicità perduta.

Continua a leggere »
Editoriale

Si può morire di vecchiaia?

Sulla base del certificato ufficiale di morte, la Regina Elisabetta II sarebbe morta di vecchiaia. Ma esiste la morte per “vecchiaia”? E l’età è di per sé una malattia?

Continua a leggere »
Casi clinici

La figlia di Forlì

Casi clinici/ Una coppia anziana, una figlia lontana e una vicina, il delicato lavoro di composizione del medico. Perché per dare “buoni consigli” bisogna guadagnare i titoli sul campo della quotidianità.

Continua a leggere »
Recensione

Libri/ Racconti psichiatrici

Dei folli, gli psicotici, i matti non si parla più molto. L’esordio letterario di due psichiatri prova a raccontare questo mondo, affidandosi all’intensità degli epigrammi e ad un medical thriller.

Continua a leggere »
Primo Piano

Le “altre” pandemie

Sars-CoV-2 e non solo: le altre pandemie non infettive contribuiscono a distogliere lo sguardo. La guerra, il cambiamento climatico, la crisi di governo. Come sarà l’autunno con tante incertezze all’orizzonte?

Continua a leggere »
Editoriale

Il ruolo sociale del medico

Nonostante i progressi terapeutici e le straordinarie conquiste in campo medico, l’insoddisfazione dei pazienti (ma anche dei medici) è molto aumentata. Analizzarla è il primo passo verso possibili soluzioni.

Continua a leggere »
Primo Piano

Tempi difficili

L’editoriale del direttore Balestrieri analizza il periodo attuale segnato da pandemia, guerra e cambiamenti climatici, alla riscoperta di un senso più autentico della professione medica.

Continua a leggere »
Intervista

La parola è un farmaco

Fausto Manara, psichiatra e psicoterapeuta, innovatore nelle cure per i disturbi del comportamento alimentare, analizza il malessere di un presente inquieto. «Il punto vero è la difficoltà ad avere consapevolezza di chi siamo e quanto valiamo».

Continua a leggere »
Casi clinici

I luoghi della memoria

Casi clinici/ Un incontro inatteso nel silenzio del cimitero riporta alla luce un passato lontano. Alla ricerca di un senso, anche quando i ricordi sembrano svanire.

Continua a leggere »
Primo Piano

Il tempo triste di un mestiere bellissimo

Un sabato mattina d’estate, aspettando di andare al mare. Un improvviso malore e la corsa in Pronto soccorso, scenario di momenti relazionali su cui si misura la vera qualità del medico. Con un ringraziamento postumo, affidato a una cartolina da Rimini.

Continua a leggere »
Casi clinici

Preghiera a Gesù

Casi clinici/ Un lungo matrimonio, una storia esemplare di amore coniugale, che non arretra di fronte alla fatica di vivere. E una preghiera da recitare insieme, tutte le sere.

Continua a leggere »
Casi clinici

La morte della signora Norma

Casi clinici/ Un’anziana sola raccontata dallo sguardo dei sanitari che devono decidere per lei la migliore destinazione, provando a immaginarne la storia e i desideri.

Continua a leggere »
Primo Piano

Il lago dei cigni

Guerra e pandemia, i due cigni neri che hanno messo in crisi le nostre certezze. Per mettere a fuoco le coordinate del futuro l’Ordine lancia un sondaggio on line riservato ai medici bresciani.

Continua a leggere »
Casi clinici

Cibo e demenza

Casi clinici/ Dal cotechino ai cavoli, dal cuscus allo zenzero: il valore dell’alimentazione e il giro del mondo in tavola di un’anziana nell’avvicendamento delle badanti

Continua a leggere »
bambola di pezza
Casi clinici

La suora e la bambola

L’ho incontrata per la prima volta sei mesi fa; mi è stata portata dalle consorelle per un’anormale inquietudine, un comportamento “sopra le righe”. Ottant’anni, è in convento dall’età di dodici.

Continua a leggere »
la città in guerra brucia colpita da un attacco nucleare
Primo Piano

L’ultima epidemia

La guerra nel cuore dell’Europa riporta l’attenzione sulla minaccia nucleare, che potrebbe mettere in pericolo la civiltà umana: l’appello dei medici russi e ucraini aderenti a IPPNW

Continua a leggere »
Casi clinici

Abbandoni

Casi clinici/ “Per una donna ci sono alcuni punti fermi irrinunciabili”. Quegli abbandoni che diventano fattori di rischio della vecchiaia.

Continua a leggere »
0
Lascia un commentox